Deposit
ITALIA
25.11.21 - 10:060

L'Antitrust italiana contro le etichette Nutriscore, possono essere ingannevoli

Ben l'85% dei prodotti Made in Italy verrebbe bocciato dal sistema di etichettatura che molti paesi stanno già usando.

«L’equilibrio nutrizionale – precisa Coldiretti – non va ricercato nel singolo prodotto ma nell’equilibrio tra i diversi cibi».

ROMA - Da diversi mesi l'Italia sta combattendo una lotta contro le famose etichette alimentari Nutriscore, che stanno pian piano prendendo piede in Europa. In particolare questa tipologia di etichettatura a colori (o semaforo) esclude paradossalmente dalla dieta alimenti sani e naturali che da secoli sono presenti sulle tavole italiane, e «favoriscono prodotti artificiali in cui, in alcuni casi, non è nota nemmeno la ricetta» denuncia per l'ennesima volta Coldiretti. 

Le etichette Nutriscore tengono in considerazione solamente un numero limitato di sostanze nutritive (come ad esempio i grassi, il sale e gli zuccheri) e le calorie, prendendo in esame 100 grammi di prodotto, e non la singola porzione. In questo modo prodotti come l'olio d'oliva vengono considerati super dannosi, ma difficilmente se ne assumono 100 grammi tutti in una volta. 

Insomma, numerosi prodotti tipici della dieta mediterranea, tanto esaltata da medici e dietisti, rientrerebbero nella fascia rossa/arancione dell'etichetta. In particolare Coldiretti ha calcolato che ben l'85% dei prodotti Made in Italy verrebbero bocciati qualora entrasse in vigore anche in Italia l'etichetta Nutriscore.  

Ora l'Antitrust italiano ha avviato cinque istruttorie sull'uso del sistema di bollinatura Nustriscore da parte delle società italiane Carrefour Italia, Valsoia, GS e Pescanova Italia, delle società francesi Regime Dunkan e Diet Lab, della società inglese Weetabix e di una società tedesca attiva nella produzione di caramelle. Stando all'Autorità Garante della concorrenza, il sistema a semaforo Nustriscore, «può indurre in valutazioni errate sulla salubrità di un determinato prodotto, prescindendo dalle esigenze complessive di un individuo (dieta e stile di vita), dalla qualità e dalla frequenza di assunzione all'interno di un regime alimentare variegato ed equilibrato».

«L’equilibrio nutrizionale – precisa Coldiretti – non va ricercato nel singolo prodotto ma nell’equilibrio tra i diversi cibi consumati nella dieta giornaliera e per questo non sono accettabili etichette semplicistiche che allarmano o scoraggiano il consumo di uno specifico prodotto». 

La vicina penisola sta portando avanti la battaglia non soltanto per non introdurre questa tipologia di etichettatura, ma anche per abolirla nel resto del mondo, in quanto problematica per l'export dei prodotti italiani. Oltre all'olio extravergine di oliva, anche il Parmigiano Reggiano, il Prosciutto di Parma e il Gorgonzola, prodotti molto conosciuti anche all'estero, finirebbero per avere un'etichetta rossa. 

I problemi legati alle etichettature non sono una prerogativa dell'Europa. In Cile il bollino nero viene già applicato su prodotti come il Parmigiano, il Gorgonzola, il prosciutto e persino gli gnocchi. E anche l'Australia ha adottato un sistema a stelle come il Nutriscore. 

L'Italia non è il solo Paese a lottare contro queste etichette. In Spagna è intervenuto il Senato, che ha chiesto al Governo di bloccare l'adozione del sistema Nutriscore, perché provoca «incertezza negli operatori del settore agroalimentare e confusione nel consumatore». Anche in Francia i produttori di formaggio si sono fatti sentire, e il ministro dell'agricoltura ha dichiarato che è necessaria una revisione della metodologia su cui si basa il sistema «perché determina classificazioni che non sono necessariamente conformi alle abitudini alimentari». 

Deposit
Ingrandisci l'immagine
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
STATI UNITI
18 ore
I dipendenti Google rimarranno ancora a casa
Il rientro in ufficio, che era stato pianificato per gennaio, è stato nuovamente rimandato
STATI UNITI / SVIZZERA
21 ore
USA: la Svizzera non è più considerata «manipolatore di cambi»
Il Dipartimento del tesoro continuerà però a guardare con occhio critico gli interventi della Banca Nazionale Svizzera
MONDO
1 gior
Per più di metà dei manager, «il telelavoro incrementa la produttività»
Lo sostengono circa il 57% di oltre 4'000 manager di 26 Paesi, interpellati durante un sondaggio della società PwC
STATI UNITI / CINA
1 gior
Dalla Cina a Wall Street, un'impresa sempre più ardua
La stretta dei regolatori cinesi non si è fatta attendere: dopo soli cinque mesi, Didi lascia Wall Street
SVIZZERA
1 gior
Roche, tre nuovi test per individuare la variante Omicron
I prodotti sono stati sviluppati dalla sua controllata TIB Molbiol
SVIZZERA
1 gior
«Niente quarantena per i viaggi di lavoro»
Swissmem afferma che la misura, in questa fase, «è di fatto uno stop all'esportazione»
STATI UNITI
2 gior
Twitter lancia una battaglia per proteggere la privacy nelle foto e nei video
La misura non interesserà i personaggi pubblici, vale a dire gli utenti con una spunta blu
UNIONE EUROPEA
2 gior
Multa da 344 milioni di euro per UBS, Credit Suisse e altre banche
Le ammende arrivano a conclusione dell'indagine sul cartello del settore dei cambi
SVIZZERA
2 gior
Aldi aumenta gli stipendi a tutto il personale
Aumentato anche il congedo maternità, che passa da 16 a 18 settimane
SVIZZERA
2 gior
Stoxx Europe 50, Richemont al posto di Vodafone
L'indice raccoglie le più grandi imprese europee: ci sono già ABB, Nestlé, Novartis, Roche, UBS e Zurich Insurance
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile