Keystone
REGNO UNITO
19.10.19 - 10:270
Aggiornamento : 11:22

Oggi è il giorno della Brexit

Boris Johnson chiede al Parlamento di approvare l'accordo da lui raggiunto con l'Ue e avverte la Camera dei Comuni che «ora è arrivato il tempo» di decidere

LONDRA - Seduta straordinaria oggi del Parlamento britannico, riunito di sabato come in passato solo in tempo di guerra per votare - che si prevede testa a testa - sull'accordo sul divorzio dall'Ue raggiunto in extremis dal premier conservatore Boris Johnson con Bruxelles.

Sì ufficiale - Il premier britannico Boris Johonson si è assicurato il sostegno ufficiale all'accordo dalla corrente degli euroscettici ultrà del suo Partito Conservatore, il cosiddetto European Research Group, o Erg. L'annuncio è arrivato stamattina da parte di Steve Baker, l'ex viceministro che guida questo raggruppamento, a cui aderiscono diverse decine di deputati Tory. L'ostruzionismo dell'Erg era stato uno dei fattori che avevano portato nei mesi scorsi alla bocciatura del precedente deal sulla Brexit, presentato dall'allora premier Theresa May. Il via libera di oggi tiene invece vive le speranze di Johnson, anche se da solo potrebbe non essere sufficiente per garantirgli la vittoria finale.

«È ora di decidere» - Boris Johnson chiede al Parlamento di approvare l'accordo e avverte la Camera dei Comuni che «ora è arrivato il tempo» di decidere. Aprendo oggi il dibattito straordinario sul deal alla Camera dei Comuni, il primo ministro conservatore ha ricordato come l'aula non sia stata «in grado di trovare» una soluzione per oltre tre anni dopo il referendum del 2016. Johnson ha difeso il suo deal come «un nuovo accordo» che va ratificato per «riunire il Paese». Johnson ha rivendicato i meriti dell'accordo sulla Brexit, indicato come «un nuovo modo per andare avanti». Accordo, ha detto, che «rimuove il backstop», «ci ridà il controllo» e che in particolare garantisce sia l'intesa di pace irlandese del Venerdì Santo sia il legame fra l'Irlanda del Nord e il resto del Regno Unito.

Il premier Tory ha notato inoltre come esso rispetti il referendum del 2016 e i sentimenti dei britannici: storicamente «scettici sull'Ue», ma desiderosi di mantenere i legami con l'Europa.

Il "no" di Corbyn - «Questo governo non può essere creduto e noi non ci faremo ingannare». Così il leader dell'opposizione laburista britannica Jeremy Corbyn rispondendo ai Comuni nel dibattito. Accordo che Corbyn ha denunciato come dannoso «per l'economia» del Paese, per «i diritti dei lavoratori e per l'ambiente», invitando il Parlamento a respingerlo. E avanzando il sospetto che non garantisca neppure con sicurezza di scongiurare in ultimo un possibile no deal.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
streciadalbüter 7 mesi fa su tio
Non ho capito una cosa:il popolo ha deciso di uscire dall`unione europea ma il parlamento inglese non é d`accordo.Ma cosa rappresenta il parlamento inglese?Il popolo o se stessi?
anndo76 7 mesi fa su tio
@streciadalbüter lo stesso della svizzerella....prima i nostri e poi nel cul...... aaajajj se non capisci che chi comanda il mondo sono le multinazionali e i politici i loro giullari allora te capi' na' got
fromrussiawith<3 7 mesi fa su tio
Spero si arrivi ad una conclusione con la Brexit, sarebbe un bene per tutti. Se così non fosse, L'Europa rischierebbe di entrare in una crisi alla quale non potrebbe far fronte - già sotto pressione con la Turchia, Spagna (?), rallentamento economico, etc.
Galium 7 mesi fa su tio
@fromrussiawith<3 La brexit, piaccia o meno, porterà danni soprattutto al UK. Molto meno all'Europa
Angelo Michele Maiorano 7 mesi fa su fb
Mai un quotidiano che ci informi del perché l'Inghilterra, pur non avendo l'euro ma la lira sterlina con la Banca d'Inghiltetra, riceve un cospicuo interesse (più della Banca d'Italia, che ha l'euro) di Signoraggio bancario sull'emissione delle banconote di euro emesse dalla Banca centrale europea. Lo prenderà anche dopo la Brexit? Secondo me sì! Le Banche usano termini tipo "Banca di Diritto pubblico", ma poi, sono de facto banche private che si fanno le loro leggi.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
EUROPA
34 min
Riconoscimento facciale? Bastano gli occhi, o la camminata
Le mascherine, che bloccano l'operatività del riconoscimento facciale, non hanno effetti su altri sistemi
STATI UNITI
6 ore
Le proteste potrebbero provocare una nuova ondata di contagi
Il chirurgo generale degli Stati Uniti lancia l'allarme
STATI UNITI
7 ore
L'agente che ha soffocato Floyd accusato di omicidio volontario
Il procuratore generale del Minnesota ha riqualificato le accuse nei confronti di Derek Chauvin.
STATI UNITI
8 ore
Rubano l'auto dei nonni, muoiono in un incidente due fratellini di 6 e 7 anni
I due bambini sono morti sul colpo in seguito ad uno spettacolare incidente
STATI UNITI
10 ore
Si rifiutano di servire i poliziotti: licenziati in 4
Caos anche nella ristorazione negli States, la vicenda vissuta da Condado Tacos fa discutere
STATI UNITI
11 ore
Polemica Amazon: rimossi i bonus ai dipendenti che si recano al lavoro durante la pandemia
La decisione ha raccolto le critiche del personale: «Ci sentiamo ancora in pericolo»
STATI UNITI
12 ore
428 persone bloccate al collo dalla polizia di Minneapolis
In due terzi dei casi la procedura è stata applicata a persone di colore
ITALIA
12 ore
«Parlare ora di seconda ondata non ha senso»
Il primario dell'ospedale San Raffaele, Alberto Zangrillo, conferma la propria posizione sull'evoluzione della pandemia
STATI UNITI / CINA
14 ore
Gli Stati Uniti hanno vietato i voli delle compagnie aeree cinesi
La misura, sarà attiva dal 16 giugno ed è una ritorsione perché quelle americane in Cina non possono (ancora) volare
NUOVA ZELANDA
14 ore
Lotta alla povertà, assorbenti e tamponi gratuiti in tutte le scuole
Troppe ragazze si assentano da scuola perché non possono permetterseli. La Nuova Zelanda corre ai ripari
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile