IMAGO / ZUMA Press
CINA
11.03.21 - 23:030

Alibaba nel mirino dell'antitrust cinese

E ci si aspetta una multa da record, da almeno nove zeri, tutto questo per tagliare i ponti con Jack Ma

PECHINO - Era nato come versione cinese di Amazon ma, con gli anni, è diventato qualcosa di più: un modo per quel mare di merce prodotta in Cina di arrivare nelle mani degli acquirenti occidentali, tagliando fuori tutti gli intermediari.

Questo ha permesso al gruppo di diventare un simbolo d'innovazione per il modo di fare business cinese, una filosofia scoppiettante perfettamente riassunta nell'ormai ex-capo e inventore Jack Ma la cui ricchezza oggi si aggira attorno ai 50 miliardi dollari.

Da un anno circa a questa parte però, scrive il Wall Street Journal, Pechino ha iniziato a marcare decisamente stretto Alibaba, intervenendo a gamba tesa sul suo sistema di pagamento AliPay, gestito dall'affiliata Ant Group.

Proprio di AliPay, il governo, aveva congelato la valutazione in borsa (con una IPO stimata a 34 miliardi di dollari) a novembre 2020, senza addurre ragioni altre se non generici «rischi commerciali». Di questa, poi, non si era più fatto niente con una rottura aperta fra Ma e il Partito, dopo una lunga e concitata contrattazione.

Per Alibaba si parlerebbe, invece, di «abuso di posizione dominante» con una multa senza precedenti in Cina da parte dell'Antitrust che verosimilmente potrebbe superare il miliardo di dollari. Un colpo duro, ma gestibile da un gigante del genere.

Stando ad alcuni insider, la volontà di Pechino sarebbe quella di non azzoppare permanentemente la piattaforma, popolare in patria e all'estero, quanto piuttosto mostrare i muscoli, affinché la stessa si defili da Ma (formalmente e filosoficamente) avvicinandosi di più alla Partito comunista.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
NUOVA ZELANDA
5 ore
Vai al fast food e ricevi il vaccino
È quanto sta pensando di attuare il governo della Nuova Zelanda, in trattative con KFC
NORVEGIA
8 ore
L'abbraccio liberatorio: «Torniamo alla vita normale»
Niente più distanziamento sociale, basta limiti agli eventi. Una decisione possibile «grazie alla campagna vaccinale»
GERMANIA
10 ore
«Nessuno sta facendo abbastanza per la crisi climatica»
La giovane attivista si è rivolta ai manifestanti dal palco, esortandoli ad andare a votare
AFGHANISTAN
13 ore
Parla uno dei leader talebani: «Tornano esecuzioni ed amputazioni»
Il Ministro responsabile delle carceri ha giustificato le due misure: «Necessarie per la sicurezza»
STATI UNITI
15 ore
Caso Floyd, l'ex agente Chauvin contesta la condanna
L'ex ufficiale, lo ricordiamo, è stato condannato a 22 anni e sei mesi di prigione
STATI UNITI
18 ore
Entra al supermercato e apre il fuoco: un morto e 12 feriti
Per gestire la situazione sono intervenuti gli agenti speciali SWAT, il killer sarebbe morto
MONDO
20 ore
Oggi ripartono gli scioperi per il clima
Fridays for Future torna in piazza con lo slogan #Sradica il sistema
FOTO
SPAGNA
1 gior
La promessa di Felipe agli abitanti di La Palma
Prosegue l'eruzione del vulcano Cumbre Vieja
ITALIA
1 gior
Trattativa Stato-Mafia, ribaltata la sentenza di primo grado
Assolti gli alti ufficiali dei Carabinieri e anche Marcello Dell'Utri
REGNO UNITO
1 gior
L'immunità renderà il Covid simile a una comune sindrome influenzale?
«Il peggio dovrebbe essere passato», assicurano due esperti
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile