Keystone
SERBIA
22.06.20 - 07:210

Vučić trionfa

Alle elezioni parlamentari, il partito del presidente serbo ottiene oltre il 60%.

BELGRADO - Trionfo annunciato per il presidente Aleksandar Vučić in Serbia. Rispettando i pronostici della vigilia, il Partito del progresso serbo (Sns, conservatore) da lui guidato ha vinto con larghissimo margine le elezioni parlamentari e amministrative nel Paese balcanico.

I primi dati parziali diffusi ieri in serata dalla tv pubblica Rts, basati su elaborazioni degli istituti Ipsos e Cesid, assegnavano allo Sns percentuali superiori al 60%. Il primo dato del 63,4% è stato limato successivamente al 62,5% man mano che il campione esaminato aumentava.

Ma il successo del presidente appare inconfutabile, considerando anche che al secondo posto in termini di consenso, e lontanissimo, figura il Partito socialista (Sps) del ministro degli esteri Ivica Dačić, alleato di governo, che ottiene il 10,7%, una percentuale peraltro inferiore alle attese e alle previsioni dei sondaggi che parlavano di cifre al di sopra del 12%.

Stando ai primi dati parziali, sarebbero solo tre le forze politiche a superare la soglia di sbarramento del 3% e a ottenere seggi nel parlamento unicamerale di 250 deputati. Oltre a Sns e Sps, anche il movimento Spas, forza di opposizione moderata di centrodestra guidata dall'ex pallanuotista Aleksandar Šapić, accreditato di circa il 4%.

Tutte le altre 18 forze politiche in lizza sarebbero al di sotto del 3%. L'opposizione, che inizialmente nei mesi scorsi sembrava voler correre unita e fare muro contro l'Sns di Vučić - il fronte di opposizione era accreditato fra il 13% e il 14% - ha poi deciso di boicottare il voto ritenendo che non ci fossero in Serbia le condizioni per elezioni libere e democratiche.

Ma successivamente l'opposizione stessa si è divisa, con le forze più dure e radicali che hanno confermato il boicottaggio, mentre altri partiti e movimenti su posizioni più moderate hanno deciso di partecipare alla consultazione, anche dopo l'abbassamento dello sbarramento dal 5% al 3%.

Il risultato tuttavia non è stato dei migliori per gli avversari di Vučić, visto che - stando ai primi dati parziali - solo una forza di opposizione entrerebbe in parlamento. Dragan Đilas, uno dei leader dell'opposizione radicale, ha tuttavia sostenuto che il boicottaggio ha avuto successo abbassando l'affluenza che è stata a suo avviso molto inferiore al 50% di cui parla lo Sns, cosa questa che non conferisce legittimità al potere di Vučić.

Per Đilas la partecipazione sarebbe stata poco superiore al 40%, e a Belgrado solo del 36%. L'ultimo dato ufficiale della commissione elettorale relativa alle 18 parlava di una partecipazione del 40,82%. Il partito di Vučić ha reso noto in serata che alle urne si è recato poco più del 50%. Stando ai primi dati parziali, all'Sns di Vucic andrebbero 180 seggi dei 250 complessivi del parlamento, all'Sps 30, a Spas 11.

Una maggioranza schiacciante che consentirebbe al partito del presidente di governare da solo e di continuare - come ha più volte detto Vučić in campagna elettorale - nel programma di riforme per la modernizzazione del Paese e la realizzazione delle necessarie infrastrutture, unitamente al capitolo relativo al Kosovo e alla difficile ricerca di un accordo sulla normalizzazione dei rapporti con Pristina.
 
 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
STATI UNITI
1 ora
Nata da un embrione congelato... 28 anni fa
Il record precedente, di 25 anni, era stato stabilito nel 2017. Dalla stessa coppia di genitori adottivi
Unione europea
1 ora
L'Ue? «Un matrimonio in crisi, serve un esame di coscienza»
A Mateusz Morawieczki non va giù lo sfogo dell'Unione contro Polonia e Ungheria
STATI UNITI
4 ore
«Restate a casa», disse il sindaco dalla sua vacanza in Messico
Bufera sul sindaco di Austin, in Texas, molto attivo nell'esortare al rispetto delle raccomandazioni.
MONDO
4 ore
È TikTok il social dell'anno
Tuttavia, negli Stati Uniti, lo scontro con la Cina sta ancora tenendo l'app musicale sulle spine
STATI UNITI
5 ore
È già iniziato il pressing della Cina sul team di Biden
Lo sostiene l'intelligence Usa che ha parlato di spionaggio e campagne d'influenza di Pechino negli States
ITALIA
7 ore
Natale blindato, Conte firma stasera
Le conferme: regioni "chiuse" dal 21 dicembre al 6 gennaio. Blindati il 25 e 26 dicembre e Capodanno
EUROPA
8 ore
I "rifiuti d'oro" del Covid
Una maxi-operazione dell'Europol su scala europea ha portato a oltre 100 arresti
EUROPA
17 ore
EasyJet: bagaglio a mano? Presto solo uno zainetto
Da febbraio si potrà portare in cabina solo una piccola borsa da tenere sotto il sedile
BIELORUSSIA / LITUANIA
17 ore
«Quella centrale nucleare non rispetta gli standard internazionali»
La Lituania è preoccupata della gestione bielorussia della nuova centrale nucleare di Astravyets
MONDO
18 ore
L'Onu rimuove la cannabis dalla lista dei narcotici più pericolosi
Nella stessa tabella figuravano anche eroina e cocaina
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile