Keystone
STATI UNITI / CINA
20.05.19 - 16:400

Google esclude Huawei: che cosa vuol dire per chi ha uno dei suoi smartphone?

«Google Play e Play Protect continueranno a funzionare», assicura il produttore. Google: per i futuri apparecchi tutto è «in forse»

WASHINGTON / PECHINO - Dopo che Washington ha messo l’azienda cinese Huawei su una lista nera, il conglomerato di cui fa parte Google, Alphabet, ha fatto sapere che interromperà una parte dei rapporti d'affari con il produttore. Huawei, in particolare, non riceverà più aggiornamenti del sistema operativo Android e non avrà più accesso al Play Store.

Che cosa significa questo per i possessori di un Huawei? - Per coloro che già possiedono un Huawei, almeno inizialmente non dovrebbe cambiare nulla. Con un tweet sul profilo di Android, Google ha spiegato: «Vi assicuriamo che i servizi come Google Play e Play Protect sui vostri attuali dispositivi Huawei continueranno a funzionare mentre adempiamo a tutte le disposizioni americane».

Interpellato da Reuters, un portavoce di Google non ha potuto tuttavia confermare che questo tipo di supporto potrà essere garantito anche in futuro. «Mentre i Huawei esistenti non saranno toccati subito da questa decisione, i futuri aggiornamenti di questi smartphone e di tutti i nuovi smartphone rimangono in forse», ha dichiarato.

Che cosa significa per il software? - Android è in sostanza un software libero. Dopo l’acquisto di Android, infatti, Google ha fondato la cosiddetta Open Handset Alliance, un consorzio di cui fa parte anche Huawei. L’obiettivo di questo consorzio è la creazione di standard aperti per i dispositivi mobili. Ai membri del consorzio non è permesso fabbricare dei dispositivi che utilizzino una versione del software incompatibile con Android.

Tuttavia sembra che le cose cambieranno. Ora Huawei si trova infatti costretta a usare l’Android Open Source Project (AOSP). Ciò significa che Google può revocare l’accesso di Huawei a servizi di Google quali Gmail. E ciò implica altresì che Huawei può disporre degli aggiornamenti di sicurezza di Android solo quando diventano disponibili sull’AOSP.

Esistono delle alternative? - Huawei ha già sviluppato un proprio sistema operativo da usare nel caso in cui non sia più possibile impiegare Android, ha rivelato un responsabile del produttore cinese, Richard Yu, in un’intervista alla Welt. Si tratta però solo di un piano B, ha precisato. Huawei dà infatti priorità alla cooperazione con l’ecosistema Google, ha aggiunto.

Ed ora che cosa farà Huawei? - Non è ancora chiaro come reagirà il produttore cinese. «Nel mondo, Huawei ha dato un contributo importante allo sviluppo e alla crescita di Android», ha rimarcato l’azienda in un comunicato. «In qualità di partner chiave di Android abbiamo lavorato in stretto contatto con la sua piattaforma open source per sviluppare l'ecosistema del software, del quale gli utenti e l’industria fanno uso».

Huawei assicura tuttavia che continuerà a fornire aggiornamenti di sicurezza e servizi per gli smartphone e i tablet Huawei e Honor già venduti e per quelli a magazzino in tutto il mondo: «Continueremo a lavorare per sviluppare un ecosistema sicuro e adatto alle sfide future al fine di garantire la miglior esperienza di utilizzo», ha fatto sapere l’azienda.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
lügan81 1 anno fa su tio
Vorrei chiedere a chi ha scritto l articolo... Si sta parlando solo degli stati uniti o del mondo intero? Almeno se si copia per favore specificare e approfondire..
miba 1 anno fa su tio
È triste dover constatare che è sufficiente la sola demenza senile di una persona (Trump) per arrivare a cose del genere. Non un solo straccio di prova che Huawei abbia spiato e/o spii chissà chi e chissà cosa ma ormai gli USA ci hanno dimostrato in più di un'occasione che sono campioni nel diffondere fake news e/o bugie /e chi non ricorda le famose armi chimiche inesistenti dell'Iraq?) per trarre esclusivamente propri benefici
sedelin 1 anno fa su tio
@miba demenza senile? noo, cattiveria, perfidia, stupidità, bastardaggine, malvagità :-(
robi82 1 anno fa su tio
@miba Esclusivo: nuovi documenti collegano Huawei a società di facciata sospette in Iran, in Siria. https://www.reuters.com/article/us-huawei-iran-exclusive/exclusive-new-documents-link-huawei -to-suspected-front-companies-in-iran-syria-idUSKCN1P21MH
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
STATI UNITI
9 min
New York Times: il web supera la carta
Non era mai successo: i profitti dell'edizione digitale superano quelli della versione cartacea
LIBANO
2 ore
Da "Svizzera del Medio Oriente" a "Nuovo Afghanistan"
Dopo i fasti degli anni '70, il Libano è diventato un Stato al collasso.
FOTO
LIBANO
2 ore
L'avviso sei mesi fa: «Potrebbe esplodere tutto»
Le indagini sul disastro avvenuto nella capitale libanese indicano per ora la negligenza quale causa principale
GERMANIA
4 ore
Una stretta agli spot del "junk food"
I Verdi tedeschi chiedono una limitazione delle pubblicità: dovrebbero essere ammesse solo alla sera
GERMANIA
4 ore
In volo con le ossa del marito in valigia
La donna è stata fermata lunedì all'aeroporto di Monaco. Il trasporto però era in regola
MONDO
6 ore
Google Play Music chiuderà i battenti a ottobre
Gli utenti avranno tempo fino a dicembre per trasferire le proprie librerie musicali su YouTube Music o altrove
LIBANO
6 ore
«Da solo il Libano non ce la fa, distruzione e desolazione ovunque»
Bechara Boutros Raï invoca l'aiuto del mondo. Il Paese è già piegato: «Vi abbiamo regalato l'alfabeto».
LIBANO
8 ore
«Non c'era solo nitrato di ammonio»
La Ue attiva la protezione civile, Macron domani sarà in Libano
ITALIA
8 ore
Ryanair «viola le norme anti Covid-19»
Se la compagnia non porrà rimedio Enac imporrà «la sospensione di ogni attività di trasporto negli scali nazionali»
FOTO
LIBANO
10 ore
Beirut, un pericolo noto da oltre 6 anni
Il carico che ha alimentato la devastante esplosione si trovava nell'hangar dal settembre del 2013
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile