Keystone
FRANCIA
21.01.19 - 21:350

Di Maio esagera e Parigi convoca l'ambasciatrice italiana

Le critiche espresse dal vicepremier sulla Francia "colonialista" e la necessità di sanzioni UE non sono affatto piaciute dalle parti dell'Eliseo

PARIGI - È stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso dopo mesi di tensione. All'indomani delle accuse mosse dal vicepremier italiano Luigi Di Maio contro la Francia "colonialista" e la necessità di sanzioni Ue, Parigi ha compiuto un passo senza precedenti convocando al ministero degli Esteri l'ambasciatrice italiana Teresa Castaldo, chiamata al Quai d'Orsay dal capo di gabinetto della ministra agli Affari europei Nathalie Loiseau.

Interpellate dall'agenzia di stampa italiana Ansa, fonti della diplomazia transalpina hanno bollato le parole del vicepremier e capo politico dei 5 Stelle come «ostili e senza motivo», anzi «inaccettabili», viste anche le relazioni secolari e il «partenariato che lega i due Paesi in seno all'Unione europea». Ma Di Maio conferma tutto: «Noi abbiamo acceso un faro sulla verità e finché non lasceremo in pace quella gente in Africa continueranno a partire», ha martellato in serata, sottolineando che «l'Europa deve avere il coraggio di affrontare il tema della decolonizzazione dell'Africa, che è la causa del mancato sviluppo degli Stati africani che noi dobbiamo lasciare in pace a casa loro e noi stare a casa nostra: per noi intendo Stati come la Francia che impediscono lo sviluppo e contribuiscono alla partenza di uomini che muoiono nel Mediterraneo. Nessun caso diplomatico, è tutto vero».

Da Bruxelles, il commissario Ue Pierre Moscovici ha denunciato dichiarazioni «fatte per uso nazionale» che «somigliano a provocazioni, perché il contenuto è vuoto o irresponsabile». E anche per la diplomazia francese non ci sono dubbi. Esattamente come la mano tesa del ministro per lo Sviluppo economico ai gilet gialli, anche l'uscita pronunciata ieri durante un comizio elettorale ad Avezzano (in Abruzzo) va letta «in un contesto di politica interna italiana».

«Se oggi la gente parte dall'Africa - aveva attaccato Di Maio - è perché alcuni Paesi europei, con in testa la Francia, non hanno mai smesso di colonizzare decine di Stati africani». Fa peggio il presidente francese che, per il leader 5 Stelle, «prima ci fa la morale, poi continua a finanziare il debito pubblico con i soldi con cui sfrutta l'Africa». Da qui il suggerimento a Bruxelles di imporre sanzioni a Parigi e portare la questione fino all'Onu.

Venerdì Le Figaro aveva consacrato l'apertura al peggioramento delle relazioni tra Parigi e Roma, ai livelli più bassi dal dopoguerra. Nelle prime tre pagine del giornale venivano elencate le ormai innumerevoli querelle tra le due nazioni cugine d'Europa: dai migranti all'Aquarius fino agli incidenti legati ai respingimenti al confine, l'appoggio di Di Maio alle casacche gialle o la sua recente battaglia contro la sede del Parlamento europeo a Strasburgo, il caso Stx-Fincantieri e la Tav "in sospeso". Ma anche il prestito (ormai sempre più traballante) delle opere di Leonardo Da Vinci al Louvre.

Commenti
 
Galium 8 mesi fa su tio
Concordo pienamente. Si tratta non solo di demagogia preelettorale ma soprattutto del tentativo di distogliere l'opinione pubblica da problemi interni non risolti. Chi in questo caso critica la Francia non ha argomentazioni valide e parla solo per partito preso
GIGETTO 8 mesi fa su tio
Solito titolo fazioso...Di Maio ha unicamente detto il vero a proposito della Francia.
Braun30 8 mesi fa su tio
Di Maio sta propagando una notizia senza fondamento sapendo che in Italia la gente seguirà il tema per abbastanza tempo per dimenticare altre sue sciocchezze. In ogni caso dalla parte di Africa dove è in uso la divisa conosciuta come Franco Centrafricano arrivano statisticamente molti meno migranti che da altre parti del continente.
Galium 8 mesi fa su tio
@Braun30 Sono completamente d'accordo
sedelin 8 mesi fa su tio
la politica politicamente corretta si fa con il dialogo, le accuse innescano screzi diplomatici, poi schermaglie (come ora) e pian piano di peggio, non oso immaginare cosa: aiutoo!
Shion 8 mesi fa su tio
Bravo a chi dice parole vere!
occhiaperti 8 mesi fa su tio
E come ha raggione Di Maio!! Il già CF Adolf Ogi diceva anni fa, non serve fare entrare questi rifiugiati bisogna dare aiuto e sviluppare sul posto.
TOP NEWS Dal Mondo
VATICANO
3 ore

Il capo-sicurezza del Papa si è dimesso, ecco perché

Sullo sfondo una fuga di notizie, e uno scandalo su alcune operazioni finanziarie sospette

FRANCIA
6 ore

La ex di Lelandais vuole fare causa alla polizia

La donna dice di aver segnalato la pericolosità dell'uomo mesi prima dell'omicidio della piccola Maëlys

COREA DEL SUD
8 ore

Cantante pop trovata morta nella sua casa

Sulli, al secolo Choi Jin-ri, aveva 25 anni

TUNISIA
10 ore

Turista francese ucciso al grido di Allahu Akhbar

L'aggressore, in fuga, sarebbe noto alle forze dell'ordine

STATI UNITI
10 ore

Dai telefoni ai droni, la spesa tech sale a 1'690 miliardi nel 2019

Lo prevedono gli analisti di International Data Corporation

SPAGNA
11 ore

Nuovo mandato di arresto internazionale contro Puigdemont

Un giudice spagnolo accusa di sedizione e appropriazione indebita l'ex premier catalano

FOTO E VIDEO
STATI UNITI
13 ore

Crollo a New Orleans, ancora due dispersi

L'edificio dell’Hard Rock Hotel è ancora instabile. Si teme un nuovo collasso

SPAGNA
15 ore

Catalogna: da 9 a 13 anni di carcere per i leader indipendentisti

Puigdemont: «Bisogna reagire come mai prima d'ora». La polizia si prepara. Manifestazioni previste anche in Svizzera. Sanchez: «Ora una nuova pagina»

STATI UNITI
19 ore

Bimbo portato 320 volte in ospedale, ma era sano: condannata la madre

Kaylene Bowen-Wright è stata condannata a 6 anni per aver costretto il figlio a subire innumerevoli trattamenti e aver rovinato la sua salute

STATI UNITI
1 gior

Chiama Uber per trasportare droga: arrestato

Un 22enne ha trovato un conducente che, con il suo stile di guida, ha attirato su di sé l'attenzione della polizia

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile