Depositphotos (archivio)
MONDO
24.08.20 - 20:000

La "guerra" di Fortnite: iPhone rivenduti per migliaia di dollari

Il gioco è stato rimosso dagli store di Apple e Google. E in rete sono comparsi centinaia di annunci a prezzi altissimi

CUPERTINO - L’improvviso addio di Fortnite - il popolarissimo battle-royale sulla cresta dell’onda da diversi anni - dagli store digitali di Apple e Google ha spinto alcuni utenti del gioco a rivendere i propri smartphone in rete in cambio di cifre esorbitanti. Ma andiamo per gradi.

La guerra fredda tra Epic Games, casa di sviluppo proprietaria del gioco, e i due colossi ha preso il via a seguito dell’ultimo aggiornamento dell’applicazione. Per l’occasione, Epic ha inserito nelle versioni iOS e Android un sistema di pagamento proprietario per gli acquisti in-app, che garantisce uno sconto sui prezzi.

La scintilla - Il problema è che lo fa scavalcando i paletti previsti da Google e Apple, ossia evitando la commissione del 30% che gli sviluppatori pagano a Cupertino e Mountain View. E così Fortnite è stato rimosso da entrambi gli store. E, per quanto riguarda la versione Apple, Epic Games ha tempo fino al 28 agosto (all’indomani del lancio della nuova stagione del gioco) per correggere il tiro.

Il rischio è il ban totale di tutti i prodotti (anche futuri) targati Epic dallo store della Mela morsicata, sia mobile che per i Mac. Un'eventualità contro la quale la casa di sviluppo ha già presentato un'istanza di ingiunzione preliminare.

Prezzi folli - Nel mezzo delle schermaglie, qualcuno ha pensato bene di sfruttare il caos per guadagnarci qualche soldo. E così hanno iniziato a comparire su eBay numerosi “melafonini” in vendita, con il software installato, per diverse migliaia di dollari (o euro, a seconda della regione del venditore). In tanti ci hanno provato, con richieste che hanno in alcuni casi raggiunto (e superato) i 10mila dollari. 

Il buon senso sembra però aver avuto la meglio, considerato il numero esiguo di transazioni portate a termine. Anche perché, se da un lato Apple non può rimuovere forzatamente un’app da un dispositivo dall’altro può comunque renderla inutilizzabile attraverso un futuro aggiornamento del sistema operativo. 

Acquisti... veri o no? - Tuttavia, qualche acquisto assurdo sembra esserci stato. In Europa due iPhone sono stati venduti rispettivamente a 3’650 e 2’800 euro, mentre negli Stati Uniti la cifra più alta spesa è attorno agli 8’000 dollari. Ma anche in questi casi potrebbe trattarsi di una farsa, orchestrata dagli stessi venditori per rilanciare e alzare il prezzo. Un fenomeno tutt’altro che nuovo su eBay.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
REGNO UNITO
8 ore
Crisi dei trasporti? In arrivo «visti temporanei» per i camionisti
Il Governo britannico è al lavoro per trovare soluzioni urgenti alla crisi in corso
FRANCIA
1 gior
Kering: stop all'uso di pellicce animali
Nessuna casa di moda del gruppo francese lavorerà più con questo materiale
REGNO UNITO
1 gior
Code ai distributori, per i timori di una carenza di benzina
Le rassicurazioni del Governo britannico non stanno avendo l'effetto sperato
CINA
1 gior
«Tutte le transazioni in criptovaluta sono illegali»
Lo ha comunicato la Banca centrale cinese, ribadendo il proprio pugno duro contro le cripto
CINA
1 gior
Scadenza mancata, Evergrande verso il default
Non ha avuto luogo un pagamento di 83,5 milioni in scadenza ieri, la situazione si fa sempre più cupa
SVIZZERA
1 gior
Sunrise-UPC verso un marchio unico
Lo ha affermato il CEO dell'azienda nata dalla fusione tra Sunrise e UPC, André Krause
SVIZZERA
2 gior
Cinque aziende famigliari svizzere nella Top 100 globale
Quella che occupa la posizione più alta è Roche, al 16esimo posto
UNIONE EUROPEA
2 gior
La mossa europea: un caricatore unico per tutti i dispositivi
Oltre al caricabatterie comune, «non vanno più venduti» nuovi cavi per ogni dispositivo acquistato
STATI UNITI
2 gior
Porti californiani invasi dalle merci
Dopo un drastico cale delle importazioni, il mercato è ripartito alla grande
SVIZZERA
2 gior
Con un nuovo lockdown «sparirebbe una piccola impresa su cinque»
Per il 19% degli imprenditori un nuovo confinamento significherebbe quasi sicuramente la chiusura definitiva
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile