Immobili
Veicoli
Deposit
ITALIA
06.05.22 - 22:000

Ha sterminato la famiglia a martellate, ma prima ha chiesto «Scusa»

Nuovi dettagli sul dramma consumatosi in provincia di Varese, in cui due donne sono morte e un uomo si batte per la vita

VARESE - «Scusa». «Sono un mostro». «Ci sono riuscito». Sono poche, ancora, e non verbalizzate, le parole pronunciate dal principale sospettato di una strage familiare avvenuta a Samarate in cui una madre con la figlia sono morte, prese a martellate.

Mercoledì mattina i corpi esanimi di due donne venivano ritrovati in una villetta in provincia di Varese, l'una nel suo letto, l'altra sul divano, coperta da un plaid. In un'altra stanza ancora, il figlio maggiore, 23enne, che ancora respirava, nonostante un grave trauma cranico. E al balcone stava un 57enne, le mani insanguinate, un sopracciglio un po' bruciato e tagli superficiali sulle braccia e urlava: «Ci sono riuscito».

Emergono nuovi dettagli sulla strage familiare avvenuta a Samarate. In particolare l'ipotesi che il gesto fosse premeditato. Il principale e unico indagato al momento è il padre di famiglia, un architetto che lavorava sui Navigli a Milano.

Alla figlia, la sera prima del misfatto, avrebbe chiesto «scusa». È quanto ha raccontato dal nonno materno giovedì a Pomeriggio cinque. La 16enne, continua, avrebbe inoltre affermato di aver trovate strane quelle scuse: non avevano un perché.

Del principale indagato, scrive il Corriere della Sera, si sa che era ossessionato dai soldi e che era convinto che la sua azienda, a causa della pandemia, stesse andando in malora. Perciò, convinto che moglie e figli spendessero inutilmente, aveva adottato nei loro confronti un atteggiamento litigioso e scontroso, e insisteva sul risparmiare fino all'ultimo centesimo, cosa che aveva esacerbato i rapporti. Tant'è che la moglie si era rivolta a un avvocato per avviare le pratiche del divorzio.

Ora si trova in ospedale, dove è stato trasferito dal carcere di Monza, in quanto, dicono i medici, il suo stato di salute non gli permette di restare in una struttura carceraria. Tra un passaggio e l'altro, da dietro le sbarre al lettino di ospedale, avrebbe affermato: «Sono un mostro». Domani verranno effettuate le autopsie sui corpi di madre e figlia. Il figlio resta in prognosi riservata.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
SVIZZERA / POLONIA
3 ore
Bloccati per tre ore su un aereo che non decolla
Il racconto di una passeggera: «Non abbiamo ricevuto alcun tipo di aiuto»
GERMANIA
4 ore
La coesione dell'Occidente «procurerà a Putin dei bei mal di testa»
La prima giornata del G7 si è chiusa con l'annuncio di un programma da 600 miliardi e con una nuova Via della seta
ITALIA
6 ore
Mascherine obbligatorie «per salvare la stagione turistica»
L'addio al chiuso è scattato il 15 giugno, ma c'è chi invoca un rapido ripristino
SUDAFRICA
8 ore
Venti giovani trovati morti in discoteca
Erano tutti studenti. Si erano riuniti per festeggiare la fine degli esami. Le circostanze ancora poco chiare
UCRAINA
12 ore
Credevano di parlare con il sindaco di Kiev e invece era un deepfake
Ingannati numerosi sindaci europei. Klitschko: «Il colpevole ha parlato con loro fingendosi me»
UCRAINA: SEGUI IL LIVE
LIVE
La Russia: «A Kiev colpita una fabbrica di missili»
L'attacco sulla capitale è stato definito «una barbarie» dal presidente Usa Biden
ITALIA
1 gior
Centinaia di aerei restano a terra
«Le compagnie hanno cancellato circa 41mila voli per il periodo estivo, tagliando 6,5 milioni di biglietti»
UCRAINA: SEGUI IL LIVE
1 gior
Severodonetsk è stata occupata
Ne dà l'annuncio il sindaco della città. I russi sarebbero entrati anche nell'impianto Azot
NORVEGIA
1 gior
Oslo, la sparatoria considerata «atto di terrorismo islamista»
Due persone sono rimaste uccise. Almeno 21 i feriti. In manette un uomo di 42 anni
UCRAINA
1 gior
«Mosca sta tentando di trascinare Lukashenko nella guerra»
È la lettura che l'intelligence di Kiev propone in relazione ai presunti attacchi provenienti dal territorio bielorusso
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile