Keystone
ITALIA
23.11.18 - 12:580
Aggiornamento : 15:16

Dolce e Gabbana chiedono scusa alla Cina

Gli stilisti erano stati contestati per i video «razzisti e sessisti» in cui una modella tentava di mangiare cibi italiani come la pizza e un cannolo siciliano con le bacchette

MILANO - Maglione nero e facce tiratissime: così appaiono Domenico Dolce e Stefano Gabbana nel video pubblicato sui social dove si scusano dopo le polemiche nate in Cina che hanno portato alla cancellazione dello show previsto a Shanghai.

«In questi giorni abbiamo pensato moltissimo e con grande dispiacere a quello che è successo» dice Domenico Dolce nel video sottotitolato in cinese, che ha come titolo "Dolce e Gabbana si scusano".

«In questi giorni - dice Domenico Dolce nel video, disponibile anche con sottotitoli in inglese sul canale youtube della maison - abbiamo ripensato tantissimo, con grande dispiacere a quello che è successo e che abbiamo causato nel vostro paese e ci scusiamo tantissimo. Le nostre famiglie ci hanno sempre insegnato a rispettare le varie culture di tutto il mondo e per questo vogliamo chiedervi scusa se abbiamo commesso degli errori nell'interpretare la vostra».

Un riferimento ai contestatissimi video di lancio dell'evento di Shanghai, dove una modella tenta di mangiare cibi italiani come la pizza e un cannolo siciliano con le bacchette. Video che sono stati accusati di razzismo e sessismo.

Non torna sui commenti razzisti partiti dal suo profilo instagram e attribuiti a un attacco hacker, invece, Stefano Gabbana, che dice: «vogliamo anche chiedere scusa a tutti i cinesi nel mondo perché ce ne sono molti e prendiamo molto seriamente questa scusa e questo messaggio». «Siamo sempre stati molto innamorati della Cina, l'abbiamo visitata, amiamo la vostra cultura e certamente - sottolinea Dolce - abbiamo ancora molto da imparare per questo ci scusiamo se abbiamo sbagliato nel nostro modo di esprimerci».

Conclude Stefano Gabbana: «Faremo tesoro di questa esperienza e sicuramente non succederà mai più, anzi proveremo a fare di meglio, rispetteremo la cultura cinese in tutto e per tutto. Dal profondo del nostro cuore vi chiediamo scusa». In chiusura, le scuse in cinese di entrambi gli stilisti.

8 mesi fa Dolce & Gabbana banditi dall'e-commerce cinese
Commenti
 
Tato50 7 mesi fa su tio
Che figura di palta. Prima ribattono che lo Spot non è offensivo e quasi quasi danno lezione di "morale" ai cinesi. Quest'ultimi annullano una sfilata da mille e una notte e bloccano le vendite. A capo chino i due maschioni adesso si scusano perché hanno capito che perdere un "cliente" simile è un disastro. Non posso nemmeno dirgli "ni a da via el cü" perché lo fanno già ;-((
vulpus 7 mesi fa su tio
Si sa che la moda cinese invade i generosi mercati europei.Li trovi quasi dappertutto. Hanno risorse da investire e per loro l'Europa è il paese di Bengodi. Per cui qualche dubbio su quanto accaduto, provocato da qualche slittamento della frizione ci stà.
LAMIA 7 mesi fa su tio
Figur da merda! Boicottarli così imparano il rispetto! E i prossimi saranno Benetton con quel c..... di Toscani
Tarok 7 mesi fa su tio
ahhh vi hanno toccato il borsa.........lacrime di coccodrillo
streciadalbüter 7 mesi fa su tio
boicottarli
TOP NEWS Dal Mondo
GERMANIA / SERBIA
5 ore

Allarme bomba sull'aereo Lufthansa... per amore

L'autore ha ammesso di averlo fatto perché si era invaghito di una hostess in servizio su quel volo

REGNO UNITO
6 ore

British Airways sospende i voli per il Cairo

La cancellazione avviene a scopo precauzionale dopo un allarme sul rischio di azioni terroristiche contro il trasporto aereo verso la capitale egiziana

ITALIA
11 ore

Estradata in Italia la "Bonnie" che truffò anche Clooney

A suo carico pendeva un mandato di arresto internazionale per una valanga di truffe messe a segno, compresa quella nei confronti del celebre attore

REGNO UNITO
12 ore

Gas sulla metro a Londra, caccia a due uomini

Avrebbero usato dei lacrimogeni durante una rissa. Diverse persone sono state assistite fuori dalla stazione di Oxford Circus

ITALIA
15 ore

Addio a Francesco Borrelli, capo del pool Mani Pulite

L'ex procuratore generale di Milano si è spento a 89 anni in ospedale. Era ricoverato da un paio di settimane presso l'Istituto Nazionale dei Tumori di Milano

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile