Keystone
MONDO
08.04.20 - 20:020

Crollo degli scambi a causa della pandemia: «La peggiore delle ipotesi è -32%»

Secondo all'Organizzazione mondiale del commercio siamo di fronte a una «crisi senza precedenti»

NEW YORK - La crisi innescata dal coronavirus è «senza precedenti», così come l'atteso crollo degli scambi commerciali mondiali: nel migliore degli scenari quest'anno caleranno del 13%, nel peggiore del 32%.

La fotografia scattata dall'Organizzazione mondiale del commercio (WTO) non lascia adito a molti dubbi: la recessione causata dal coronavirus può essere la «peggiore della nostra esistenza».

Una contrazione del 32% degli scambi mondiali è infatti in linea con quella sperimentata durante la Grande Depressione del 1929-1930 con l'introduzione di misure protezionistiche da parte dei singoli stati.

Da qui l'invito a non lasciarsi tentare dall'introduzione di barriere commerciali per 'curare' il coronavirus: non è la risposta giusta, e non è la risposta giusta neanche girare le spalle alla globalizzazione, afferma il direttore generale della WTO Roberto Azevedo.

Ammettendo che i numeri presentati sugli scambi commerciali sono «brutti e non c'è modo di nasconderlo», Azevedo però precisa: «una ripresa rapida e vigorosa è possibile. Le decisioni assunte ora determineranno la forma futura della ripresa e le prospettive globali».

Senza nominare alcun paese per nome, il direttore generale della WTO dice inoltre chiaramente che mettere fine alle tensioni commerciali fra Stati Uniti e Cina aiuterebbe a contenere le ricadute dell'epidemia.

«Dobbiamo gettare le fondamenta per una ripresa robusta, sostenibile e socialmente inclusiva. Il commercio è un ingrediente importante di questa ricetta, insieme alla politica monetaria e di bilancio», dice Azevedo senza comunque nascondere che gli scambi commerciali mondiali erano già in rallentamento del 2019, quando sono calati dello 0,1% sotto il peso delle persistenti tensioni commerciali fra Stati Uniti e Cina.

«Mantenere i mercati aperti e prevedibili è essenziale per rilanciare gli investimenti di cui abbiamo bisogno - osserva Azevedo - e e se i paesi lavoreranno insieme assisteremo a una ripresa ben più veloce».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
ITALIA
50 min
Riapertura della Lombardia: la parola chiave è «cautela»
I dati riguardanti il contagio fanno ben sperare in prospettiva degli allentamenti del prossimo 3 giugno.
STATI UNITI
2 ore
Ecco com'è volare sulla Crew Dragon, parola degli... astronauti!
La navetta di Space X “recensita” dall'equipaggio d'esperienza, una cosa che è piaciuta un sacco? Le tute
STATI UNITI
2 ore
Trump ai governatori: «Dovete dominare i manifestanti»
Lo avrebbe detto durante una videoconferenza con anche i capi delle polizie: «Sbatteteli tutti in galera per 10 anni»
MONDO
3 ore
L'OMS: «Per il coronavirus abbiamo perso più di 370mila persone»
Parola del direttore generale Ghebreyesus, e intanto in Congo si riaffaccia l'ombra dell'ebola
STATI UNITI
4 ore
Non ha agito contro Trump: Facebook in rivolta contro Zuckerberg
Cresce il malumore in azienda per la scelta del ceo di non censurare post del presidente che inciterebbero alla violenza
CINA / STATI UNITI
5 ore
Pechino ferma l'importazione di prodotti agricoli americani
Sullo sfondo ci sono le tensioni per le «ingerenze» degli Stati Uniti su Hong Kong.
STATI UNITI
7 ore
Facebook, 10 milioni per la giustizia razziale
La compagnia si unisce alle altre del settore hi-tech schierate a sostegno della comunità afroamericana
STATI UNITI
7 ore
George Floyd, almeno tre morti durante le proteste
Sono 110 gli agenti del Secret Service rimasti feriti nel corso del fine settimana
STATI UNITI
9 ore
Il figlio di George Floyd chiede che le proteste siano pacifiche
Quincy Mason Floyd dice di essere «toccato dall'affetto» ma invoca lo stop immediato delle violenze
GIAPPONE
10 ore
I profitti aziendali crollano del 32%
Tra i comparti più penalizzati il settore dei trasporti e l'industria dell'auto
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile