Archivio Keystone
Dei Suv Land Rover nel parcheggio di uno stabilimento nel Regno Unito.
REGNO UNITO
06.06.19 - 10:480

Ford chiude una fabbrica in Galles e lascia a casa 1'700 persone

Nello stabilimento si producevano motori per Jaguar e Land Rover, a pesare sulla decisione anche l'incertezza per la Brexit

LONDRA - Ford annuncia la chiusura di uno dei suoi impianti britannici, quello di Bridgend, in Galles, dove vengono prodotti motori per veicoli Jaguar e Land Rover la cui fornitura cesserà a fine anno. La decisione, secondo la Bbc, sarà formalizzata oggi dall'azienda ai sindacati, che intanto la denunciano come potenzialmente "disastrosa" per i 1700 lavoratori della fabbrica ora a rischio e per l'economia locale.

Il colosso americano aveva avviato una serie di piani di ristrutturazione e riduzioni nel Regno Unito fin dal 2015, con un ultimo taglio di 1000 posti di lavoro annunciato nei mesi scorsi.

Scelte su cui pesano, in questa fase, pure le incertezze della Brexit, che di recente hanno fatto da sfondo nel settore auto anche all'annuncio dell'addio alla Gran Bretagna di Honda e alla cancellazione d'un progetto di espansione di Nissan.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Zico 2 anni fa su tio
Steward Rowley, presidente di Ford Europa dice che la Brexit non c'entra nulla, e che la fabbica sarebbe stata chiusa in ogni caso . ma l'importante è metterci la Brexit, causa di tutti i mali i mali del mondo. ridicoli!
nordico 2 anni fa su tio
Non sempre le chiusure hanno semplicemente una causa politica o commerciale. Sempre di più le fabbriche nuove verranno costruite in modo da automatizzare al massimo i processi di produzione, e a volte l'adattamento delle vecchie fabbriche alle nuove tecnologie è praticamente impossibile. È quindi giocoforza costruirne delle nuove e - già che ci siamo - in località dove, per diversi motivi, conviene. I motivi possono essere una facilità di trasporto, la presenza di personale altamente qualificato per la manutenzione dei sistemi, basso livello di tassazione (si, anche quello), bassi costi energetici. Già oggi nelle fabbriche di prodotti di elettronica da una parte entrano i componenti e dall'altra escono i prodotti finiti, testati e imballati. Il tutto senza che una mano intelligente abbia toccato qualcosa. La stessa cosa potrà benissimo succedere con la produzione di motori. Dobbiamo renderci conto comunque che l'intelligenza artificiale e l'automazione renderanno obsoleti molti posti di lavoro. E in moltissimi casi I giovani di oggi inizieranno con una professione ma termineranno la loro vita con un'altra. Le nostre scuole dovrebbero venire adattate a queste nuove realtà, eventualmente con nuove classi scolastiche per trentenni, quarantenni e cinquantenni. Ma non sta succedendo, manca la visione. Peccato.
Thor61 2 anni fa su tio
@nordico Più che la mancanza di visione, ci vedo la mancanza di voglia di investire sulle persone, la formazione costa e, lo stato non vuole pagare, preferiscono prendere personale frontaliero già "Formato"! Possiamo dedurre che allo stato faccia più comodo mantenere persone a costi"Sociali" piuttosto che permettergli di avere una pensione lavorativa certamente più dignitosa di un sussidio sociale. Saluti ;o))))
Thor61 2 anni fa su tio
Brexit a parte, alla dirigenza ford probabilmente Trump gli sta sugli zebedei, oppure qualcosa non torna, ieri si parlava di accordi commerciali stellari e oggi questa notizia!
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
RUSSIA
1 ora
I russi al voto, tra «censure» e «scelte limitate»
Con l'esclusione dei maggiori oppositori, il partito di maggioranza - Russia Unita - punta a riconfermarsi
Stati Uniti
3 ore
In migliaia stipati sotto un ponte aspettano per attraversare il confine
Le condizioni igienico-sanitarie sono al limite, mancano acqua, cibo e una risposta concreta all'emergenza umanitaria
REP. DEMOCRATICA DEL CONGO
6 ore
Traumatizzati e dimenticati: sono gli orfani dell'Ebola
Molti faticano a ricostruirsi una vita a causa dello stigma sociale che circonda il morbo
CONFINE
13 ore
Nubifragio a Malpensa, aerei nel caos
Decine di persone intrappolate in auto. Lo scalo varesino è chiuso e i voli sono dirottati altrove
ITALIA
17 ore
Green Pass per i lavoratori, via libera all'unanimità
La misura entrerà in vigore a partire dal 15 ottobre
ITALIA
19 ore
Berlusconi respinge la visita psichiatrica: «Lesiva della mia onorabilità»
Il leader di Forza Italia respinge la richiesta dei giudici milanesi: «Si proceda in mia assenza»
AFGHANISTAN
23 ore
La fuga di Ghani? Ha rovinato l'accordo con i talebani
Lo sostiene il rappresentante speciale Usa Zalmay Khalilzad
FOTO
Francia
1 gior
Personale sanitario: sospesi in 3'000 perché senza vaccino
L'entrata in vigore della misura ha generato diverse manifestazioni anti-pass. Decine le richieste di dimissioni
Francia
1 gior
Temporali nel sud, nove morti
Nonostante le condizioni meteorologiche avverse, in molti avevano comunque deciso di andare al mare
MALI / FRANCIA
1 gior
È stato neutralizzato il capo jihadista Al-Sahrawi
Al-Sahrawi era a capo dello Stato islamico del Gran Sahara, sulla sua testa c'era una taglia da 5 milioni
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile