ARCHIVIO KEYSTONE
Si è concluso il contratto tra gli eredi di Kobe Bryant e Nike.
STATI UNITI
20.04.21 - 18:500

Gli eredi di Kobe Bryant si separano da Nike

Si fa largo la possibilità di un nuovo accordo, nel nome della star Nba scomparsa a gennaio 2020

LOS ANGELES - È ufficialmente finita la lunga relazione tra Nike e Kobe Bryant.

Il 13 aprile scorso si è conclusa l'estensione contrattuale tra la superstar della pallacanestro statunitense, morto il 26 gennaio 2020 a causa di un incidente aereo, e il colosso dell'abbigliamento sportivo. La conferma è arrivata tramite una storia di Instagram di Vanessa Bryant, la vedova del campione.

L'annuncio

«La mia speranza sarà sempre quella di permettere ai fan di Kobe di prendere e indossare i suoi prodotti. Continuerò a lottare per questo. I prodotti di Kobe si esauriscono in pochi secondi. Questo dice tutto». Eppure, nei 15 mesi seguiti alla scomparsa della star dei Los Angeles Lakers, Vanessa Bryant avrebbe espresso a Nike il suo malcontento su alcune carenze nell'offerta, in particolare tra le scarpe per bambini.

«Speravo di creare una partnership permanente con Nike che riflettesse l'eredità di mio marito» ha proseguito Vanessa, sul modello di quelle instaurate per Michael Jordan e LeBron James. «Faremo sempre tutto il possibile per onorare l'eredità di Kobe e Gigi», la figlia deceduta nello stesso incidente del padre. 

Mamba, le scarpe di Kobe

Si torna così a parlare di Mamba, la società indipendente di cui Bryant aveva discusso poche settimane prima della morte. Il nome deriva dal soprannome dello sportivo, appunto "Black Mamba". La finalità? Produrre sneaker per i fan ma anche per gli atleti Nba. «Quello che stava per fare nel mondo degli affari avrebbe eclissato la sua carriera sportiva» ha dichiarato Shervin Pishevar, che avrebbe affiancato Bryant nel progetto. Apprendendo la notizia lunedì, ha twittato: «Oggi mi sento come se Kobe sorridesse in paradiso».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
REGNO UNITO
59 min
Per l'antitrust britannico, Zuckerberg deve vendere Giphy
La popolare tastiera virtuale per GIF era stata acquistata da Facebook nel 2020 per 400 milioni
STATI UNITI
3 ore
Cyber Monday, l'anno scorso era andata meglio
Gli analisti sono però convinti che si andrà incontro a vendite record durante le vacanze
MONDO
5 ore
L'impatto di Omicron sull'economia: i quattro scenari di Goldman Sachs
Nel caso peggiore potrebbe causare una frenata dello 0,4%, ma si azzarda anche un'ipotesi ottimistica
AUSTRALIA
8 ore
Westpac e quelle spese addebitate ai clienti deceduti
Clienti trattati in malo modo? Il gigante bancario Westpac è finito nei guai, e dovrà sborsare più di 130 milioni
TICINO / SVIZZERA
11 ore
I lingotti ticinesi di PAMP si fondono... con MKS
La nuova azienda impiegherà circa 270 persone in tutta la Svizzera, di cui 200 in Ticino
Francia
22 ore
Wish è stato bannato dai motori di ricerca
La decisione arriva in seguito al rilevamento di un numero ingente di prodotti non conformi alla legge e pericolosi
STATI UNITI
1 gior
Jack Dorsey non è più a capo di Twitter
Il creatore del celebre social abbandona la poltrona di Ceo sostituito dal CTO Parag Agrawal
SVIZZERA
1 gior
Black Friday, quest'anno meno acquisti rispetto al 2020
Le difficoltà di approvvigionamento possono aver pesato sul più grande evento promozionale dell'anno
SVIZZERA
1 gior
Domanda alta, offerta bassa: schizzano i prezzi di beni e servizi
I prezzi sono cresciuti, e pesano in particolare i combustibili: la benzina fa registrare un +26,3% su base annua
GIAPPONE
1 gior
Svolta green anche per Nissan: metà dei veicoli saranno elettrici
L'obbiettivo per il raggiungimento della quota green del 50% del parco veicoli è il 2030
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile