Keystone
UE / SVIZZERA
24.05.19 - 13:320
Aggiornamento : 14:23

Elezioni europee: anche la Svizzera vota, ma non sempre con entusiasmo

1 abitante su 5 del nostro Paese può votare per l'Europarlamento. Ma lo fa? Spagnoli e italiani poco, belgi e lituani molto di più

STRASBURGO / BERNA - Per posta, in ambasciata, per procura o attraverso il voto elettronico, anche in Svizzera si vota o si è già votato per il nuovo Parlamento europeo. Degli 8,4 milioni di abitanti del nostro Paese, infatti, 2 milioni (circa un quarto) sono cittadini europei: 600mila sono svizzeri con un secondo passaporto mentre 1,4 milioni sono europei domiciliati in Svizzera. Di loro, 1,7 milioni hanno l’età per votare: si tratta di un quinto dei residenti della Confederazione. Ma lo fanno?

Ad urne aperte non tutte le ambasciate europee possono fornire dati a riguardo, ma un breve excursus rivela una partecipazione variegata. Si va dalla tradizionale scarsa partecipazione di spagnoli e italiani al discreto entusiasmo di belgi e lituani. A incidere sembrano senz’altro essere le modalità di voto disponibili.

Per gli spagnoli «le cifre sono molto basse» - L’ambasciata di Madrid a Berna fa sapere che «in Svizzera abitano circa 125mila spagnoli». Siccome i tre consolati generali del Paese accoglieranno gli elettori fino a domenica non è ancora possibile conoscere l’affluenza, «tuttavia possiamo già dire che le cifre relative alla partecipazione degli spagnoli residenti all’estero sono molto più basse di quelle registrate in Spagna», precisa il funzionario Samuel Fernández Arias. Per votare dall’estero, del resto, è necessario ogni volta sollecitare con anticipo il materiale di voto.

Per gli italiani in Svizzera è complicato - L’Italia, dal canto suo, prevede la possibilità di votare dall’estero per l’Europarlamento solo per gli italiani che vivono in un Paese comunitario. Gli italiani residenti in un Paese non UE come la Svizzera, invece, dovrebbero recarsi nel comune italiano nel quale sono registrati come cittadini AIRE (Anagrafe italiani residenti all’estero). Il risultato? L’affluenza dall’estero per queste europee non è ancora disponibile, ma quella del 2014 era stata del 5,9% contro il 58,7% registrato in Italia.

I belgi hanno mille possibilità - Dei 23mila belgi recensiti nella Confederazione dalla loro rappresentanza, in 9'818 si sono registrati per votare, fa sapere l’ambasciata del Belgio a Berna. La stragrande maggioranza lo ha fatto per posta (8'260), 1'140 lo faranno per procura, 140 voteranno in Belgio domenica e circa 130 hanno votato nella rappresentanza diplomatica di Berna. I rimanenti 130 circa si erano annunciati per farlo, ma devono aver desistito.

Un terzo dei lituani in Svizzera dice la sua - Il consolato lituano a Ginevra informa che 773 suoi cittadini residenti in Svizzera si sono registrati per votare nella sede della rappresentanza diplomatica, ma il numero di coloro che l’hanno fatto non è ancora disponibile. Nel nostro Paese vivono almeno 2'338 lituani (UST 2017).  

«Gli estoni possono votare anche se sono in vacanza in Australia» - La rappresentanza estone competente per il nostro Paese (quella di Vienna), sottolinea come «già da molto tempo» i suoi cittadini abbiano la possibilità di esprimersi con il voto elettronico anche dall’estero: «In questo modo, un estone che vive in Svizzera può votare per le elezioni europee anche se è in ferie in Australia», rimarca il console onorario a Zurigo, Hans Graf. E in quanti lo fanno? In 116 hanno votato per le Europee dalla Svizzera, dove vivono almeno 860 estoni (UST 2017). Una proporzione tendenzialmente un po’ più bassa della partecipazione generale degli estoni all’estero, che per queste europee è del 25,4%.

Niente voto per gli ungheresi all’estero - All’ambasciata di Ungheria a Berna ci sono 867 persone registrate per votare, fa sapere la rappresentanza magiara. Attenzione però: il voto all’estero è possibile solo per gli ungheresi che vivono in Ungheria e si trovano fuori dal Paese temporaneamente. Gli ungheresi residenti in Svizzera, per contro, sono almeno 21'302 (UST 2017), ma non possono votare, così come irlandesi, cechi, slovacchi, maltesi, greci e bulgari (gli ultimi due gruppi, come gli italiani, potrebbero al massimo farlo in un altro Paese UE).

Quasi 2500 croati potrebbero votare - In Svizzera risiedono 2'479 croati con diritto di voto per il Parlamento europeo, fa sapere l’ambasciata di Zagabria a Berna. Essi non devono tuttavia registrarsi per votare quindi non è ancora possibile sapere in quanti l’abbiano fatto. 267 croati residenti in Croazia che si trovano solo temporaneamente in Svizzera si sono invece registrati per votare nelle rappresentanze di Berna e Zurigo.

2500 polacchi e 766 finlandesi hanno risposto all’appello - Degli almeno 3'851 finlandesi residenti in Svizzera (UST 2017), hanno votato in 766: 132 a Berna, 405 a Zurigo e 229 a Ginevra, dettaglia l’ambasciata del Paese nordico a Berna. Tra gli almeno 29'304 polacchi che vivono nel nostro Paese (UST 2017) sono 2'500 quelli che si sono registrati per votare.

Gli altri "pezzi da 90" - Dopo gli italiani - più di 317mila in Svizzera senza contare i confederati con doppio passaporto - i gruppi di stranieri (e al contempo europei) più rappresentati nel nostro Paese sono i tedeschi (304'571), i portoghesi (266'557) e i francesi (131'050, sempre senza contare i binazionali con anche il passaporto rossocrociato, dati UST 2017).

Per questi Paesi non sono ancora disponibili dati sulla partecipazione dalla Svizzera. I tedeschi devono del resto annunciarsi al loro ultimo comune di residenza in Germania per votare, ricorda l’ambasciata. La rappresentanza diplomatica in Svizzera non tiene alcun registro elettorale.

I francesi, invece, possono votare al consolato o per procura. Anche i portoghesi residenti in Svizzera possono votare dal nostro Paese, previa iscrizione al registro dei portoghesi residenti all’estero entro il 26 marzo 2019. Una condizione, quest’ultima, imposta da molti Paesi europei con scadenze diverse.

Per quanto riguarda gli austriaci, l’ambasciata fa sapere che sono «circa 65mila» quelli che vivono in Svizzera, ma non è ancora possibile conoscere l’affluenza. Come i tedeschi, gli austriaci devono registrarsi in un comune del loro Paese d'origine per farlo e non presso la loro rappresentanza diplomatica. Il voto avviene per posta.  

Commenti
 
Carlo Aiele 1 mese fa su fb
A me non è arrivata nessuna scheda !!!! AVREI VOTATO SALVINI
Franco Oriti 1 mese fa su fb
Non mi risulta che gli italiani residenti in Svizzera ed iscritti all AIRE possano votare per il Parlamento Europeo in qualche consolato italiano in Svizzera
Patrizia Ronconi 1 mese fa su fb
Franco, in Svizzera non so, l'articolo sembrerebbe dire di sì. Ma in Ticino di sicuro no, vedi l'altro articolo che ho postato io.
Simona Vomeri 1 mese fa su fb
Franco Oriti ....no, infatti domani mi devo fare 420km (A+R) per andare a votare 😉
Franco Oriti 1 mese fa su fb
Patrizia in Svizzera non si puo'
Franco Oriti 1 mese fa su fb
http://www.sitocgie.com/2019/05/25/italiani-in-europa-al-voto-con-fatica-nei-pochi-seggi/
Raffaella Norsa 1 mese fa su fb
Simona Vomeri io per fortuna arrivo da Milano e la tra l’altro la mia ultima residenza era Lanzo x cui voto li però è assurdo che una persona non possa votare in consolato!!!
Patrizia Ronconi 1 mese fa su fb
Beh, salvo in Ticino (tanto per cambiare)! https://www.tio.ch/ticino/politica/1369998/elezioni-europee-gli-italiani-non-possono-votare-in-ticino
Raffaella Norsa 1 mese fa su fb
Io voto eccome per gli italiani è importantissimo votate domenica!
Massimiliano Verdaglia 1 mese fa su fb
Fra un po’ , saremmo tutti sottomessi , dalla Germania 🇩🇪e Francia 🇫🇷 , complimenti hai nostri politici 😂😂😂😂😂
Massimiliano Verdaglia 1 mese fa su fb
Massimiliano Verdaglia 1 mese fa su fb
Danny50 1 mese fa su tio
Svizzera, no man’s land !
Gertrud Haller 1 mese fa su fb
Perché non un unico sistema per un voto europeo?? Ecco dove ha fallito Europa!!
Pedraita Maurizio 1 mese fa su fb
Gertrud Haller l’EU è il fallimento degli stati europei
Anders Carlström 1 mese fa su fb
Entusiasmo?? Forse se l' "unione" europea non si fosse rivelata un fallimento così grande, metà di quelle persone non sarebbero state costrette a venire in Svizzera
Raffaella Norsa 1 mese fa su fb
si rallegri, siamo arrivati prima dell'unione Europea
Anders Carlström 1 mese fa su fb
Raffaella Norsa Questo forse vale per lei. Conosco molte persone, tanti portoghesi ad esempio che sono qua, a causa della crisi dell' eurozona. Molti paesi specialmente quelli del sud, sono stati destabilizzati dall' adozione della moneta unica.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
GERMANIA
1 ora

Il ceo di Siemens: «Trump sta diventando il volto del razzismo»

Joe Kaeser entra a gamba tesa nella diatriba sui tweet giudicati xenofobi del presidente. L'azienda tedesca sta per firmare un importante contratto negli Stati Uniti

CINA
1 ora

Hong Kong: nuova manifestazione, in decine di migliaia in strada

Anche questa volta molti manifestanti marciano con un ombrello, diventato il simbolo della protesta

REGNO UNITO
2 ore

È stato un 19enne a scatenare lo scandalo Darroch

Steven Edginton ha dichiarato di essere stato lui a ottenere i documenti e a passarli alla stampa

STATI UNITI
4 ore

Alll'asta per 1,8 milioni 3 video originali della Nasa sull'allunaggio del '69

Li aveva acquistati in un lotto un videoamatore che all'epoca era studente universitario, rivendendoli ci ha guadagnato circa 8'000 volte

GERMANIA / SERBIA
16 ore

Allarme bomba sull'aereo Lufthansa... per amore

L'autore ha ammesso di averlo fatto perché si era invaghito di una hostess in servizio su quel volo

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile