Immobili
Veicoli
Reuters
Irlanda
09.11.21 - 17:000

Nei prossimi cinque anni i negozi Primark diventeranno più di 700

Mega espansione negli Stati Uniti e nuovi store in Europa, con occhio di riguardo a Italia e Francia

DUBLINO - Poco costoso, colorato e alla moda, il retailer del cinque magliette a un euro continua la sua ascesa e naviga nel successo. Primark ha aperto il suo primo negozio nel 1969, ore ne ha più di 380 e punta a raddoppiare nei prossimi cinque anni.

Da Dublino a New York, poi Milano, Parigi e ritorno. Primark ha conquistato le capitali della moda con colori freschi e collezioni all'avanguardia. E ora, dopo le chiusure avvenute in tutto il mondo a causa della pandemia, carica le munizioni e spara nuovi store in tutto il mondo.

Il territorio dove ha deciso di puntare di più è quello degli Stati Uniti, dove progetta di aprire 47 nuovi negozi. Oggi sono 13, il primo negli States era stato inaugurato a Boston sei anni fa e l'ultimo ha fatto capolino lo scorso settembre a Philadelphia.

Come scrive l'azienda in un comunicato stampa: «Il successo delle recenti aperture al di fuori della sua attuale impronta nel nord-est – a Sawgrass Mills, Florida e State Street e Chicago – ha dimostrato che la formula unica di Primark tra moda e articoli per la casa a prezzi convenienti sta riscuotendo un'ampia risonanza.

Escluso il negozio di Boston, l'attività negli Stati Uniti ha registrato buoni risultati nell'ultimo anno finanziario, con una crescita delle vendite del 6% rispetto a due anni fa e un buon margine di profitto». Il Ceo Paul Marchant ha commentato che «il futuro di Primark negli Stati Uniti sembra molto luminoso».

Nell'ultimo anno il retailer ha aperto 15 nuovi negozi. Oggi ha annunciato che ha già previsto l'apertura di altri 11 in Italia, Spagna, Repubblica Ceca e Irlanda, più altri 4 in Polonia. Inoltre ha firmato il suo primo contratto di locazione a Bratislava, in Slovacchia. «Nel corso dei prossimi cinque anni, Primark prevede che il proprio parco punti vendita raggiungerà i 530 punti vendita».

Pare quindi che Primark non abbia poi sofferto tanto l'impatto della pandemia nelle sue catene di approvvigionamento. A settembre, per esempio, quando dei suoi container erano rimasti bloccati nei porti, l'azienda non era preoccupata. Lo stop aveva causato una disponibilità limitata in alcune linee, ma le scorte in magazzino erano in grado di coprire la carenza nonostante l'arrivo della stagione natalizia.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
SVIZZERA
2 ore
Thomas Oetterli scende dall'ascensore e se ne va
Il CEO di Schindler ha annunciato le proprie dimissioni «con effetto immediato»
UNIONE EUROPEA
8 ore
Unione Europea, niente etichetta di “energia verde” per il nucleare
Lo hanno deciso gli esperti. Il motivo? È a emissioni zero, ma non impatto zero. Bocciato (con riserva) il gas naturale
STATI UNITI
10 ore
Rallenta la crescita degli abbonati, tonfo di Netflix a Wall Street
A pesare è anche l'agguerrita concorrenza e la riapertura dell'economia
SVIZZERA
11 ore
Galaxus aggiunge Decathlon al suo assortimento
Durante la pandemia è cresciuta la domanda di articoli sportivi, ha spiegato il rivenditore
STATI UNITI
1 gior
Instagram e la nuova offerta a pagamento
È in fase di test una funzionalità che permette agli utenti di abbonarsi a dei profili e accedere a contenuti esclusivi
FRANCIA / GERMANIA
1 gior
Il nucleare? «Non è un'energia né sostenibile né economica»
Il segretario di stato tedesco per l'ambiente Stefan Tidow ha espresso la propria contrarietà
MONDO
1 gior
Twitter, un bollino rosso contro le fake news Covid
Arriva l'etichetta "Fuorviante" per contraddistinguere i contenuti «indiscutibilmente falsi o ingannevoli»
STATI UNITI
1 gior
L'improvviso interesse di Google per le criptovalute
La compagnia ha annunciato di aver creato una nuova divisione blockchain, guidata dal vicepresidente Venkataraman
CINA
1 gior
Cina, carbone e promesse di un calo delle emissioni non rispettate
A metà 2021 il governo di Xi Jinping ha messo in atto delle misure drastiche che hanno retto solo fino a ottobre
MONDO
2 gior
WEF, sale il pressing per "carbon tax" e uno stop ai sussidi
Al meeting virtuale si alzano le voci per la svolta nelle politiche climatiche. Le parole di Bill Gates e John Kerry
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile