Archivio Keystone
MONDO
13.05.20 - 20:000

Quattro anni di guadagni spazzati via dal virus

È la previsione economica dell'Onu, che parla inoltre di una contrazione globale del 3,2% per il solo 2020

NEW YORK - Il coronavirus taglierà la produzione economica globale di 8'500 miliardi di dollari nei prossimi due anni, spazzando via quasi tutti i guadagni dei quattro anni precedenti. Sono le previsioni contenute nel rapporto World Economic Situation and Prospects dell'Onu a metà 2020. Il dossier stima inoltre una brusca contrazione dell'economia globale del 3,2% quest'anno, la maggiore dopo la Grande Depressione.

Il Pil nelle economie sviluppate dovrebbe contrarsi del 5,0% nel 2020, mentre per il 2021 è prevista una crescita modesta del 3,4%, appena sufficiente per compensare la produzione persa. Il commercio mondiale invece dovrebbe contrarsi di quasi il 15% nel 2020, con un netto calo della domanda e interruzioni nelle catene di approvvigionamento.

Secondo il World Economic Situation and Prospects dell'Onu, la pandemia sta anche esacerbando povertà e disuguaglianza: le stime affermano che probabilmente ci saranno 34,3 milioni di persone sotto la soglia di povertà estrema nel 2020 (con il 56% di tale aumento nei paesi africani), e altri 130 milioni potrebbero entrare in questa fascia entro il 2030.

Elliott Harris, capo economista delle Nazioni Unite e vice segretario generale per lo Sviluppo economico, ha spiegato che "il ritmo e la forza della ripresa dalla crisi non dipende solo dall'efficacia delle misure di sanità pubblica nel rallentare la diffusione del virus, ma anche dalla capacità dei paesi di proteggere redditi e posti di lavoro, in particolare quelli dei più vulnerabili".

Il rapporto mette poi in guardia contro il rischio di grandi misure di stimolo fiscale e monetario - con miliardi di dollari di liquidità iniettati nel sistema finanziario - che contribuiscono al rapido recupero dei prezzi delle azioni e delle obbligazioni, ignorando gli investimenti produttivi. Hamid Rashid, capo del Global Economic Monitoring Branch e autore principale del rapporto, ha spiegato: "La lezione che abbiamo imparato dall'ultima crisi è che le misure di stimolo fiscale e monetario non aumentano necessariamente gli investimenti produttivi. I governi devono incoraggiare le imprese che ricevono la loro assistenza finanziaria a investire in capacità produttive". Questo - a suo parere - "è un must per proteggere posti di lavoro dignitosi e prevenire un ulteriore aumento delle disparità di reddito".

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
REGNO UNITO
5 ore
Lasciare «che il virus faccia il suo corso»? Johnson non ci sta
Il premier britannico ha difeso le restrizioni imposte nelle ultime settimane
STATI UNITI
6 ore
Biden medita di dire basta ai duelli con Trump in TV
«È una questione di dignità e di rispetto» ha detto Biden con amarezza
MONDO
6 ore
«Basta liste rosse o nere, bisogna aiutare il turismo»
Per il Direttore dell'ATAG, Micheal Gill, è importante riportare certezza nel settore del turismo
GRAN BRETAGNA
7 ore
Lo studio: siamo a rischio Covid negli uffici
Tutta colpa della "ventilazione miscelata" usata per riscaldare gli uffici
ITALIA
8 ore
Sparò al fidanzato della figlia; condannato a 14 anni Ciontoli
È finalmente arrivata la sentenza sull'omicidio di Marco Vannini, avvenuto nel 2015 a Ladispoli
UNGHERIA
11 ore
Twitter ha sospeso il profilo del governo ungherese
Silenziato il canale social del governo di Viktor Orban, le proteste ufficiali dello Stato
FRANCIA
11 ore
Studente accoltellato in classe
Un ragazzo, sospettato di essere l'autore dell'aggressione, è stato fermato
STATI UNITI
13 ore
Primo dibattito per le presidenziali: «Ha vinto Biden»
Lo rileva un sondaggio della Cnn. Anche il primo scontro con Trump di Hillary Clinton, però, era andato così.
FRANCIA
15 ore
Parigi, Lilla e Lione verso l'allerta "massima"
La stampa francese si chiede se non sia alle porte un nuovo lockdown
STATI UNITI
18 ore
Disney taglia 28mila dipendenti
In due terzi dei casi si tratta di posti di lavoro part-time
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile