Keystone
GIAPPONE
22.08.21 - 09:120

Auto giapponesi, la scure del Covid sulle stime di produzione

Lo stallo nel Sudest asiatico tocca grandi marchi come Toyota, Honda e Mitsubishi Motors.

TOKYO - La prolungata emergenza medica causata dal Covid-19 nei paesi del Sudest asiatico continua a intralciare la logistica delle case auto giapponesi, compromettendo il regolare funzionamento degli stabilimenti sul fronte domestico.

Nello specifico, la crisi sanitaria in Vietnam, Malesia e Indonesia - che si aggiunge alla carenza di semiconduttori per il mercato automotive -, costringe i principali costruttori a rivedere le proprie strategie, in anticipazione di una ripresa della domanda.

Lo scorso giovedì Toyota ha annunciato una riduzione della produzione del 40% a livello globale per via dell'allarme coronavirus, definito «più grave e serio di quanto previsto inizialmente». In gran parte del Sudest asiatico una successione di lockdown è stata imposta dalle autorità locali, creando uno stallo delle catene produttive, che riguarda - oltre alla Toyota - anche la Honda e Mitsubishi Motors.

In Thailandia si è cercato di trovare rimedi simili a quelli attuati durante i Giochi olimpici di Tokyo, racconta la stampa nipponica, con i lavoratori trasportati nelle fabbriche su appositi bus e fatti alloggiare in residenze specifiche per prevenire ogni forma di contatto con la popolazione locale e una possibile diffusione del virus.

Gli effetti sul fronte dei semiconduttori, con diversi settori a contendersi l'offerta limitata - e su mercati sempre più concorrenziali -, ha inasprito le difficoltà dell'intero comparto delle quattro ruote.

Mazda ha deciso lo stop degli impianti in Thailandia e in Messico per 10 giorni durante il mese di agosto per fronteggiare l'insufficienza di chip, mentre la Nissan e la Suzuki stimano un ridimensionamento dell'output rispettivamente di 250'000 e 350'000 unità per l'anno fiscale in corso. Un'avvisaglia, quella della scarsità di piastrine di silicio, che secondo gli analisti è destinata a durare fino all'autunno del 2022.
 
 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
STATI UNITI
9 ore
Manca il formaggio cremoso, venditori di bagel in crisi
La domanda è aumentata anche grazie all'home office, che costringe molte persone a fare colazione a casa
STATI UNITI
1 gior
Effetto Omicron sul Pil degli Stati Uniti
Goldman Sachs ha ridotto le sue stime a 3,8% contro il precedente 4,2%: «Impatto modesto»
STATI UNITI
2 gior
I dipendenti Google rimarranno ancora a casa
Il rientro in ufficio, che era stato pianificato per gennaio, è stato nuovamente rimandato
STATI UNITI / SVIZZERA
2 gior
USA: la Svizzera non è più considerata «manipolatore di cambi»
Il Dipartimento del tesoro continuerà però a guardare con occhio critico gli interventi della Banca Nazionale Svizzera
MONDO
2 gior
Per più di metà dei manager, «il telelavoro incrementa la produttività»
Lo sostengono circa il 57% di oltre 4'000 manager di 26 Paesi, interpellati durante un sondaggio della società PwC
STATI UNITI / CINA
2 gior
Dalla Cina a Wall Street, un'impresa sempre più ardua
La stretta dei regolatori cinesi non si è fatta attendere: dopo soli cinque mesi, Didi lascia Wall Street
SVIZZERA
2 gior
Roche, tre nuovi test per individuare la variante Omicron
I prodotti sono stati sviluppati dalla sua controllata TIB Molbiol
SVIZZERA
3 gior
«Niente quarantena per i viaggi di lavoro»
Swissmem afferma che la misura, in questa fase, «è di fatto uno stop all'esportazione»
STATI UNITI
3 gior
Twitter lancia una battaglia per proteggere la privacy nelle foto e nei video
La misura non interesserà i personaggi pubblici, vale a dire gli utenti con una spunta blu
UNIONE EUROPEA
3 gior
Multa da 344 milioni di euro per UBS, Credit Suisse e altre banche
Le ammende arrivano a conclusione dell'indagine sul cartello del settore dei cambi
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile