Keystone
La prima fabbrica di batterie di Tesla a Sparks, in Nevada
STATI UNITI / GERMANIA
13.11.19 - 11:550

Auto elettriche: la prima "gigafactory" europea di batterie sarà a Berlino

Lo ha annunciato il ceo di Tesla, Elon Musk. Lo stabilimento potrebbe entrare in funzione già dal 2021

PALO ALTO / BERLINO - Il patron di Tesla, Elon Musk, sceglie a sorpresa Berlino per la sua nuova "Gigafactory" (o "fabbrica gigante") che potrebbe entrare in funzione già dal 2021: lo ha annunciato lo stesso Musk ieri ricevendo il premio "Volante d'oro 2019" a Berlino conferito da Bild am Sonntag e Auto Bild, come scrive oggi il giornale.

Il nuovo sito, che produrrà auto e batterie per auto elettriche, potrebbe essere costruito nei dintorni del nuovo aeroporto di Berlino-Brandeburgo, non ancora inaugurato. La fabbrica costruirà inizialmente il futuro SUV compatto modello Y. Ma non è ancora chiaro quando inizieranno i lavori di costruzione dell'impianto.

Musk ha detto di aver scelto la Germania perché «in Germania si costruiscono auto fantastiche». Molti Länder della Repubblica federale avevano avanzato la loro disponibilità ad ospitare Tesla. La decisione di Berlino è stata accolta con sorpresa anche in Germania.

Il Tagesspiegel avanza l'ipotesi che il nuovo stabilimento possa sorgere a Grünheide, a est di Berlino:

 

Commenti
 
Lore62 1 mese fa su tio
Un canale TV in lingua inglese??...oltre a guardare a singoli studi, facciamo riferimento ad alcuni meta-studi, in cui si passano al vaglio decine di altri studi, cercando di DISTILLARE le conclusioni più AFFIDABILI da una mole massiccia di stime e dati. Secondo uno di questi meta-studi, l’impatto di un’auto elettrica in termini di CO2 emessa durante il suo ciclo di vita – con percorrenza di 200.000 km, un mix energetico uguale a quello medio europeo nel 2015 e una batteria da 30 kWh – è meno della metà rispetto ad un auto diesel di pari taglia! Poiché l’intensità fossile e rinnovabile della generazione elettrica giocano un ruolo fondamentale nell’impatto ambientale della mobilità elettrica rispetto a quella tradizionale, anche al livello odierno di 850 gCO2/kWh di emissioni della Cina nella fabbricazione delle batterie al litio, sommandovi le minori emissioni europee generate in fase di uso e dismissione del veicolo nel resto del ciclo di vita, l’impatto climatico di un veicolo elettrico con batterie prodotte in Cina risulta comunque INFERIORE a quello di un veicolo diesel!
Lore62 1 mese fa su tio
@Lore62 Parte2. Tale quadro è confermato anche da un altro meta-studio, secondo cui i gas serra misurati nel ciclo di vita delle auto elettriche sono in media inferiori del 50% rispetto a quelli delle auto a combustione interna, anche ipotizzando emissioni nocive relativamente alte nella fase di PRODUZIONE delle batterie e su una percorrenza di 150.000 km. Dunque, il beneficio delle auto elettriche rispetto a quelle endotermiche è variato dal 28 al 72%, a seconda della produzione locale di elettricità! Servono percorrenze da circa 45.000 a circa 75.000 km da parte delle auto elettriche per SCONTARE lo sbilanciamento iniziale che la fase produttiva ha sull’impatto ambientale della mobilità elettrica. Quindi dopo un terzo o la metà della loro percorrenza complessiva, per i rimanenti due terzi o metà, le auto elettriche producono vantaggi climatici NETTI! Riassumendo, già oggi e considerando il loro intero ciclo di vita, le auto elettriche emettono quantità di CO2 almeno il 25-30% inferiori rispetto ai veicoli con motori a combustione, sulla base di un mix energetico medio europeo e percorrenze di 150.000 km. E tale impatto climatico è destinato a diminuire ancora, via via che il rapporto fra fonti fossili e rinnovabili si sposta a favore delle rinnovabili....;-)
Lore62 1 mese fa su tio
@Lore62 Risposta per fromrussiawith...
fromrussiawith<3 1 mese fa su tio
@Lore62 ti ringrazio, ma lo studio su DW (media tedesco) è stato condotto recentemente in Germania da persone molto competenti, MIT già anni scorsi aveva sollevato gli stessi dubbi. Il tuo studio è stato probabilmente condotto da esperti con agende politiche di sinistra e lobbies, un po' come quello studio in Svizzera che riteneva che se tutto il parco automobilistico svizzero fosse diventato elettrico, l'aumento energetico sarebbe stato solo del 4%, quella è una barzelletta... forse è per questo che NIssan ha deciso di andare sull Ibrido, giusta decisione
OCP 1 mese fa su tio
...e Greta che cerca di convincere tutti... capito ora che la psicosi ecologica sarebbe un enorme affare?
vulpus 1 mese fa su tio
È ora di pensare veramente se questa tipologia di vetture è sicura ed a impatto zero. I dubbi diventano esponenziali.
Thor61 1 mese fa su tio
@vulpus La realtà è tutt'altra storia rispetto alle fiabe raccontate dalla teteschia, ma hanno buttato (Gli investimenti sono altra cosa) un sacco di miliardi (Tutti europei ovviamente) nel tentativo di rifare un mercato europeo dell'auto ormai saturo e se per farlo bisogna criminalizzare gli automobilisti chissenefrega! Il maggior costo delle auto elettriche e la scarsa autonomia verranno compensate con nuove e restrittive norme di legge che OBBLIGHERANNO gli automobilisti ad AFFITTARE le auto o a condividerle con sconosciuti eliminando di fatto la PROPRIETÀ dell'auto. Il bello è che per fare questa caxxata mega galattica hanno DISTRUTTO il mercato dell'auto che era già TUTTO in mano a loro, ma si può essere così idioti?? La risposta è SI!!! ;o))) Saluti
fromrussiawith<3 1 mese fa su tio
@vulpus Impatto zero? non c'è niente ad impatto zero in questo mondo, se si paragona l'emissione di CO2 sul ciclo di vita di un'auto elettrica come Tesla e una di media cilindrata diesel, l'auto diesel emette meno CO2 di un'auto elettrica, in particolare se le batterie sono made in China o India, come possono ancora i politici verdi ingannare la gente con questo mito di "impatto zero", "energia pulita"?
Lore62 1 mese fa su tio
@fromrussiawith<3 .... se si paragona l'emissione di CO2 sul ciclo di vita di un'auto elettrica come Tesla e una di media cilindrata diesel, l'auto diesel emette meno CO2 di un'auto elettrica... dove hai letto questa barzelletta? XD
fromrussiawith<3 1 mese fa su tio
@Lore62 https://www.dw.com/en/ifo-study-casts-doubt-on-electric-vehicles-climate-saving-credentials/a-484603 28 se vuoi chiamarla barzelletta guarda tu, ma la gente, come magari te stesso/a, che crede ai miti dell' "energia pulita", "zero emissions" come non credere agli unicorni ? Oggigiorno si guarda tutto in termini di CO2 sul ciclo di vita, Tesla diventa migliore solo in paesi con energia pulita, ma voi pensate che i ricchi vogliono guidare quei catorci di macchine elettriche che abbiamo oggigiorno? son sicuro che vorranno un SUV e macchine sportive che consumano come dieci macchine elettriche di oggigiorno... da questo cosa ne concludi?
Thor61 1 mese fa su tio
@Lore62 La barzelletta è REALTÀ, purtroppo la politica mette il becco in cose che non conosce, proprio come quando i "verdi" parlano di ambiente senza saperne NULLA, ma a cui fa comodo per attirare le persone pseudo ecologiste che nulla sanno di ambiente o clima. A dispetto delle norme volute dalla germania il motore più ecologico è ancora quello a combustione Diesel sotto molti aspetti, la stampa di settore SERIA lo sa e spesso lo divulga, peccato invece che la maggioranza della stampa si prostra (Altrimenti niente pubblicità) alla volontà delle multinazionali raccontando balle colossali pur di servire allo scopo. PS Le varie pubblicità riguardanti le auto (Ormai solo tedesche o francesi) se ci fai caso le varie case pur parlando moltissimo di ibrido o elettrico poi propongono solo motori le Diesel e la merdel quando un suo ministro gli chiese come procedere per la questione "Motori Diesel" disse che potevano andar bene per molti anni ancora e di continuarne la produzione, non crederai davvero che i politici siano in grado di ripulire l'ambiente o men che meno, poichè impossibile, modificare il clima.
Bayron 1 mese fa su tio
Prossima al fallimento
GI 1 mese fa su tio
E tra una qualche settimana aprirà alle ordinazioni delle vetture con tanto di pagamento di un anticipo.....fin che la düra...
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
FILIPPINE
34 min
Terremoto: una vittima confermata, è una bimba
La piccola è morta nella cittadina di Matanao a causa del crollo della sua abitazione
FOTO
FILIPPINE
5 ore
Terremoto nelle Filippine: i morti sono almeno 4
Dei quali un bimbo, diversi i crolli e molto panico fra la popolazione. Il bilancio è ancora in corso ed è destinato ad aggravarsi
ARGENTINA
5 ore
Buenos Aires, rapinato e ucciso davanti ad un hotel a cinque stelle
La vittima è un turista britannico. Anche il figlio è stato colpito ad una gamba e si trova ora in ospedale
NUOVA ZELANDA
6 ore
White Island, le vittime del vulcano salgono a 16
Le ricerche degli ultimi due dispersi proseguono. Oltre 20 persone si trovano ancora in cura intensiva all'ospedale
SPAGNA
6 ore
Cop25: si tratta a oltranza. Gli ambientalisti: «È un fallimento»
La delegazione svizzera: «Meglio nulla che un pessimo accordo»
STATI UNITI
17 ore
Studentessa uccisa a New York, arrestato un tredicenne
La ragazza è stata aggredita nel Morningside Park, a pochi passi dall'università Columbia
REGNO UNITO
19 ore
Brexit: tempi duri per turisti e studenti europei
Il premier britannico Boris Johnson è già al lavoro per portare il Regno fuori dall'Ue alla scadenza del 31 gennaio 2020
ITALIA
20 ore
Part time: in 10 anni un milione in più, ma spesso è involontario
Il 64,1% delle persone coinvolte vorrebbe lavorare a tempo pieno
ALBANIA
20 ore
Sisma: emessi 17 ordini di arresto
Sono stati emessi nei confronti di imprenditori edili, funzionari dell'amministrazione locale e tecnici
STATI UNITI
22 ore
Biden e l'esempio dei Labour: «I pericoli di virare troppo a sinistra»
Il candidato alle presidenziali del 2020 ha lanciato un avvertimento ai suoi rivali Bernie Sanders e Elizabeth Warren
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile