Archivio Keystone
Terreni predisposti alla coltivazione in Indonesia.
SVIZZERA
02.06.20 - 10:220

"Stop all'olio di palma", raccolte 56'000 firme

Il referendum mira a interrompere l'accordo di libero scambio con l'Indonesia

BERNA - I promotori del referendum "Stop all'olio di palma" hanno annunciato la raccolta con successo di 56'000 firme, e mirano a raccoglierne altre 3'000 entro l'8 giugno.

Il referendum è diretto contro l'accordo di libero scambio tra Svizzera e Indonesia, sul quale la popolazione elvetica deve ancora votare. Per un referendum, lo ricordiamo, sono necessarie 50'000 firme.

Il Parlamento aveva approvato l'accordo di libero scambio a dicembre, e per i sostenitori dell'accordo, l'Indonesia è un partner commerciale potenzialmente importante.

Uniterre, il sindacato dei contadini che ha lanciato il referendum insieme al viticoltore Willy Cretigny, ha espresso la propria soddisfazione in un comunicato odierno. Secondo il gruppo, le ultime settimane hanno dimostrato che l'Indonesia non è disposta a mettere in pratica degli standard ecologici e sociali per evitare la distruzione delle foreste.

Oltre ai motivi legati alla sostenibilità, gli agricoltori temono che il business dell'olio di colza e di girasole potrebbe essere messo sotto pressione a causa dell'accordo legato all'olio di palma. Per questo motivo, il Consiglio federale ha negoziato delle quote limite per l'olio di palma, che saranno aumentate nell'arco di diversi anni. Le specifiche di importazione hanno inoltre lo scopo di garantire la tracciabilità, fino al produttore.

Tuttavia, per Uniterre questo non è sufficiente. L'olio di palma è più economico dell'olio di colza e di girasole, e l'accordo aumenterebbe la pressione sulla produzione interna. 

Nell'interesse delle società - In ogni caso, il comitato referendario sta mettendo in discussione anche il concetto di libero scambio. Secondo loro, nella maggior parte dei Paesi, il libero scambio non ha aumentato né la prosperità né la qualità della vita e serve solo gli interessi economici delle multinazionali.

In considerazione anche del surriscaldamento globale, il libero scambio deve essere abbandonato e sostituito con una politica commerciale che favorisca i prodotti locali. Una politica protezionistica è il modo migliore di procedere.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Il vero Andrés Bignasca 1 anno fa su tio
Tazmaniac ha ragione! Sfruttiamo le colonie, già che ce le abbiamo!!!
tazmaniac 1 anno fa su tio
@Il vero Andrés Bignasca ;o)
tazmaniac 1 anno fa su tio
@Il vero Andrés Bignasca dimenticavo...per la nutella, questo e altro! ;o) Non posso farci niente, sono nutellomane, e un nutellomane, per il suo vizio farebbe di tutto.
tazmaniac 1 anno fa su tio
gli agricoltori temono che il business dell'olio di colza e di girasole potrebbe essere messo sotto pressione a causa dell'accordo legato all'olio di palma. Ecco la verità, il resto sono solo scuse per raccogliere le firme. L'olio di palma in Asia cresce come l'edera qui da noi. Gli sfruttamenti delle multinazionali a livello lavorativo, sono un altro discorso e non riguardano solo l'olio di palma.
tazmaniac 1 anno fa su tio
Sosteniamo la NUTELLAAA!!
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
Francese
12 ore
Big John è stato battuto all'asta per 6,6 milioni di euro
È il più grande triceratopo mai rinvenuto. Vissuto 66 milioni di anni fa, oggi ha trovato la sua nuova casa
STATI UNITI
14 ore
Elon Musk potrebbe essere il primo “trilionario” della storia
A permettere al magnate americano di superare la soglia dei dodici zeri la crescente fortuna della sua SpaceX
STATI UNITI
18 ore
Più di Instagram e WhatsApp, l'offerta "monstre" è per Pinterest
PayPal starebbe valutando l'acquisizione del social network fotografico per circa 39 miliardi di dollari.
SVIZZERA
19 ore
Decathlon aprirà a Zermatt la sua prima filiale di montagna
L'attività di noleggio di sci e biciclette costituirà una parte centrale del business
CANTONE
21 ore
Vestirsi a tema “Squid Game” per Halloween rischia di essere molto complicato
Perché la produzione dei costumi è iniziata tardi, la negoziante luganese: «Ce li chiedono, ma sarà per Carnevale»
STATI UNITI
1 gior
Scavalcati i 66mila dollari: nuovo massimo storico per i Bitcoin
L'esordio dell'ETF sulla criptovaluta a Wall Street ha fatto segnare un nuovo record
REGNO UNITO
1 gior
Burberry "scippa" il Ceo a Versace
Si tratta di Jonathan Akeroyd, che riceverà un ricco regalo di benvenuto: sei milioni di sterline
Regno Unito
1 gior
Come distruggere Big Tobacco, il Regno Unito ci sta pensando
Un nuovo emendamento chiede di scrivere su ogni sigaretta "Fumare uccide" e di alzare l'età legale da 18 a 21 anni
SVIZZERA
1 gior
Roche, trimestre a nove zeri per i test Covid
Il giro d'affari del colosso farmaceutico ha raggiunto, nei primi nove mesi del 2021, i 13.3 miliardi di franchi
STATI UNITI
1 gior
Facebook starebbe pensando di cambiare nome
L'azienda (non il social) potrebbe cambiare marchio, forse anche tentando di lasciarsi alle spalle critiche e problemi
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile