Depositphotos (khongkitwiriyachan)
L'associazione dei produttori di automobili reagisce ai contenuti del pacchetto della Commissione europea.
UNIONE EUROPEA
14.07.21 - 17:450

Bandire il motore a combustione interna «non è una soluzione razionale»

L'Associazione europea dei produttori di automobili reagisce a uno dei punti chiave del pacchetto della Commissione Ue

BRUXELLES - Tra i punti più importanti del pacchetto climatico approvato dall'Unione europea c'è senz'altro la messa al bando dal 2035 dei veicoli non a emissioni zero. Non si è fatta attendere la replica dell'Associazione europea dei produttori di automobili (ACEA).

Il problema della rete di rifornimento e ricarica - Le case automobilistiche si impegnano a ridurre le emissioni a zero, si legge nel comunicato stampa dell'associazione, che ribadisce come tutti i membri sostengano l'obiettivo della neutralità climatica entro il 2050 e stiano investendo miliardi di euro in tecnologie innovative e sostenibili. «Tuttavia, vietare una singola tecnologia non è una soluzione razionale in questa fase, soprattutto quando l'Europa sta ancora lottando per creare le giuste condizioni per i veicoli a propulsione alternativa». Il riferimento è in particolare a una rete di rifornimento e ricarica capillare sul territorio continentale, che è lungi dall'essere efficiente in questo momento.

Lo sottolinea Oliver Zipse, presidente di ACEA nonché CEO di BMW: «Obiettivi climatici ambiziosi richiedono un impegno vincolante da parte di tutte le parti coinvolte. La Commissione europea oggi ha chiarito molto chiaramente che il Green Deal può avere successo solo con obiettivi obbligatori per il potenziamento delle infrastrutture di ricarica e rifornimento in tutti gli Stati membri». Una vasta rete «sarà essenziale per caricare i milioni di veicoli elettrici che le case automobilistiche europee porteranno sul mercato nei prossimi anni».

Verso l'obiettivo 2030 - L'obiettivo della riduzione delle emissioni inquinanti del 55% entro il 2030 sarà molto impegnativo, afferma l'ACEA. L'impegno non dovrà essere preso solamente dai produttori: «Richiede certamente un corrispondente obiettivo vincolante per gli Stati membri per costruire le necessarie infrastrutture di ricarica e rifornimento». Inoltre, il nuovo obiettivo di CO2 accelererà in modo significativo la trasformazione strutturale della catena del valore automobilistica, «richiedendo un'attenta gestione per ridurre al minimo l'impatto sulla nostra economia e sui posti di lavoro». Prosegue Zipse: «L'attuale proposta per un taglio ancora maggiore delle emissioni di CO2 entro il 2030 richiede un ulteriore massiccio aumento della domanda di mercato per i veicoli elettrici in un breve lasso di tempo. Senza un significativo aumento degli sforzi da parte di tutte le parti interessate, inclusi gli Stati membri e tutti i settori coinvolti, l'obiettivo proposto è semplicemente non praticabile».

Tutte le varie tecnologie esistenti possono aiutare a raggiungere gli obiettivi posti dall'Ue. «Non è il motore a combustione interna a essere dannoso per l'ambiente, ma i combustibili fossili. Senza la disponibilità di carburanti rinnovabili, un obiettivo di riduzione del 100% nel 2035 è effettivamente un divieto del motore a combustione interna».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
SVIZZERA
9 ore
«Niente quarantena per i viaggi di lavoro»
Swissmem afferma che la misura, in questa fase, «è di fatto uno stop all'esportazione»
STATI UNITI
12 ore
Twitter lancia una battaglia per proteggere la privacy nelle foto e nei video
La misura non interesserà i personaggi pubblici, vale a dire gli utenti con una spunta blu
UNIONE EUROPEA
13 ore
Multa da 344 milioni di euro per UBS, Credit Suisse e altre banche
Le ammende arrivano a conclusione dell'indagine sul cartello del settore dei cambi
SVIZZERA
14 ore
Aldi aumenta gli stipendi a tutto il personale
Aumentato anche il congedo maternità, che passa da 16 a 18 settimane
SVIZZERA
17 ore
Stoxx Europe 50, Richemont al posto di Vodafone
L'indice raccoglie le più grandi imprese europee: ci sono già ABB, Nestlé, Novartis, Roche, UBS e Zurich Insurance
AUSTRIA
19 ore
La pandemia non ha risparmiato nemmeno le Palle di Mozart
La Salzburg Schokolade, che produce industrialmente il celebre cioccolatino, ha dichiarato bancarotta
MONDO
1 gior
Non è più Zurigo la città più cara del mondo
Al primo posto della classifica, influenzata anche dalle conseguenze della pandemia, è Tel Aviv
Svezia/Stati Uniti
1 gior
Rivelati i migliori artisti del 2021 secondo gli ascolti di Apple e Spotify
In entrambe le classifiche si è distinta la cantante emergente Olivia Rodrigo. Album di 20 anni fa sono tornati in auge
SVIZZERA
1 gior
Quest’anno sotto l'albero troveremo buoni, Lego e AirPods
Galaxus ha analizzato il comportamento dei clienti online, prevedendo i regali più quotati in Svizzera
STATI UNITI
1 gior
Perché SpaceX è a rischio bancarotta
Tutto dipende dallo sviluppo del motore Raptor che, al momento, è «francamente un disastro»
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile