Keystone
REGNO UNITO
05.04.19 - 10:370
Aggiornamento : 15:30

Brexit: May propone un rinvio al 30 giugno

Lo riferisce Downing Street. Jacob Rees-Mogg: «Con rinvio lungo bloccheremmo Ue»

LONDRA - La premier britannica Theresa May propone un rinvio della Brexit fino al 30 giugno. Lo riferisce Downing Street.

«Nel caso in cui le parti siano in grado di ratificare più velocemente, l'estensione sarà conclusa prima», scrive May in una lettera al presidente del Consiglio europeo Donald Tusk, in vista del summit straordinario dei leader Ue del 10 aprile.

«O accordo con Labour o opzioni Camera» - Theresa May punta a un compromesso per sbloccare lo stallo sulla Brexit. Lo conferma nella lettera all'Ue nella quale indica l'obiettivo o di "un approccio unico" concordato con il Labour nell'ambito dei colloqui avviati con Jeremy Corbyn e il suo team, o altrimenti di un voto multiplo alla Camera dei Comuni su una serie di opzioni con l'impegno del governo a far sua quella preferita.

«Non si può consentire che l'impasse continui - scrive la premier Tory -essa crea incertezza e danneggia la fiducia nella politica».

«Ci prepariamo comunque» - «Il governo britannico vuole concordare una tabella di marcia per la ratifica che permetta al Regno Unito di ritirarsi dall'Ue prima del 23 maggio e così cancellare le elezioni parlamentari europee, ma continuerà a fare preparazioni responsabili per organizzarle, se questo piano non si dimostrasse possibile».

È quanto si legge nella lettera che la premier britannica Theresa May ha scritto al presidente del Consiglio europeo Donald Tusk, in vista del vertice del 10 aprile.

«Con rinvio lungo bloccheremmo Ue» - «Bruxelles farebbe bene a non concedere al Regno Unito una proroga della Brexit prolungata»: lo suggerisce, in toni politicamente minacciosi, Jacob Rees-Mogg, capofila dei falchi Tory brexiteers contrari a qualunque ulteriore rinvio.

Rees-Mogg lascia intendere che il governo britannico - destinato a restare comunque in mano ai conservatori salvo elezioni - potrebbe fare ostruzionismo praticamente su tutto durante la fase dell'estensione. E di fatto paralizzare l'Ue.

«Se un'estensione ci intrappolasse nell'Ue - twitta Rees-Mogg - potremmo mettere il veto a qualsiasi incremento del bilancio, ostacolare il cosiddetto esercito europeo e bloccare i piani integrazionisti del signor Macron».

“No deal” preferito al “remain” - Nel frattempo arriva una doccia fredda da un sondaggio dell'istituto Yougov sulle speranze di una rivincita sulla Brexit nel Regno Unito, alimentate dalla possibilità che l'opzione di un secondo referendum possa essere rimessa ai voti alla Camera dei Comuni nei prossimi giorni.

Stando alla rilevazione, appena realizzata e ripresa da diversi giornali, l'auspicio di restare nell'Ue raccoglie ora il sostegno convinto di non più del 42% dei britannici, mentre l'ipotesi hard di una Brexit no deal - ossia di un taglio netto da Bruxelles anche a costo di uscire senz'accordo - conquista un 44%.

Risposta dai 27 leader al summit - «Saranno i leader dell'Ue, al vertice di mercoledì, a rispondere alla richiesta» della premier britannica Theresa May di posticipare la Brexit al 30 giugno.

Lo afferma il portavoce della Commissione europea Margaritis Schinas, che aggiunge: «Abbiamo visto» queste indiscrezioni sulla possibilità di una 'flextension' di un anno, «non è attribuita» al presidente del Consiglio europeo Donald Tusk «ma ad un alto funzionario, e di funzionari a Bruxelles ce ne sono molti, e tanti parlano. La risposta verrà dal summit».

Francia, prematura la richiesta - In assenza di un "progetto chiaro", la Francia giudica "prematura" la richiesta di rinvio della Brexit formulata oggi dalla premier Theresa May. Lo ha fatto sapere l'Eliseo ad alcune agenzie di stampa, secondo quanto riferito dalla radio France Info.

Verhofstadt mette in guardia - «Per quelli in Ue che potrebbero essere tentati da un'ulteriore estensione della saga della Brexit, posso solo dire state attenti a ciò che sperate». Così su Twitter il coordinatore del Parlamento europeo per la Brexit Guy Verhofstadt facendo riferimento alle minacce di Jacob Rees-Mogg, capofila dei falchi Tory brexiteers, secondo il quale Bruxelles farebbe bene a non concedere al Regno Unito una proroga della Brexit prolungata, perché il governo britannico potrebbe fare ostruzionismo praticamente su tutto.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Lucadue 1 anno fa su tio
Da quel che si vede, entrare a far parte dell'Europa risulta facile; uscirne non lo è per niente. L'EU si dimostra sempre di più una dittatura democratica.
Galium 1 anno fa su tio
@Lucadue Questo è un problema esclusivamente britannico. L'Unione Europea ha dimostrato fin troppa flessibilità.
lo spiaggiato 1 anno fa su tio
Accidenti, lo sapevo... questi qua non escono... adesso alla EU gli tocca sopportare gli inglesi spaccamaroni ancora per molto... :-/
Galium 1 anno fa su tio
È tristissimo vedere il vicolo cieco politico in cui sono finiti a causa della demagogia populista. A questo punto per evitare il disastro di una hard-brexit sono costretti a chiedere rinvii sperando di trovare un un'accordo tra i vari partiti, peraltro divisi al loro interno. È probabile che tutto ciò porti a nuove elezioni oppure, e sarebbe la soluzione migliore, a una nuova votazione sulla brexit.
MIM 1 anno fa su tio
L'unico scopo è rimandare a dopo le elezioni europee, dove sono attese delle svolte.
LAMIA 1 anno fa su tio
Buffonate
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
STATI UNITI
13 min
Minneapolis: per il legale famiglia è omicidio premeditato
Secondo l'avvocato l'agente aveva l'intenzione di uccidere
STATI UNITI
2 ore
Crew Dragon si è agganciata alla Stazione Spaziale
L'aggancio è avvenuto alle 16.16, con un anticipo di tre minuti, e tutto è andato come previsto
STATI UNITI
3 ore
Minneapolis: trovato un corpo vicino a un'auto bruciata
Proseguono le azioni di protesta e denuncia in seguito alla morte dell'afroamericano George Floyd
MONDO
7 ore
Coronavirus: superati i 6 milioni di casi nel mondo
Gli Stati Uniti continuano a essere il Paese più colpito per numero assoluto di contagi.
STATI UNITI
10 ore
Le proteste reclamano un'altra vittima
Una persona è rimasta uccisa nei disordini a Indianapolis. Coprifuoco in 16 Stati.
FOTO
STATI UNITI
22 ore
Lanciata Crew Dragon, Gli Usa riportano gli uomini in orbita
La capsula sta portando verso la Stazione Spaziale i veterani della Nasa Doug Hurley e Bob Behnken
FOTOGALLERY
STATI UNITI
22 ore
Afroamericano morto, la protesta infiamma l'America
Oltre agli incendi e gli arresti ci sono anche due morti, un agente e un giovane di 19 anni
ITALIA
1 gior
In Lombardia calano i contagi ma aumentano i morti
I casi in più sono 221. I decessi invece 67
STATI UNITI
1 gior
SpaceX: lancio previsto stasera, nonostante il rischio di maltempo
Se ci fosse un nuovo rinvio, si potrà tentare nuovamente alle 21 di domani
STATI UNITI
1 gior
Minneapolis: la moglie dell'agente incriminato vuole il divorzio
È stato arrestato e ha perso il lavoro. Ora il poliziotto, accusato di omicidio, è stato anche lasciato dalla moglie
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile