keystone
CINA
12.03.19 - 16:110
Aggiornamento : 16:30

Huawei: «Se c'è rottura con gli Usa per il 5G abbiamo un piano B»

Lo conferma il ceo di Richard Yu intervistato dal Die Welt: «Stiamo lavorando a un nostro sistema operativo, quelle di Trump tutte minacce politiche»

ROMA - Un "piano B" per essere indipendenti tecnologicamente dalla Silicon Valley. Lo sta preparando Huawei, in caso di emergenza dovuta ad una rottura politica e commerciale con l'America di Trump che accusa l'azienda cinese di spionaggio attraverso le sue reti 5G. Accuse sfociate in una recente causa al governo statunitense da parte dell'azienda di Shenzen. A esplicitarlo chiaramente è il Ceo di Huawei, Richard Yu, in un'intervista a Die Welt.

«Preferiamo lavorare con gli ecosistemi di Google e Microsoft, ma se mai dovesse accadere di non poterli più usare abbiamo preparato un nostro sistema operativo», spiega Yu, confermando le indiscrezioni dello scorso dicembre di un sistema operativo fatto in casa, nome in codice Kirin OS. Al momento la società per i suoi dispositivi utilizza Android di Google, così come tante altre aziende asiatiche, ad esempio la coreana Samsung.

«Negli Stati Uniti - afferma Yu - non possiamo vendere i nostri smartphone ma lavoriamo con molte aziende tra cui Google, Qualcomm e Microsoft. L'economia statunitense trae beneficio da noi. Nessuno può fare tutto da solo in questo settore. Tutti devono lavorare con altre aziende».

Nell'intervista a Die Welt l'amministratore delegato di Huawei torna poi sulle accuse di spionaggio partite da Donald Trump che ha chiesto esplicitamente agli alleati, anche in Europa, di non usare le infrastrutture di rete dell'azienda cinese: «Le accuse arrivano principalmente dal governo degli Stati Uniti e hanno ragioni politiche, non c'è una ragione tecnica», sottolinea Yu. Nei nostri sistemi, aggiunge, «non abbiamo porte di servizio che compromettono la sicurezza delle reti, l'azienda non permette lo spionaggio poiché ha standard di sicurezza molto elevati, sia nell'hardware che nel software».

Commenti
 
Fafner 5 mesi fa su tio
È chiaro come il sole che tutto questo baraccone tirato in piedi ha fini protezionistici piuttosto che di sicurezza. La cosa che irrita tuttavia è che ora il parrucchino giallo si permetta anche di ricattare i partner europei al proposito. Negli USA faccia quel che gli pare, se la cosa lo fa sentir meglio, ma non rompa le palle ad altri paesi sovrani.
miba 5 mesi fa su tio
Infatti....la sicurezza dei sistemi operativi adottati negli USA sono inviolabili ed a prova di bomba. Mai violati il Pentagono e la Casa bianca... Probabilmente ha ragione il CEO di Huawei, qui si tratta di politica (vedi situazione attuale tra Cina ed USA) e non di tecnica/informatica/spionaggio
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
STATI UNITI
3 ore

Prete ruba 98.000$ dalle offerte e li spende con i fidanzati

L'uomo di fede è così passato dalle case al mare e le cene... al carcere

BRASILE
5 ore

Incendi in Amazzonia: il governo cerca un'azienda di monitoraggio satellitare

Il bando, però, delinea una società i cui dati sono già stati impiegati per minimizzare l'emergenza. Bolsonaro: «Ong principali sospettate»

ITALIA
7 ore

Consultazioni: le nuove condizioni del PD fanno alzare la tensione

Il partito ha chiarito i suoi «presupposti»: via i decreti sicurezza, preaccordo sulla manovra e stop al taglio dei parlamentari

STATI UNITI
9 ore

Victoria's Secret in crisi: vendite in calo del 7%

Per il produttore di lingerie si tratta del quarto trimestre consecutivo di contrazione su base annuale

STATI UNITI
9 ore

Fecondazione assistita, decine di bambini nati dal donatore sbagliato: spesso è il medico

All'insaputa delle madri, uno specialista ha per esempio fatto nascere con il proprio sperma almeno 56 bambini

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile