keystone
CINA
12.03.19 - 16:110
Aggiornamento : 16:30

Huawei: «Se c'è rottura con gli Usa per il 5G abbiamo un piano B»

Lo conferma il ceo di Richard Yu intervistato dal Die Welt: «Stiamo lavorando a un nostro sistema operativo, quelle di Trump tutte minacce politiche»

ROMA - Un "piano B" per essere indipendenti tecnologicamente dalla Silicon Valley. Lo sta preparando Huawei, in caso di emergenza dovuta ad una rottura politica e commerciale con l'America di Trump che accusa l'azienda cinese di spionaggio attraverso le sue reti 5G. Accuse sfociate in una recente causa al governo statunitense da parte dell'azienda di Shenzen. A esplicitarlo chiaramente è il Ceo di Huawei, Richard Yu, in un'intervista a Die Welt.

«Preferiamo lavorare con gli ecosistemi di Google e Microsoft, ma se mai dovesse accadere di non poterli più usare abbiamo preparato un nostro sistema operativo», spiega Yu, confermando le indiscrezioni dello scorso dicembre di un sistema operativo fatto in casa, nome in codice Kirin OS. Al momento la società per i suoi dispositivi utilizza Android di Google, così come tante altre aziende asiatiche, ad esempio la coreana Samsung.

«Negli Stati Uniti - afferma Yu - non possiamo vendere i nostri smartphone ma lavoriamo con molte aziende tra cui Google, Qualcomm e Microsoft. L'economia statunitense trae beneficio da noi. Nessuno può fare tutto da solo in questo settore. Tutti devono lavorare con altre aziende».

Nell'intervista a Die Welt l'amministratore delegato di Huawei torna poi sulle accuse di spionaggio partite da Donald Trump che ha chiesto esplicitamente agli alleati, anche in Europa, di non usare le infrastrutture di rete dell'azienda cinese: «Le accuse arrivano principalmente dal governo degli Stati Uniti e hanno ragioni politiche, non c'è una ragione tecnica», sottolinea Yu. Nei nostri sistemi, aggiunge, «non abbiamo porte di servizio che compromettono la sicurezza delle reti, l'azienda non permette lo spionaggio poiché ha standard di sicurezza molto elevati, sia nell'hardware che nel software».

Commenti
 
Fafner 2 mesi fa su tio
È chiaro come il sole che tutto questo baraccone tirato in piedi ha fini protezionistici piuttosto che di sicurezza. La cosa che irrita tuttavia è che ora il parrucchino giallo si permetta anche di ricattare i partner europei al proposito. Negli USA faccia quel che gli pare, se la cosa lo fa sentir meglio, ma non rompa le palle ad altri paesi sovrani.
miba 2 mesi fa su tio
Infatti....la sicurezza dei sistemi operativi adottati negli USA sono inviolabili ed a prova di bomba. Mai violati il Pentagono e la Casa bianca... Probabilmente ha ragione il CEO di Huawei, qui si tratta di politica (vedi situazione attuale tra Cina ed USA) e non di tecnica/informatica/spionaggio
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
FRANCIA
35 min

Pacco bomba a Lione, sospetto ancora in fuga

La polizia nazionale ha diffuso sui social la foto di un uomo in bicicletta, tra i 30 e i 35 anni, il volto coperto e gli occhiali scuri

FRANCIA
14 ore

Esplosione nel centro di Lione, almeno 13 feriti

La deflagrazione è avvenuta in rue Victor Hugo dinanzi al negozio la Brioche Dorée. La procura: «Potrebbe trattarsi di un pacco bomba. È caccia all'uomo»

FOCUS
16 ore

Google - Huawei: è l'inizio di una Guerra fredda

Lo scenario di una guerra economica ha preso consistenza solo questa settimana. Siamo a un braccio di ferro tra Stati Uniti e Cina per la leadership mondiale. Tutta colpa di un telefonino

STATI UNITI
16 ore

E sui social spunta il video (fake) della Pelosi ubriaca

Il filmato, manipolato e rallentato per dare l'impressione che la speaker della Camera farfugli, è stato visto oltre 2.3 milioni di volte su Facebook

STATI UNITI
18 ore

Amazon punta sulla moda: 25 dollari per farsi scannerizzare

L'idea è avere misure utilizzabili in futuro per far provare capi d'abbigliamento ai clienti in modo virtuale

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report