Keystone
STATI UNITI
06.02.18 - 19:480
Aggiornamento : 30.08.18 - 09:04

Wall Street precipita: anche i ricchi piangono

Warren Buffett ha visto andare in fumo in una sola giornata 5,11 miliardi di dollari. Non è andata meglio a Mark Zuckerberg e Jeff Bezos

NEW YORK - Wall Street affonda. E anche i ricchi piangono. Il tonfo dei listini americani ha "impoverito" di complessivi 114 miliardi di dollari i paperoni mondiali, colpendo duramente Warren Buffett: il guru della finanza ha visto andare in fumo in una sola giornata 5,11 miliardi di dollari. Non è andata meglio a Mark Zuckerberg e Jeff Bezos, mentre Bill Gates ha limitato le perdite a poco più di due miliardi di dollari.

Dei 550 uomini più ricchi al mondo nella classifica dei miliardari di Bloomberg, ben 18 hanno perso più di un miliardo di dollari con il crollo di Wall Street di lunedì. Al di là dell'andamento dei listini, Buffett ha risentito della brusca flessione di Wells Fargo, di cui è il maggiore azionista: i titoli della banca sono scesi del 9,2% dopo le sanzioni della Fed, che ha ordinato il cambio di quattro membri del consiglio di amministrazione e imposto paletti alla crescita fino a quando non sarà migliorata la governance.

Nella classifica dei più colpiti dal calo di Wall Street Zuckerberg si piazza al secondo posto dopo Buffett: l'amministratore delegato di Facebook ha bruciato 3,6 miliardi di dollari e ora vale "solo" 74,7 miliardi. Il patron di Amazon, l'uomo più ricco al mondo, ha accusato perdite per 3,26 miliardi di dollari: uno "schiaffo" che ha ridotto la sua ricchezza a 116 miliardi di dollari. Larry Page e Sergey Brin hanno perso 2,3 miliardi e valgono ora 53 e 51,5 miliardi di dollari.

Nel lunedì nero di Wall Street il Dow Jones ha registrato il maggior calo percentuale dal 2011 e il maggiore della sua storia in termini di punti persi.

TOP NEWS Dal Mondo
STATI UNITI
1 ora

Trump offre una cauzione per A$AP Rocky, solo che...

...si tratta di qualcosa che nel sistema giudiziario svedese non esiste

GERMANIA
3 ore

Rifiutati dall'Esercito tedesco: i più rappresentati sono i neonazisti

Seguono gli islamisti. Dall'introduzione, 2 anni fa, di controlli sistematici sono state scartate 63 aspiranti reclute

GERMANIA
5 ore

Il ceo di Siemens: «Trump sta diventando il volto del razzismo»

Joe Kaeser entra a gamba tesa nella diatriba sui tweet giudicati xenofobi del presidente. L'azienda tedesca sta per firmare un importante contratto negli Stati Uniti

CINA
5 ore

Hong Kong: nuova manifestazione, in decine di migliaia in strada

Anche questa volta molti manifestanti marciano con un ombrello, diventato il simbolo della protesta

REGNO UNITO
6 ore

È stato un 19enne a scatenare lo scandalo Darroch

Steven Edginton ha dichiarato di essere stato lui a ottenere i documenti e a passarli alla stampa

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile