Keystone
FRANCIA
30.11.20 - 20:390

Macron furioso: «Bisogna riscrivere completamente l'articolo»

Il presidente francese ha strigliato i membri del governo responsabili dell'articolo 24 della legge sulla sicurezza

Fonte ats ans - Tullio Giannotti
elaborata da Alessandra Ferrara
Giornalista

PARIGI - «Quest'articolo ha provocato il caos. Mi avete messo in una situazione che poteva essere evitata. Bisogna riscriverlo completamente»: un Emmanuel Macron che i suoi ministri e collaboratori hanno descritto come «furioso» e «glaciale» nel rivolgersi ai membri del governo ha strigliato all'Eliseo i responsabili del famigerato articolo 24 della legge sulla sicurezza, quello che vieta di filmare e fotografare poliziotti in azione, anche durante le manifestazioni.

È stato necessario un vertice, una riunione di crisi per mettere in piedi un tentativo di uscire dal vicolo cieco nel quale il governo e la maggioranza si sono infilati negli ultimi giorni. Dove alla protesta per questa legge vista come "liberticida" dai francesi - anche se nata per proteggere gli agenti a rischio di ritorsioni o di pubblicazione dei loro volti sui social - si sono aggiunti i clamorosi casi di violenza da parte delle forze dell'ordine: prima lo sgombero a suon di manganellate e calci di centinaia di migranti da place de la République, poi l'ancora più incredibile caso del produttore musicale Michel Zecler fermato sotto il suo studio di registrazione, trascinato all'interno e picchiato per almeno 20 minuti da tre agenti che lo hanno insultato gridandogli «sporco negro». Due di loro sono in carcere, gli altri sono sotto inchiesta per violenze e abuso di potere. Uno di loro ha lanciato all'interno del locale di proprietà di Zecler, in cui erano asserragliati e terrorizzati anche diversi componenti di un gruppo di musica rap che stava registrando, un candelotto lacrimogeno, mettendo a rischio l'incolumità di tutti.

La rabbia che si è scatenata nelle piazze francesi sabato pomeriggio, ingiustificabile nelle abituali violenze e vandalismi dei black bloc, ha contribuito a far vacillare il governo. Al punto che Macron ha ordinato ai suoi la riscrittura dell'articolo, sperando che sia la strada giusta per uscire dalla crisi. Il presidente è apparso in un vicolo cieco fra la pressione della piazza e della sinistra, che chiede il ritiro dell'articolo che fa parte della legge sulla "sicurezza globale", e la destra che ne reclama la correttezza e la legittimità. Spalle al muro, all'Eliseo, c'erano il premier Jean Castex, il ministro dell'Interno, Gérald Darmanin (principale bersaglio dei manifestanti di sabato e indicato come l'esponente che sposta più a destra l'esecutivo) e i capigruppo della maggioranza de La République en Marche.

«È una prima marcia indietro - ha commentato il leader dei deputati comunisti Fabien Roussel - ma noi vogliamo il ritiro dell'articolo e di tutta la legge». Darmanin, più che mai sotto pressione, si è presentato subito dopo il vertice davanti ai deputati per un'audizione in cui ha assicurato che «non c'è alcun divorzio fra la polizia e la popolazione», un'affermazione che sembra essere messa a dura prova da quanto si vede e si sente ad ogni manifestazione, sia che si tratti di studenti, di lavoratori, di gilet gialli o di movimenti d'opinione. Il malumore cresce anche nelle file del partito del presidente: «La linea Darmanin rende isterico il dibattito - ha detto Pascal Canfin, del movimento 'Renaissance' - spezza il punto d'equilibrio dell'elettorato della maggioranza». All'estrema destra, Marine Le Pen ha denunciato «il disordine che regna» in Francia con un governo che ha «perso il controllo» e dato prova di «compiacenza» con i black-bloc.

Macron la settimana scorsa è intervenuto mentre imperversava la protesta sui social per le immagini diffuse del pestaggio di Zecler da parte dei tre poliziotti, definendo quanto accaduto «una vergogna per la Francia». Adesso, strigliato il governo, prova a salvare una legge la cui sorte sembra, a molti, già segnata.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
STATI UNITI
56 min
Ti vaccini? 1'000 dollari in più in busta paga
La strategia del gruppo finanziario Vanguard mira a spingere più lavoratori a vaccinarsi, senza imporre un obbligo
FOTO
GRECIA
2 ore
Un successo per chi lotta contro gli incendi: Olimpia è salva
Più di 150 roghi hanno colpito il paese nel corso dell'ultima settimana
SPAGNA
4 ore
«Nulla giustifica un ampio uso di acqua in bottiglia»
Nemmeno i possibili rischi per la salute giustificano un forte consumo di acqua in bottiglia, secondo uno studio
GRECIA
8 ore
Coprifuoco notturno e niente musica in due località turistiche greche
I provvedimenti riguardano Zacinto e La Canea, sull'isola di Creta
ITALIA
9 ore
Il Green Pass per andare al ristorante (e non solo), tutto quello che c'è da sapere
Da domani in Italia l'obbligo di mostrare il documento Covid al chiuso e all'aperto, ecco dove e come funzionerà.
REGNO UNITO
9 ore
11 arresti per gli insulti razzisti ai giocatori inglesi a Euro 2020
Le segnalazioni di natura criminale raccolte da una specifica unità sono state 207, molte provengono dall'estero
LE FOTO
COLOMBIA
12 ore
Tornano gli spettatori allo stadio, e scatta la maxi-rissa
Dopo 16 mesi di chiusura i tifosi colombiani sono tornati allo stadio, ma l'epilogo è stato violento
VIDEO
ITALIA
13 ore
Il grido della Ocean Viking: «Fateci sbarcare i 553 migranti a bordo»
Martedì una donna incinta ha dovuto essere evacuata d'urgenza dalla guardia costiera italiana insieme al suo compagno
ITALIA
15 ore
Vigilia agitata per il "green pass"
Le norme per bar e ristoranti entreranno in vigore da domani. Ma la partita sui trasporti e la scuola è ancora aperta
MONDO
18 ore
Terza dose, tra chi ha già iniziato e chi ci pensa
Israele è partito domenica. La Germania pronta a iniziare a settembre. Italia e Francia ci pensano. La Svizzera osserva
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile