Immobili
Veicoli
Keystone
STATI UNITI
07.12.21 - 11:050

Quel processo da 50 miliardi al sedicente creatore dei Bitcoin

Si è tenuto a Miami e ha visto sul banco degli imputati un informatico australiano 46enne che sostiene di averli creati

MIAMI - È stato uno dei primi a “minare” i Bitcoin - lui addirittura sostiene di essere il primissimo - e ne ha ammassati una fortuna: 1,1 milioni per un valore (stando alle quote di lunedì) stimato di circa 50 miliardi di dollari. Di questo incredibile e-tesoretto la famiglia di un suo ex-socio, defunto, ne voleva la metà. Ma la corte ha dato ragione a lui.

La storia del processo a Craig Wright, informatico australiano di 46 anni e sedicente creatore dei Bitcoin, ha catalizzato l'attenzione del fisco e della scena cripto mondiale ma anche della stampa tout court. I motivi sono almeno due, ovvero l'esorbitante quantità di soldi in ballo e la faccenda legata alle origini (assolutamente misteriose) della più importante delle valute digitali.

Tornando al processo: la famiglia dell'ex-socio e amico di Wright, David Kleiman, deceduto nel 2013 cercava di ottenere metà di quegli 1.1 milioni di Bitcoin affermando che Kleiman era stato co-creatore dell'e-conio. Alla fine la corte ha però deciso in favore di Wright concedendo ai famigliari dell'informatico defunto “solo” 100 milioni di dollari di diritti d'autore.

Una vittoria netta, considerando cosa c'era in ballo, dopo un processo complicato ed estremamente tecnico. Come riportato dal Guardian i giurati - anche durante le consultazioni interne - hanno più volte fatto domande su come funzionano le criptovalute. Dopo un'impasse è stato necessario l'intervento del giudice.

Tornando alla "paternità" del Bitcoin, Wright ha affermato nel 2016 di essere lui Satoshi Nakamoto - il nome, o pseudonimo, dell'inventore della moneta virtuale - che nel 2008, in piena crisi economica, aveva sottoscritto il manifesto per una valuta digitale lontana dalla finanza tradizionale. Le operazioni di "mining", ovvero il processo di creazione di bitcoin utilizzando computer che svolgono calcoli complessissimi, è poi iniziato pochi mesi dopo.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
COREA DEL SUD
1 ora
Uomini che odiano il femminismo
Il caso della Corea del Sud dove i gruppi maschilisti contro la «discriminazione di genere» sono sulla cresta dell'onda
REGNO UNITO
12 ore
«A Downing Street si beveva ogni venerdì sera»
Il "Partygate" continua far discutere: mentre Johnson pensa a licenziamenti e divieti, molti chiedono la sua rimozione
STATI UNITI
15 ore
«Questo virus rimarrà con noi, probabilmente per sempre»
Parola di Robert Wachter, una delle voci più ascoltate sulla pandemia negli Usa
STATI UNITI
22 ore
Il ritorno di Trump: «Riprendiamoci l'America»
Durante un comizio in Arizona ha rispolverato tutti i suoi argomenti da campagna elettorale
STATI UNITI
23 ore
Ostaggi salvi, morto il sequestratore
È finito l'incubo nella sinagoga di Colleyville in Texas. Le forze speciali sono entrate in azione
TONGA
1 gior
Eruzione sottomarina, onde alte più di un metro raggiungono il Giappone
Piccole inondazioni si sono verificate anche alle Hawaii, e le spiagge sono state chiuse
LIVE CORONAVIRUS
1 gior
«Bisogna concentrarsi sulla variante Delta, che determina casi più gravi»
«La variante Delta è ancora presente e se andassimo ad un livello di contagio più alto rappresenterebbe un problema»
TONGA
1 gior
Potente eruzione sottomarina, uno tsunami colpisce Tonga
Si segnalano già onde alte oltre un metro che s'infrangono sulle case della capitale, Nuku'alofa
AUSTRALIA
1 gior
Nole è di nuovo in detenzione
Lo fanno sapere i suoi avvocati. Oggi per Djokovic sarà il giorno della verità?
AUSTRALIA
2 gior
Nole espulso: «Maltrattato un intero Paese»
Il campione serbo ha un piede e mezzo fuori dal primo Slam stagionale dopo che l'Australia gli ha ancora tolto il visto.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile