Keystone
SVIZZERA
28.05.21 - 13:300

«La mancanza di ospiti stranieri complica la stagione estiva»

Dati simili a quelli del 2020 per l'estate. Chiesta l'estensione della regolamentazione dei casi di rigore

BERNA - Gli alberghi svizzeri potranno tornare a respirare solamente nel 2022. È questa la conclusione dell'ultima valutazione della situazione da parte di HotellerieSuisse: a pesare è la mancanza del turismo business e dei Paesi lontani. I tassi di occupazione previsti per l’estate sono attualmente intorno allo stesso livello dell’anno scorso in tutta la Svizzera. Allo stesso tempo, anche il calo di fatturato nel settore alberghiero rimane molto alto. «Questo illustra l’urgenza dell’estensione della regolamentazione per i casi di rigore» fa sapere HotellerieSuisse. «Gli ospiti nazionali e stranieri devono inoltre avere una sicurezza di pianificazione con l’allentamento delle norme di viaggio e di quarantena».

In tutta la Svizzera, i tassi di occupazione durante le vacanze estive non saranno superiori a quelli del 2020. Se si aggiungono i tassi di occupazione di luglio 2019, «è chiaro che la ripresa del turismo ha ancora molta strada davanti a sé». 

Tassi di occupazione - Secondo la valutazione della situazione attuale, i tassi di occupazione previsti per i mesi da giugno ad agosto sono in media del 48% a livello nazionale (rispetto al 2019: 72%). Ciò corrisponde a un calo di circa un quarto. Considerando i singoli mesi, i tassi di occupazione per il mese di giugno 2021 in alcuni casi sono notevolmente inferiori a quelli del 2019 sia nelle regioni alpine sia in quelle urbane. In particolare, l’attuale tasso medio di occupazione nel settore alberghiero cittadino rispetto al 2019 è «drammatico» (39% rispetto all’81%).  Anche a luglio – nonostante le vacanze estive – ci si aspettano in parte perdite massicce. Il tasso di occupazione medio previsto in agosto è del 58% nella regione alpina. Nel 2019, l’occupazione era ancora del 70%. Anche quest’anno le aree urbane si aspettano un’occupazione massicciamente inferiore in agosto. Finora, il livello di prenotazione è pari a quello dell’anno scorso (2021: 46%, 2020: 45%) e ben al di sotto dei tassi di occupazione pre-pandemia (2019: 75%). La maggior parte degli ospiti nazionali continuerà a fare vacanze in Svizzera anche quest’anno. Tuttavia, se la situazione lo permette, c’è anche da aspettarsi che i cittadini svizzeri si rechino sempre più spesso all’estero. Inoltre, mancano ancora ospiti importanti da mercati lontani.

Vacanze di primavera con perdite elevate - Almeno il 36% di tutte le aziende svizzere subisce perdite superiori al 40% durante le vacanze di primavera. Tra gli alberghi di città, addirittura il 50% mostra una perdita del 40% o più, il 18% ravvisa una perdita ben del 70% o più. A livello nazionale, il calo del fatturato nel settore alberghiero rimane quindi a un livello molto alto. Prendendo in considerazione la stagione invernale nel suo complesso (da novembre 2020 ad aprile 2021), il 61% delle aziende ha registrato perdite di oltre il 40%, nel settore alberghiero di città addirittura l’83% delle strutture. In media, questo corrisponde a perdite di più di un milione di franchi per azienda, e nel settore alberghiero cittadino di poco meno di 1,5 milioni. 

L’indagine è stata eseguita da HotellerieSuisse dal 17 al 20 maggio 2021. In questo lasso di tempo, circa 380 dei soci di HotellerieSuisse hanno risposto a varie domande sull’attuale situazione.

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
REGNO UNITO
1 gior
Crisi dei trasporti? In arrivo «visti temporanei» per i camionisti
Il Governo britannico è al lavoro per trovare soluzioni urgenti alla crisi in corso
FRANCIA
1 gior
Kering: stop all'uso di pellicce animali
Nessuna casa di moda del gruppo francese lavorerà più con questo materiale
REGNO UNITO
1 gior
Code ai distributori, per i timori di una carenza di benzina
Le rassicurazioni del Governo britannico non stanno avendo l'effetto sperato
CINA
2 gior
«Tutte le transazioni in criptovaluta sono illegali»
Lo ha comunicato la Banca centrale cinese, ribadendo il proprio pugno duro contro le cripto
CINA
2 gior
Scadenza mancata, Evergrande verso il default
Non ha avuto luogo un pagamento di 83,5 milioni in scadenza ieri, la situazione si fa sempre più cupa
SVIZZERA
2 gior
Sunrise-UPC verso un marchio unico
Lo ha affermato il CEO dell'azienda nata dalla fusione tra Sunrise e UPC, André Krause
SVIZZERA
2 gior
Cinque aziende famigliari svizzere nella Top 100 globale
Quella che occupa la posizione più alta è Roche, al 16esimo posto
UNIONE EUROPEA
3 gior
La mossa europea: un caricatore unico per tutti i dispositivi
Oltre al caricabatterie comune, «non vanno più venduti» nuovi cavi per ogni dispositivo acquistato
STATI UNITI
3 gior
Porti californiani invasi dalle merci
Dopo un drastico cale delle importazioni, il mercato è ripartito alla grande
SVIZZERA
3 gior
Con un nuovo lockdown «sparirebbe una piccola impresa su cinque»
Per il 19% degli imprenditori un nuovo confinamento significherebbe quasi sicuramente la chiusura definitiva
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile