Keystone
Mark Zuckerberg.
STATI UNITI
23.09.21 - 08:300

Facebook strapagò una multa per proteggere Mark Zuckerberg

L'accordo avrebbe impedito di nominare il Ceo nella denuncia legata al caso Cambridge Analytica

WASHINGTON - Facebook subordinò il pagamento di 5 miliardi di dollari alla Federal Trade Commission (Ftc), per lo scandalo Cambridge Analytica, all'impegno dell'agenzia federale americana a non perseguire individualmente il CEO Mark Zuckerberg. 

Lo riportano i media statunitensi. Si tratta di una causa intentata in Delaware da alcuni azionisti della piattaforma sociali, i quali sostengono che i membri del board di Fb consentirono alla società di strapagare la multa - la più grande mai comminata contro una società hi-tech - per proteggere Zuckerberg, fondatore e maggiore azionista della compagnia.

«Zuckerberg, Sandberg e altri consiglieri di amministrazione hanno autorizzato un accordo multi miliardario con la Ftc come un espresso quid pro quo (uno scambio, ndr) per impedire che Zuckerberg fosse nominato nella citazione della Ftc e soggetto a responsabilità personale o alla richiesta di deporre», si legge negli atti della causa.

L'agenzia non ha mai svelato che originariamente intendeva citare Zuckerberg nella sua indagine. Facebook, lo ricordiamo, era stato messo sotto accusa per aver violato le norme sulla privacy ai danni di milioni di utenti nella raccolta dati di Cambridge Analytica per alcune campagne elettorali, tra cui quella vincente di Donald Trump.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
ITALIA / SVIZZERA
3 ore
Garage Italia ceduta in Lussemburgo, ecco perché Lapo Elkann si è dimesso
Emergono nuovi dettagli sulla decisione dell'imprenditore di lasciare: una cessione ai lussemburghesi
GERMANIA
6 ore
L'aeroporto di Francoforte-Hahn è in insolvenza
È da anni che il numero di passeggeri era in calo, ancor prima della crisi legata al coronavirus
REGNO UNITO
9 ore
Commercio internazionale, Londra non respingerà Pechino
L'apertura del premier Boris Johnson alla Cina in occasione del "Global Investment Summit". Ma «non saremo ingenui»
SVIZZERA/ITALIA
11 ore
Lapo Elkann ha dato le dimissioni dall'ormai "svizzera" Garage Italia
Non sarà più il Presidente del Cda di Garage Italia Customs, di proprietà della basilese Youngtimers
CINA
13 ore
Dopo il terremoto Evergrande, la Cina rallenta e si scopre un po' più fragile
Crescita azzoppata e molte nubi all'orizzonte, la Repubblica Popolare scampa alla recessione Covid ma cede a sé stessa
FOTO
STATI UNITI
1 gior
MacBook Pro 2021: ecco le “macchine bestiali”
In una presentazione a velocità della luce Apple ha presentato i suoi due nuovi MacBook Pro.
REGNO UNITO
1 gior
Dal Principe William un milione di sterline alla Costa Rica, ma non solo
Il Paese centroamericano è tra i vincitori dei riconoscimenti "Earthshot", creati dal Duca di Cambridge
MONDO
2 gior
Il bilancio ambientale della carne “in vitro”
Per la produzione è necessaria molta energia. La sostenibilità dipende allora dalla provenienza dell'elettricità
STATI UNITI
2 gior
A Hollywood si è evitato lo sciopero
L'industria del cinema rischiava lo stop a causa del contratto con i tecnici che ogni giorno lavorano a film e serie
VAUD
2 gior
Roche chiude i rubinetti della beneficenza
La famiglia Hoffmann si ritira dalla filantropia "tradizionale". «È sbagliata»
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile