Immobili
Veicoli
Keystone
FRANCIA
30.11.20 - 20:390

Macron furioso: «Bisogna riscrivere completamente l'articolo»

Il presidente francese ha strigliato i membri del governo responsabili dell'articolo 24 della legge sulla sicurezza

Fonte ats ans - Tullio Giannotti
elaborata da Alessandra Ferrara
Giornalista

PARIGI - «Quest'articolo ha provocato il caos. Mi avete messo in una situazione che poteva essere evitata. Bisogna riscriverlo completamente»: un Emmanuel Macron che i suoi ministri e collaboratori hanno descritto come «furioso» e «glaciale» nel rivolgersi ai membri del governo ha strigliato all'Eliseo i responsabili del famigerato articolo 24 della legge sulla sicurezza, quello che vieta di filmare e fotografare poliziotti in azione, anche durante le manifestazioni.

È stato necessario un vertice, una riunione di crisi per mettere in piedi un tentativo di uscire dal vicolo cieco nel quale il governo e la maggioranza si sono infilati negli ultimi giorni. Dove alla protesta per questa legge vista come "liberticida" dai francesi - anche se nata per proteggere gli agenti a rischio di ritorsioni o di pubblicazione dei loro volti sui social - si sono aggiunti i clamorosi casi di violenza da parte delle forze dell'ordine: prima lo sgombero a suon di manganellate e calci di centinaia di migranti da place de la République, poi l'ancora più incredibile caso del produttore musicale Michel Zecler fermato sotto il suo studio di registrazione, trascinato all'interno e picchiato per almeno 20 minuti da tre agenti che lo hanno insultato gridandogli «sporco negro». Due di loro sono in carcere, gli altri sono sotto inchiesta per violenze e abuso di potere. Uno di loro ha lanciato all'interno del locale di proprietà di Zecler, in cui erano asserragliati e terrorizzati anche diversi componenti di un gruppo di musica rap che stava registrando, un candelotto lacrimogeno, mettendo a rischio l'incolumità di tutti.

La rabbia che si è scatenata nelle piazze francesi sabato pomeriggio, ingiustificabile nelle abituali violenze e vandalismi dei black bloc, ha contribuito a far vacillare il governo. Al punto che Macron ha ordinato ai suoi la riscrittura dell'articolo, sperando che sia la strada giusta per uscire dalla crisi. Il presidente è apparso in un vicolo cieco fra la pressione della piazza e della sinistra, che chiede il ritiro dell'articolo che fa parte della legge sulla "sicurezza globale", e la destra che ne reclama la correttezza e la legittimità. Spalle al muro, all'Eliseo, c'erano il premier Jean Castex, il ministro dell'Interno, Gérald Darmanin (principale bersaglio dei manifestanti di sabato e indicato come l'esponente che sposta più a destra l'esecutivo) e i capigruppo della maggioranza de La République en Marche.

«È una prima marcia indietro - ha commentato il leader dei deputati comunisti Fabien Roussel - ma noi vogliamo il ritiro dell'articolo e di tutta la legge». Darmanin, più che mai sotto pressione, si è presentato subito dopo il vertice davanti ai deputati per un'audizione in cui ha assicurato che «non c'è alcun divorzio fra la polizia e la popolazione», un'affermazione che sembra essere messa a dura prova da quanto si vede e si sente ad ogni manifestazione, sia che si tratti di studenti, di lavoratori, di gilet gialli o di movimenti d'opinione. Il malumore cresce anche nelle file del partito del presidente: «La linea Darmanin rende isterico il dibattito - ha detto Pascal Canfin, del movimento 'Renaissance' - spezza il punto d'equilibrio dell'elettorato della maggioranza». All'estrema destra, Marine Le Pen ha denunciato «il disordine che regna» in Francia con un governo che ha «perso il controllo» e dato prova di «compiacenza» con i black-bloc.

Macron la settimana scorsa è intervenuto mentre imperversava la protesta sui social per le immagini diffuse del pestaggio di Zecler da parte dei tre poliziotti, definendo quanto accaduto «una vergogna per la Francia». Adesso, strigliato il governo, prova a salvare una legge la cui sorte sembra, a molti, già segnata.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
UCRAINA: SEGUI IL LIVE
LIVE
Zelensky: «"L'operazione speciale" è già fallita»
In corso negoziati per evacuare Mariupol, anche per coloro che si trovano nell'acciaieria, ha fatto sapere il presidente
COREA DEL NORD
14 ore
Covid, per la Corea del Nord è come essere ancora nel 2020
Nel Paese sono stati rilevati oltre 820mila casi. Dopo aver rifiutato i vaccini, Pyongyang chiederà ora aiuto alla Cina?
UCRAINA: SEGUI IL LIVE
16 ore
«L'esercito russo è in un vicolo cieco»
Il presidente ucraino Zelensky prevede una nuova offensiva delle truppe di Mosca nel Donbass. Ma non abbassa la testa
FINLANDIA
21 ore
Nato, la Finlandia chiederà ufficialmente l'adesione
Lo ha annunciato il presidente finlandese Sauli Niinistö in conferenza stampa
STATI UNITI
23 ore
Dopo la strage «ha riposto l'arma, si è inginocchiato e consegnato»
Nell'assalto, in un supermercato di Buffalo, sono rimaste uccise almeno 10 persone. Il 18enne si trova in custodia
STATI UNITI
1 gior
Sparatoria al supermercato: 8 morti
È successo a Buffalo nello stato di New York. L'autore sarebbe un 18enne suprematista bianco
RUSSIA
1 gior
Nuove voci su una malattia di Putin
Secondo un oligarca intercettato il presidente russo avrebbe un «tumore al sangue»
PORTOGALLO
1 gior
Abramovich non può vendere casa
Una villa da 10 milioni di euro è stata bloccata in Portogallo. Aveva già un acquirente
ITALIA
1 gior
Inaugurato un ponte da record
Il "Ponte del Sole" si trova a Dossena, nel Bergamasco, ed è lungo 505 metri.
STATI UNITI
1 gior
Uno scheletro di dinosauro da dodici milioni di dollari
L'ossatura era stata ritrovata nel Montana nel 2013 e risale al periodo cretaceo.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile