Immobili
Veicoli
Deposit
IRLANDA
24.01.22 - 06:000

Misteriosa compagnia vuole costruire un data center grande 22 campi da football

L'attuale responsabile della società è stata direttrice di 6'539 altre aziende, la metà di queste sono ora chiuse

DUBLINO - Art data Centres Limited. Di questa società si sa poco o nulla. Eppure ha presentato il progetto di costruzione di un centro elaborazione dati che occuperà sei edifici a Ennis, una cittadina nell'ovest dell'Irlanda. La domanda, che gli esperti pensano verrà accettata, getta il dubbio sull'obiettivo del taglio delle emissioni del Paese entro il 2030.

La società in questione è stata iscritta al registro di commercio il 14 agosto del 2018. Ha un solo azionista e la sua attuale direttrice, tale Delaney, è stata dirigente di ben 6'539 aziende, 3'031 delle quali sono ora chiuse. Secondo il provider Vision-Net, la signora Delaney ha 326 società quotate e la Art data Centres Limited condivide il proprio Eircode, un codice postale irlandese che identifica un singolo indirizzo, con altre 61 aziende.

Non è chiaro quale sia lo scopo ultimo del centro di elaborazione dati che la società vuole costruire, né se altre aziende tecnologiche siano coinvolte. La Cnn riporta di aver cercato di mettersi in contatto con Art data Centres Ltd, ma non ha ricevuto alcuna risposta. Unica cosa nota è il progetto di costruzione. Il documento di pianificazione prevede sei edifici a due piani e un centro energetico grande 4'674 metri quadrati, alimentato da 18 motori a gas naturale e 64 generatori di backup. Sono inclusi anche dei pannelli solari che verranno installati sul tetto di ogni edificio e una vasca per la raccolta dell'acqua piovana.

Per finalizzare il progetto sono necessari 1,2 miliardi di euro ed è probabile che il governo irlandese approvi il data center perché in linea con lo sviluppo d'infrastrutture strategiche del Paese. Ma gli esperti sono preoccupati. L'Irlanda ha un clima favorevole per il raffreddamento dei server. Società come Google, Intel, Meta e Apple hanno qui la propria sede europea. Ma a livello ambientale i centri di elaborazione dati sono un disastro: nel 2021 hanno consumato il 17% dell'energia prodotta in Irlanda. E secondo l'operatore elettrico statale EirGrid, entro il 2030 ne consumeranno il 27%. Nell'insieme, tutti i data center presenti su suolo irlandese hanno emesso nel 2021 l'1,85% delle emissioni di carbonio.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
STATI UNITI
3 ore
Wall Street, le cause di un mercoledì nerissimo
La grande distribuzione è in difficoltà e gli investitori sono in allerta e si chiedono: «Ci sarà il prossimo?»
SVIZZERA
3 ore
Julius Bär regge, ma la filiale di Mosca sarà chiusa
Il gruppo ha mantenuto la redditività nei primi mesi del 2022
GRIGIONI
17 ore
La crisi ucraina condiziona il WEF di Davos
In collegamento da Kiev inaugurerà il forum il presidente Zelensky. Assenti invece i rappresentanti russi.
SVIZZERA
20 ore
Boom di vendite per gli articoli sportivi
Nel 2021 il mercato svizzero ha sfiorato i due miliardi di franchi, un nuovo record
SVIZZERA
21 ore
«Aumenteranno i fallimenti, sia in Svizzera che nel mondo»
È la previsione di uno studio dell'assicuratore Allianz Trade
SVIZZERA/UCRAINA
1 gior
La zurighese Vetropack sopprime 400 impieghi, a causa dei missili
L'impianto è fortemente danneggiato, e il gruppo non «vede alcuna alternativa»
STATI UNITI
1 gior
Netflix taglia 150 posti di lavoro
È la prima conseguenza del rallentamento della crescita dei ricavi e del calo degli abbonamenti
SVIZZERA
1 gior
Pneumatici sempre più cari
Russia e Ucraina sono i principali fornitori di materie prime. E ora i prezzi stanno schizzando verso l'alto
CINA
1 gior
Buonanotte da una sconosciuta, a un solo yuan
Wong Biying manda messaggi su richiesta per aiutare le persone a riempire il vuoto della solitudine
ITALIA
1 gior
Eni ha aperto un conto in rubli presso Gazprom Bank
Avviene, precisa la società italiana, «su base temporanea» e con la condivisione delle istituzioni italiane
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile