Keystone
REGNO UNITO
23.05.19 - 11:420

Sale la pressione per le dimissioni: Theresa May allo stremo

Secondo molti il suo destino sarebbe segnato, il ministro degli Esteri: «Resterà fino a giugno per accogliere Trump»

LONDRA - Prosegue il pressing per le dimissioni di Theresa May in casa Tory, dopo l'esplosione ieri della rivolta in seno al gruppo parlamentare del suo partito e allo stesso governo sfociata in serata nell'addio alla compagine dell'ambiziosa ministra brexiteer Andrea Leadsom.

Secondo la Bbc, diversi altri ministri considerano a questo punto segnato il destino di May e si aspettano che domani - finita la giornata elettorale - ella fissi come minimo una data per uscir di scena.

«Ho dato il mio consiglio a Downing Street», si è limitata a dire stamane in pubblico Penny Mordaunt, titolare della Difesa.

Leadsom per ora è stata rimpiazzata da un facente funzioni, Mark Spencer. Mentre emergono racconti sulle divisioni e sul clima da psicodramma delle riunioni di ieri durante le quali anche l'entourage ha cercato di convincere May a mollare: decretando l'impossibilità di far passare la Brexit ai Comuni con lei in sella e il rischio di "distruzione" del partito.

Alla fine, l'immagine di giornata è diventata quella di una premier sorpresa dai fotografi spossata e apparentemente in lacrime.

«Riceverà lei Trump, è giusto così» - Theresa May «sarà ancora primo ministro per ricevere» il presidente degli Usa Donald Trump - atteso in visita di Stato nel Regno Unito dal 3 al 5 giugno - «ed è giusto che sia così».

Lo ha detto oggi il rampante ministro degli Esteri, Jeremy Hunt, a margine di una conferenza sulla cyber-sicurezza a Londra. Le sue parole fanno pensare che in effetti domani la premier, ormai isolata nel governo e nel partito sulla Brexit, possa limitarsi a concordare la data d'un suo passo indietro a giugno e forse a renderla pubblica.

In precedenza Hunt - che già ieri aveva cercato invano di vedere faccia a faccia la May - era stato ricevuto dalla premier a Downing Street. Ma all'uscita si era rifiutato di rivelare i contenuti della conversazione.

«Tutte le discussioni fra il ministro degli Esteri e il primo ministro devono rimanere confidenziali e non sarò io a cambiare questo stamattina», aveva tagliato corto di fronte ai reporter.

Hunt, tiepido pro Remain al referendum sulla Brexit del 2016, quand'era ancora ministro della Sanità, è da tempo passato dalla parte dei brexiteer.

Il suo nome è ora fra i più gettonati, assieme a quello della neo dimissionaria Andrea Leadsom, per la successione alla May come leader Tory e come premier laddove la prossima sfida interna al partito dovesse chiudersi nelle prime votazioni in seno al solo gruppo parlamentare.

Mentre se si arrivasse a un ballottaggio di fronte alla base degli iscritti, che il regolamento del Partito Conservatore prevede solo come estrema istanza, il favorito diverrebbe il più popolare Boris Johnson, suo predecessore alla guida del Foreign Office.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
CINA
6 ore
Hubei: 60 milioni di persone non potranno uscire di casa
Pechino è accusata di aver tardato nel denunciare la gravità della situazione
STATI UNITI
7 ore
Buttigieg: «Io gay, non prendo lezioni sulla famiglia»
Più di tre americani su quattro affermano di non avere problemi a votare un candidato presidente omosessuale
STATI UNITI
11 ore
Caso Epstein: il principe Andrea molestò le ragazze sull'isola
Lo riferisce la procuratrice generale delle Virgin Island statunitensi Denise George
INDIA
12 ore
Mostrare le mutandine alla prof per far vedere di non avere il ciclo
È la misura estrema messa in atto da un istituto femminile indiano che ritiene "impure" le mestrazioni, le ragazze: «Siamo sotto shock»
GERMANIA
12 ore
Berlino: gli ambientalisti bloccano la “Gigafactory” di Tesla
Stop al taglio degli alberi sul terreno sul quale sorgerà lo stabilimento. La politica: «Non paralizzate la piazza industriale tedesca»
FOTO
REGNO UNITO
15 ore
Dennis, tempesta «potenzialmente mortale» nel Galles del Sud
La perturbazione si sta abbattendo in queste ore anche sull'Inghilterra. Forte il rischio di allagamenti
REGNO UNITO / CINA
17 ore
La Cina punta a costruire l'alta velocità inglese
Promessi a Londra costi e tempi ridottissimi. I critici: «Abbiamo ripreso il controllo da Bruxelles per darlo a Pechino?»
STATI UNITI
17 ore
Scivola dalla seggiovia e rimane “impiccato” alla giacca
Il tragico incidente è avvenuto in un resort sciistico del Colorado. La vittima aveva 46 anni
GIAPPONE
21 ore
Coronavirus, altre 70 persone positive sulla Diamond Princess
Sulla nave da crociera ferma in quarantena in Giappone 355 passeggeri su 1'219 sono risultati infetti
REGNO UNITO
1 gior
Trovata morta in casa la conduttrice Caroline Flack
L'avvocato di famiglia ha detto alla Bbc che la 40enne si è tolta la vita
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile