Keystone
OLANDA
26.09.18 - 06:000
Aggiornamento : 10:23

Stipendi da fame e svenimenti quotidiani in fabbrica, il “lato oscuro” di H&M

La denuncia arriva da Abiti Puliti che ha analizzato le condizioni di lavoro negli stabilimenti produttivi. Ma l'azienda non ci sta: «Siamo ecosolidali»

AMSTERDAM - Salari di molto al di sotto della soglia di povertà, straordinari che sono più che altro ordinari e svenimenti all'ordine del giorno. È questo il ritratto delle condizioni di lavoro nelle aziende che forniscono abiti al colosso dell'abbigliamento H&M tratteggiato dall'ultimo rapporto di Campagna Abiti Puliti.

Conclusioni che arrivano a ridosso di un comunicato stampa globale di H&M dello scorso 20 settembre che parlava di «importanti traguardi raggiunti per uno stipendio dignitoso per 500 fabbriche e 635'000 dipendenti». 


Keystone
«Il 67% dei nostri operai riceve un salario equo e il 73% elegge i suoi rappresentanti», spiega H&M, «Siamo fieri di quello che abbiamo raggiunto», commenta la responsabile sostenibilità dell'azienda Anna Gedda.

Non ci sta però l'Ong che ritiene la mossa figlia di un calcolo dell'azienda svedese per «neutralizzare l'impatto dei risultati» contenuti nello studio che ha analizzato nel dettaglio gli ambienti di lavoro in fornitori “gold” e “platinum” in Turchia, India, Cambogia e Bulgaria. Ed è proprio in Bulgaria che ha riscontrato le condizioni di lavoro peggiori, definite addirittura «inaudite».

1 su 3 - Il tasso di svenimento medio, nelle operaie dei fornitori di H&M negli stabilimenti nelle sei nazioni considerate dallo studio di Campagna Abiti Puliti. Le cause: ritmi di lavoro, il caldo e qualità dell'aria.

«Entri in fabbrica alle 8 di mattina, ma non sai mai quando ne uscirai. A volte torniamo a casa alle 4 del mattino seguente», ha raccontato un dipendente della bulgara Koush Moda. Il ritmo di lavoro è tanto intenso che gli svenimenti sono all'ordine del giorno tanto che due terzi delle dipendenti dell'azienda sostengano di aver perso i sensi almeno una volta in fabbrica. C'è pure chi, per questo, si è infortunato (anche gravemente) e/o è stato licenziato. Tutto questo per uno stipendio di partenza di circa 98€ al mese, circa il 9% di quello che sarebbe uno stipendio dignitoso e meno della metà del salario minimo legale in Bulgaria.

«Non abbiamo scelta, dalle nostre parti non c'è altro lavoro che questo», operaio anonimo, Bulgaria

Se negli altri paesi le condizioni sono migliori, continua lo studio, restano comunque oltre il limite della legalità perché si può ottenere il salario minimo garantito «solo se lavora in straordinario per completare la quota di produzione assegnata». E, a volte, nemmeno quella basta. 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Ivan Viazzi 1 anno fa su fb
Ecco la flessibilità lavorativa
Fausto Foster Magro 1 anno fa su fb
Cosa pensate fanno così in qualunque fabrica
Sarah Chiaramonte 1 anno fa su fb
Hm potrebbe pure chiudere, stracci osceni da 40 fr e queste condizioni nelle fabbriche, incantevole insomma.
Caroline Meyer 1 anno fa su fb
Cosa pensate? Fanno tutti cosi ? Basta, andiamo in giro nudi!
siska 1 anno fa su tio
Strano io non ho mai acquistato capi di H&M e neppure della C&A. Non mi piacciono a prescindere questi luoghi dove senti l'odore di fabbrica a go go. Bravi lindi e puliti pure gli svedesi! Chiaro che, se vanno all'estero lo sfruttamento diventa un MUST.
Bacaude 1 anno fa su tio
E' parecchio tempo che quest'azienda si comporta così. Basta non comperare più da H&M. Questo modo di fare è iniziato 30 anni fa. Si è concesso di tutto di più agli imprenditori (a onor del vero sono soprattutto i grandi marchi che si comportano così). Poi, dopo aver preso ciò che si poteva hanno delocalizzato comunque corrompendo i funzionari di certi paesi, che hanno chiuso tutti e due gli occhi sugli abusi.
tip75 1 anno fa su tio
cosa c'è da meravigliarsi?credete forse che bisogna andare in Bangladesh per vedere queste cose?il Ticino ne ha in esubero, sempre di più....però è più semplice salvare l'africa che guardare nelle proprie scarpe
Tato50 1 anno fa su tio
@tip75 Ed è proprio in Bulgaria che ha riscontrato le condizioni di lavoro peggiori, definite addirittura «inaudite». Leggere bene prima di commentare perché non si parla del Ticino. Chiaramente questo non giustifica ciò che avviene ma anche come scrive "Becaude" non acquistare più nei negozi che ci sono da noi vorrebbe dire chiudere e altri disoccupati. Il problema sta a valle non a monte ed è li che si deve intervenire ma nessuno osa farlo altrimenti il giorno dopo guardi l'erba dalla parte delle radici.
Laura Montagna 1 anno fa su fb
Personalmente preferisco un paio di pantaloni di qualità all’anno piuttosto che 10 di qualità pessima con coloranti cancerogeni e con tutto quel che c’è Dietro.....
sedelin 1 anno fa su tio
non fare acquisti da H&M..da
Giuliana Zinni 1 anno fa su fb
Concorrenza leale o altro parlo da vecchia operaia del settore ,chiuse molte fabbriche e lasciate a casa non si può chiedersi il perché dopo decenni?
sedelin 1 anno fa su tio
mai fare acquisti da H&M..da
Laura Montagna 1 anno fa su fb
È risaputo che tutti quelli che lavorano x questi marchi di abbigliamento con prezzi bassissimi sfruttano tutti sia nel terzo mondo dove lavorano i bambini X una manciata di monetine, sia nel mondo “civilizzato”
Christian TheTai 1 anno fa su fb
Porci
Mayra Jelušić 1 anno fa su fb
H&M
Gemma Hunziker 1 anno fa su fb
Vergognoso!
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
STATI UNITI
30 min
Sono loro i vip che hanno guadagnato di più nell'ultimo anno
Lo svela il consueto Forbes, fra sorprese grazie ai successi su Netflix e chi è stato castigato dal coronavirus
STATI UNITI
1 ora
Oggi si tiene la prima cerimonia funebre per George Floyd
L'inizio è fissato per le 19 ora svizzera, oggi davanti al giudice anche 3 degli ex-poliziotti coinvolti nell'omicidio
UNIONE EUROPEA
2 ore
Coronavirus: la Bce quasi raddoppia il piano d'acquisto per l'emergenza
È una sorpresa per molti investitori. L'operazione supera ora i 1'000 miliardi di euro.
ITALIA
3 ore
Il pronto soccorso di Codogno riapre: e c'è già il primo caso sospetto Covid
Il paziente è stato immediatamente isolato.
REGNO UNITO / GERMANIA
3 ore
I genitori di Maddie: è una svolta «potenzialmente molto significativa»
Il sospettato sarebbe stato condannato per uno stupro commesso circa un anno e mezzo prima della scomparsa della bimba
STATI UNITI
4 ore
Mattis: Trump «sta cercando di dividerci»
Dura presa di posizione dell'ex Segretario alla Difesa statunitense contro il presidente
UNIONE EUROPEA
5 ore
«I salvataggi delle compagnie di bandiera sono illegali»
«Vogliamo condizioni di parità» ha dichiarato Michael O'Leary
PORTOGALLO
7 ore
Caso Madeleine McCann, c'è un sospetto
Le indagini hanno permesso di identificare un uomo tedesco di 43 anni
STATI UNITI
8 ore
L'autopsia di George Floyd rivela che era positivo al coronavirus
Proteste pacifiche in molte città Usa, ma a New York 90 nuovi arresti
EUROPA
10 ore
Riconoscimento facciale? Bastano gli occhi, o la camminata
Le mascherine, che bloccano l'operatività del riconoscimento facciale, non hanno effetti su altri sistemi
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile