keystone-sda.ch / STF (NEIL HALL)
L'esercito è pronto a intervenire.
+6
REGNO UNITO
28.09.21 - 08:530

L'esercito è pronto a intervenire per alleviare la crisi del carburante

Fino a 150 autisti si metterebbero al volante delle autobotti per consegnare i rifornimenti alle stazioni di servizio

LONDRA - L'Esercito britannico è pronto a scendere in campo per cercare di alleviare la penuria di carburante che da quattro giorni sta affliggendo il Regno Unito.

Lunghe code di veicoli in attesa di fare rifornimento sono state avvistate praticamente in ogni area del paese. Com'è noto, il problema non riguarda le raffinerie - il carburante è abbondante - ma la consegna nelle varie stazioni di servizio: mancano conducenti per le autocisterne, ed è qui che entrano in gioco i militari: fino a 150 addetti si preparano a guidare i veicoli fino alle aree di servizio, così da soddisfare la domanda. Si tratta di un «passo sensato e precauzionale», ha dichiarato il segretario di Stato per gli affari economici, l'energia e la strategia industriale Kwasi Kwarteng. «Se necessario, il dispiegamento di personale militare fornirà alla catena di approvvigionamento una capacità aggiuntiva come misura temporanea per aiutare ad alleviare le pressioni causate da picchi nella domanda localizzata di carburante».

Il segretario ai Trasporti britannico Grant Shapps ha dichiarato: «Stiamo iniziando a vedere moderati segni di acquisti dettati dal panico». Il governo ha incolpato la popolazione per aver preso d'assalto le stazioni di rifornimento, andando così a esaurire le scorte e bloccando la circolazione nelle aree circostanti. Il prezzo della benzina senza piombo è ai massimi da otto anni e alcuni distributori hanno alzato i prezzi, in conseguenza dell'impennata della domanda. I principali fornitori di carburanti hanno cercato di rassicurare la clientela: con le forniture inalterate alla fonte, la penuria di carburante dovrebbe allentarsi entro breve tempo.

Il governo Johnson ha autorizzato un'estensione delle patenti di guida speciali, che consentono ai conducenti di trasportare merci come il carburante. Sono comunque palliativi che non risolvono il vero problema: la mancanza post-Brexit di oltre 100mila autisti di mezzi pesanti. La crisi di approvvigionamento non riguarda solo benzina e diesel ma anche industrie e catene alimentari, come testimoniano i molti scaffali vuoti nei supermercati.

keystone-sda.ch / STR (Jon Super)
Guarda tutte le 10 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
SVIZZERA
3 ore
La BNS «non può limitarsi ai criteri ambientali»
Lo ha dichiarato Andrea Maechler, membro della Direzione generale della Banca Nazionale Svizzera
CINA
7 ore
L'effetto domino fra i palazzi in Cina
Evergrande sull'orlo della bancarotta ma non sarebbe l'unica in un settore immobiliare con un gigadebito da capogiro
ITALIA
17 ore
Duemila giocattoli su tre piani
Fao Schwarz sbarca a Milano: il famoso negozio apre domani in Piazza Cordusio
CINA
19 ore
Il cielo è il limite? Non per i grattacieli cinesi
Le autorità hanno vietato la costruzione dei palazzi nei quartieri storici e nei siti del patrimonio culturale
SVIZZERA
21 ore
Niente paura: «A Natale i giocattoli non mancheranno»
Franz Carl Weber ha giocato d'anticipo con le ordinazioni. La situazione è un po' più tesa sul fronte dell'elettronica
CANTONE
23 ore
Il successo riassunto in 101 storie
Presentato il libro che raccoglie le storie di chi concretamente ha contribuito ad arricchire il nostro cantone.
ITALIA
1 gior
Il primo sciopero del sindacato dei lavoratori da remoto
La protesta della Smart Worker Union è incentrata sulle linee guida nella pubblica amministrazione
SVIZZERA
1 gior
Prospettive economiche: analisti meno fiduciosi
Cresce la prudenza a riguardo del futuro della congiuntura elvetica
Regno Unito
1 gior
Foto di cibo e non alimenti veri per riempire gli scaffali vuoti
Reparti troppo grandi o penuria nell’approvvigionamento: così i supermercati britannici ci “mettono la pezza”
SVIZZERA
1 gior
«Prima costavano 80 centesimi, adesso anche 300 franchi»
La crisi dei chip raccontata dall'interno di un'azienda svizzera colpita: «Sono settimane che le macchine sono spente».
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile