Depositphotos (AntonMatyukha)
Un 2020 amaro per i produttori svizzeri di caramelle.
SVIZZERA
15.03.21 - 10:590

È stato un 2020 amaro per le aziende produttrici di caramelle

Male sia il mercato interno che le esportazioni, per il futuro molto dipenderà dall'andamento della pandemia

BERNA - È stato un 2020 decisamente amaro per le 13 compagnie svizzere produttrici di caramelle e affiliate a Biscosuisse.

I numeri - Le vendite totali del comparto sono calate del 4,9%, con un calo del fatturato pari al 12,1%, si legge nel comunicato stampa odierno. Le caramelle dure (che pesano per più di due terzi della produzione totale) hanno fatto segnare un calo del 6%, mentre peggio hanno fatto quelle morbide (-9,6%) e gomme da masticare e prodotti di marzapane (-20,2%). Solo per pochi prodotti le vendite sono state positive: per gelatine e gumdrops l'aumento è stato del 32,3%, mentre i prodotti registrati da Swissmedic hanno guadagnato un 2%.

Il trend negativo, conseguenza diretta della pandemia, ha riguardato sia il mercato interno che le esportazioni. Il volume di vendita e il fatturato in Svizzera sono scesi di circa il 10%. «Le vendite sul mercato interno dal 2013 sono diminuite di quasi 30% a 72,6 milioni di franchi». Il fatturato derivante dall'export è sceso del 12,7%, nonostante un leggero aumento della quota destinata ai mercati stranieri. 87 nazioni sono state rifornite con prodotti elvetici e gli Stati Uniti continuano a essere il mercato principale, con una quota del 30,4%.

Prospettive e politica - Quali sono le prospettive per il futuro del comparto? «Probabilmente ci vorrà del tempo prima che la situazione migliori e dipenderà in larga misura da come si svilupperà la pandemia in tutto il mondo». Ma, allo stesso tempo, «destano preoccupazione anche le politiche che hanno un impatto sulla Svizzera come luogo di produzione. L'imposizione della protezione delle frontiere sotto forma di un prezzo minimo per lo zucchero ha introdotto un nuovo handicap relativo alle materie prime per i produttori svizzeri, nei confronti dei concorrenti stranieri» spiegano da Biscosuisse. «L'intenzione della Commissione economica del Consiglio nazionale di rendere permanente la misura minima temporanea di protezione delle frontiere, introdotta dal Consiglio federale nella legge sull'agricoltura, peggiorerebbe ulteriormente la competitività della Svizzera come sito produttivo. Una tale politica sarebbe inspiegabile, controproducente e in definitiva irresponsabile».
 
 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
SVIZZERA
11 ore
Al lavoro sul curriculum? La novità dagli USA: le "mad skills"
Si tratta di competenze atipiche e curiose, come attività artistiche o sport estremi
Regno Unito
14 ore
Banksy: 25 milioni per l'opera che si è distrutta all'ultima asta
Si tratta della nota "Girl With Balloon", la cui metà inferiore è rimasta "triturata" nel 2018
MONDO
17 ore
Scatto del bitcoin, si riporta a quasi 60'000 dollari
La criptovaluta gode del vento in poppa dell'atteso via libera, negli Stati Uniti, del suo primo ETF sui futures
ITALIA
19 ore
Alitalia: ieri sera l'ultimo volo
La storia della compagnia aerea si è conclusa giovedì sera nella capitale, con l'arrivo dell'ultimo aereo alle 23.22
FOTO
INDONESIA
21 ore
L'isola di Bali si apre ai turisti, ma per ora non ce n'è neanche uno
L'isola era rimasta in lockdown da aprile, nei prossimi giorni non sono ancora previsti voli internazionali
CINA
1 gior
Microsoft ha chiuso LinkedIn in Cina
Quello che resterà sarà una bacheca digitale, senza funzioni social. La decisione arriva dopo pressioni governative
SPAGNA
1 gior
Bolletta della luce: un aumento del 44% in un anno
Il Governo spagnolo sta intanto valutando le possibili misure per limitare l’impatto del rincaro dell'energia
SVIZZERA
1 gior
Gli orologi svizzeri, guidati dalla Cina e dai giovani
I brand stanno valutando le loro strategie sulla base della sensibilità ambientale delle nuove generazioni...
MONDO
2 gior
Cominceranno anche da noi a mancare le cose?
La crisi globale dell'approvvigionamento per ora non ci riguarda ma c'è chi sostiene che presto potrebbe peggiorare
Scozia
2 gior
Siamo nel pieno del secondo maggior aumento annuo di Co2 della storia
L'International energy agency lancia un avviso prima della Cop26, «serve vera determinazione»
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile