Keystone
SVIZZERA
03.02.20 - 14:330

Barry Callebaut: cioccolato al latte senza latte

Per sedurre le generazioni "vegane" l'azienda sta trasformando completamente una fabbrica in Germania

di Redazione
ats

ZURIGO - Produrre cioccolato al latte, senza latte: è la sfida del colosso Barry Callebaut, il più grande produttore al mondo di alimenti a base di cacao e cioccolato, che per sedurre le generazioni "vegane" sta trasformando completamente una fabbrica in Germania.

Il nuovo stabilimento di Norderstedt (Schleswig-Holstein) sarà il primo stabilimento del produttore zurighese a rifornire il mercato europeo del cioccolato senza latte, ha annunciato l'azienda nel fine settimana. «Per quanto ne so, questo fa di noi il primo produttore in assoluto con una fabbrica di questo tipo in Europa», ha spiegato il portavoce Frank Keidel all'agenzia finanziaria Awp.

Poter definire i prodotti senza latte è più difficile che chiamarli vegani, i requisiti sono maggiori: non sono ammesse nemmeno tracce di latte. Pertanto la fabbrica viene completamente separata dalla lavorazione del latte. L'inizio dell'attività è previsto per la prima metà del 2021. La capacità produttiva annuale dovrebbe raggiungere decine di migliaia di tonnellate e anche la Svizzera sarà rifornita da questo stabilimento.

Barry Callebaut offre prodotti senza latte da oltre dieci anni, ha detto Keidel. Tuttavia, è molto difficile ottenere lo stesso gusto e la stessa consistenza del cioccolato al latte e produrlo in grandi quantità. Ma il nuovo cioccolato è ora «altrettanto cremoso e ha un sapore altrettanto buono», assicura l'addetto stampa. Questo è dovuto a un ingrediente di origine naturale: quale sia esso esattamente, Keidel non vuole rivelarlo.

Oggi il mercato dei cioccolatini al latte senza latte o vegani è ancora limitato, ma Barry Callebaut si aspetta una forte crescita. Le generazioni più giovani, in particolare, sono sempre più consapevoli della sostenibilità e adottano una dieta vegana, vegetariana o flexitariana, fa notare Keidel.

Barry Callebaut è nata nel 1996 dalla fusione fra la società belga Callebaut e l'impresa francese Cacao Barry. Dal 1998 è quotata alla borsa svizzera. Oggi dispone di una sessantina di stabilimenti in 40 paesi e impiega oltre 12'000 persone: un prodotto su quattro a base di cacao e cioccolato consumati nel mondo proviene da Barry Callebaut. L'impresa ha sede a Zurigo e nell'esercizio 2018-2019 ha realizzato un fatturato di 7,3 miliardi di franchi e un utile netto di 369 milioni.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
MIM 1 anno fa su tio
Grassi idrogenati da margarina. Buon appetito
curzio 1 anno fa su tio
@MIM Non finisci mai di sorprendermi! Il portavoce dell'azienda non svela gli ingredienti... e tu già sai la composizione del prodotto! Sei grandioso! Grazie di esistere e di diffondere la tua profonda conoscenza in qualsiasi campo!
miba 1 anno fa su tio
Che provino a non mungere più le mucche per vedere cosa succede.... Ma par piasée!!
curzio 1 anno fa su tio
@miba Cosa succede? Racconta, racconta...
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
ITALIA
2 ore
La grappa italiana va alla grande (anche all'estero)
È in particolare notevole l'aumento del commercio online, attività quasi triplicata
EMIRATI ARABI UNITI
5 ore
Il weekend sarà sabato e domenica anche negli Emirati
Il Governo ha annunciato l'introduzione di una nuova settimana lavorativa, di 4,5 giorni
CANTONE / SVIZZERA
7 ore
Disoccupazione stabile in Svizzera, lievemente su in Ticino
Secondo l'ultimo rapporto della Seco continuano a calare i disoccupati, dopo il boom del 2020
Stati Uniti
10 ore
È in vendita la primissima voce di Wikipedia sotto forma di NFT
Con lei, il fondatore dell'enciclopedia online hanno messo all'asta l'Imac strawberry con cui lavorava all'epoca
STATI UNITI
23 ore
Il weekend nero del Bitcoin
La valuta digitale ha visto il suo valore amputato di 13'000 dollari in due giorni (e non è la sola)
UNIONE EUROPEA
1 gior
Un nuovo look per l'Euro entro il 2024
Le banconote attuali hanno ormai un ventennio e la Bce sta pensando a un nuovo look: «Sono qui per restare»
SVIZZERA
1 gior
CdA di UBS: giunge al termine la Presidenza di Lukas Gähwiler
Cambio ai vertici della Banca: il dirigente ed ex Ceo sarà rimpiazzato da Markus Ronner
CANADA
1 gior
Manca personale: test Covid per impiegare i non vaccinati
Più difficile del previsto, nel mercato del lavoro canadese, l'attuazione della stringente politica governativa
MONDO
1 gior
Materie prime: raffreddamento nel 2022?
Una corrente minoritaria pensa, invece, che il rialzo sia ormai diventato strutturale
STATI UNITI
2 gior
Manca il formaggio cremoso, venditori di bagel in crisi
La domanda è aumentata anche grazie all'home office, che costringe molte persone a fare colazione a casa
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile