ARCHIVIO KEYSTONE
REGNO UNITO
03.08.21 - 06:300

Una tassa sul consumo di carne, per spingere le alternative vegetali?

Il boss di Beyond Meat guarda con favore a tale provvedimento, ma altri sono decisamente contrari

LONDRA - Il boss di Beyond Meat, uno dei colossi emergenti delle alternative vegetali alla carne, ha dichiarato di essere in favore di una "imposta pigouviana" su quelle attività che vanno a creare conseguenze nocive per la società. Come l'industria della carne, ha spiegato Ethan Brown.

Il riferimento è al metodo di governo delle emissioni inquinanti teorizzato dall'economista britannico Arthur Cecil Pigou. Il principio, semplificando estremamente, è: più inquini, più paghi. Tassando il consumo della carne, come spiegato da Brown alla Bbc, si potrebbero aiutare i mercati emergenti a investire su prodotti alimentari a base di proteine vegetali.

Nell'articolo viene citato uno studio dell'Università del Michigan, secondo il quale un hambuger Beyond Meat utilizza il 99% in meno di acqua rispetto a un hamburger di carne, emette il 90% in meno di emissioni nel processo di produzione, ha un consumo di suolo inferiore del 93% in meno di terra e consuma circa metà dell'energia. Benefici ambientali che saltano agli occhi «soprattutto di questa generazione più giovane, quella che disprezza i voli aerei e marciando per il clima».

Non più solo per vegani - I consumatori, spiega l'amministratore delegato di Beyond Meat, sono già orientati verso un ridotto consumo di carne. «Se guardi ai dati sugli acquirenti che abbiamo, il 93% delle persone che mettono l'hamburger Beyond Meat nel proprio carrello stanno anche inserendo proteine ​​​​animali». Il che vuol dire che questo prodotto non è più riservato esclusivamente a vegetariani o vegani: tra di essi ci sono onnivori che «ascoltano le informazioni sulla propria salute o forse sentono parlare di clima, o forse si sentono a disagio con l'allevamento intensivo».

I prezzi scenderanno - In questa fase, i prezzi dei sostituti vegetali possono essere decisamente superiori rispetto a quelli della carne. Ma ciò cambierà, assicura Brown. Questione di economia di scala: «Via via che la produzione aumenterà, inizieremo a essere in grado di abbassare i prezzi. Al momento siamo ancora una piccola compagnia, ma ciò sta per cambiare». Fondamentale, in quest'ottica, l'accordo globale triennale firmato a febbraio con McDonald's e Yum! Brands, che raccoglie sotto il suo cappello KFC, Pizza Hut e Taco Bell. «Una delle ragioni per così sono stato così concentrato su questi accordi è perché credo che sia la strada da seguire per abbattere i costi e per rendere questi prodotti accessibili a ogni consumatore che li voglia». Il principale concorrente di Beyond Meat, Impossible Foods, negli scorsi mesi ha ridotto il prezzo del 20%.

La critica - Il principale argomento usato dai detrattori delle alternative vegetali alla carne è proprio il fattore prezzo. Un recente sondaggio condotto da Citi Bank su 3000 consumatori statunitensi ha rilevato che il 32% delle persone si è allontanato dai prodotti a base di proteine vegetali a causa dei costi, ritenuti troppo elevati. Un anno fa, nel corso di un'identica rilevazione, la percentuale era del 38%.

Tassa? Non nel Regno Unito - Tornando al tema centrale dell'articolo: si tasserà il consumo di carne per finanziare le alternative vegetali? Non nel Regno Unito, come lo stesso primo ministro Boris Johnson ha tenuto a escludere. Un tale balzello, secondo un recente studio dell'Università di Bristol, avrebbe costi superiori a quelli che sarebbero i benefici per il clima.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
MONDO
5 ore
Il bilancio ambientale della carne “in vitro”
Per la produzione è necessaria molta energia. La sostenibilità dipende allora dalla provenienza dell'elettricità
STATI UNITI
6 ore
A Hollywood si è evitato lo sciopero
L'industria del cinema rischiava lo stop a causa del contratto con i tecnici che ogni giorno lavorano a film e serie
VAUD
8 ore
Roche chiude i rubinetti della beneficenza
La famiglia Hoffmann si ritira dalla filantropia "tradizionale". «È sbagliata»
SVIZZERA
11 ore
«La Svizzera non deve temere carenze di approvvigionamento»
Secondo il presidente di Galliker Transport, nel nostro paese la situazione è migliore rispetto al resto d'Europa
GERMANIA
1 gior
«L'Europa è particolarmente esposta ai cambiamenti»
Lo ha detto Christine Lagarde, presidente della Bce, nell'ambito della conferenza "La globalizzazione dopo la pandemia"
MONDO
1 gior
La corsa dei Bitcoin non si arresta
La criptovaluta è salita a oltre 62'000 dollari
SVIZZERA
2 gior
Al lavoro sul curriculum? La novità dagli USA: le "mad skills"
Si tratta di competenze atipiche e curiose, come attività artistiche o sport estremi
Regno Unito
2 gior
Banksy: 25 milioni per l'opera che si è distrutta all'ultima asta
Si tratta della nota "Girl With Balloon", la cui metà inferiore è rimasta "triturata" nel 2018
MONDO
2 gior
Scatto del bitcoin, si riporta a quasi 60'000 dollari
La criptovaluta gode del vento in poppa dell'atteso via libera, negli Stati Uniti, del suo primo ETF sui futures
ITALIA
2 gior
Alitalia: ieri sera l'ultimo volo
La storia della compagnia aerea si è conclusa giovedì sera nella capitale, con l'arrivo dell'ultimo aereo alle 23.22
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile