Keystone (archivio)
La sede della Banca Svizzera.
SVIZZERA
22.03.21 - 08:520

La Banca nazionale ha più volte messo la museruola al Franco

La crisi innescata dalla pandemia ha contribuito a rafforzare la nostra valuta.

Un rafforzamento che è stato contrastato dalla Banca nazionale con svariati interventi sul mercato dei cambi con l'acquisto di valuta estera.

BERNA - Sulla scia della crisi del coronavirus nel 2020 la Banca nazionale svizzera (BNS) è intervenuta massicciamente sui mercati delle divise, in misura maggiore di quanto avesse mai fatto, per contrastare il rafforzamento del franco.

Stando al rapporto d'esercizio pubblicato oggi, l'istituto d'emissione ha comprato valute estere per 110 miliardi di franchi, a fronte dei 13 miliardi del 2019. Con il trascorrere dell'anno l'attività della BNS è però diminuita: è stata di 39 miliardi nel primo trimestre e di 52 miliardi nel secondo, nel pieno della pandemia, per poi scendere a 11 e 9 miliardi negli ultimi due trimestri.

La cifra annuale risulta però molto elevata, superiore agli 86 miliardi del 2015, ai 67 miliardi del 2016 e a i 48 miliardi del 2017, cioè gli anni successivi all'abolizione della soglia minima unilaterale nel cambio franco-euro (15 gennaio 2015). Il 2018 si era per contro rivelato un anno tranquillo: a bilancio erano stati inseriti 2 miliardi.

Per la BNS gli interventi sul mercato dei cambi sono uno degli strumenti principali - accanto al tasso d'interesse negativo del -0,75% in vigore dal 22 gennaio 2015 - per prevenire un apprezzamento indesiderato del franco svizzero. Dallo scoppio della crisi del Covid-19 la banca ha sottolineato che si sarebbe attivata sempre più sul mercato, se necessario. Questo perché a suo giudizio il valore della monetata elvetica è ancora elevato.

Come noto questa politica ha portato gli Stati Uniti a bollare la Confederazione come paese manipolatore di valuta, una definizione che il presidente della BNS Thomas Jordan ha più volte respinto. A suo avviso gli interventi dell'istituto sono necessari per assicurare condizioni monetarie appropriate e quindi la stabilità dei prezzi: non mirano quindi a dare un vantaggio competitivo alla nazione di Gugliemo Tell.

Passando a un'ottica più domestica, sono scesi a 1,4 miliardi di franchi (da 1,9 miliardi) gli interessi negativi che le banche nel 2020 hanno versato per i loro depositi presso la BNS: questo perché è stato aumentata la soglia di esonero. Complessivamente alla fine di dicembre gli averi a vista detenuti dall'istituto centrale ammontavano a 702 miliardi, in forte crescita rispetto ai 590 miliardi di dodici mesi prima.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
SteveC 7 mesi fa su tio
Poi sostengono di non manipolare i mercati valutari... che bello sarebbe se ognuno fosse onesto abbastanza da ammettere le proprie responsabilità.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
CANTONE
29 min
Il successo riassunto in 101 storie
Presentato il libro che raccoglie le storie di chi concretamente ha contribuito ad arricchire il nostro cantone.
ITALIA
1 ora
Il primo sciopero del sindacato dei lavoratori da remoto
La protesta della Smart Worker Union è incentrata sulle linee guida nella pubblica amministrazione
SVIZZERA
3 ore
Prospettive economiche: analisti meno fiduciosi
Cresce la prudenza a riguardo del futuro della congiuntura elvetica
Regno Unito
6 ore
Foto di cibo e non alimenti veri per riempire gli scaffali vuoti
Reparti troppo grandi o penuria nell’approvvigionamento: così i supermercati britannici ci “mettono la pezza”
SVIZZERA
17 ore
«Prima costavano 80 centesimi, adesso anche 300 franchi»
La crisi dei chip raccontata dall'interno di un'azienda svizzera colpita: «Sono settimane che le macchine sono spente».
ITALIA
19 ore
Ita Airways, atterraggio non consentito in caso di nebbia
Lo prevedono le norme internazionali per le compagnie durante il periodo di "rodaggio"
MONDO
22 ore
Harvard, MIT, Stanford: ecco le migliori università al mondo
Il Politecnico federale di Zurigo è il quinto istituto in Europa e il 26esimo su scala globale
SVIZZERO
1 gior
Posta nel mirino, Cirillo si difende
Il numero uno del gigante giallo risponde alle accuse per le recenti acquisizioni aziendali
STATI UNITI
1 gior
Mai nessuno è stato ricco tanto quanto Elon Musk
Merito dell'exploit di lunedì, con l'annuncio dell'acquisto di 100mila Tesla da parte di Hertz
SVIZZERA
1 gior
Logitech, fatturato oltre le attese
Cala però la redditività nel terzo trimestre, con più spese per il marketing e d'investimenti in ricerca e sviluppo
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile