Immobili
Veicoli
Reuters
CINA
21.11.21 - 13:150

Peng Shuai si mostra in pubblico. Ma il giallo non è chiuso

La WTA resta preoccupata per le condizioni della tennista e chiede conferme: «Il video non è sufficiente»

PECHINO - Caso chiuso. O forse no. La tennista cinese Peng Shuai, data per scomparsa dagli inizi di novembre (dopo le accuse di molestie mosse contro l'ex vice-premier cinese Zhang Gaoli) è tornata a mostrarsi in pubblico oggi e lo avrebbe fatto durante un torneo giovanile a Pechino. Le immagini mostrano la ex numero uno del circuito di doppio femminile, in tuta sportiva, sorridente e impegnata ad autografare alcune palle da tennis giganti in un gruppo di giovanissimi fan.

Gli scatti sono stati pubblicati dal profilo ufficiale WeiBo dedicato al China Open e seguono, di poche ore, le immagini video emerse ieri che mostravano la Peng a cena con il suo allenatore e alcuni amici, in un ristorante di Pechino. Immagini che, da un lato, tranquillizzano, ma che dall'altro ancora non possono rassicurare del tutto sulle condizioni della tennista e sulla sua effettiva libertà.

Rivederla, ha dichiarato il presidente della WTA Steve Simon, è «bello», ma quanto mostrato in video finora non è sufficiente. «Sono lieto di vedere i video che sono stati pubblicati dalla stampa cinese di stato, che sembrano mostrarci Peng Shuai in un ristorante di Pechino. Anche se è bello vederla, non è però chiaro se sia libera e in grado di prendere decisioni senza alcuna coercizione o interfenza esterna», ha detto. Per questo, ha proseguito, il video da solo «è totalmente insufficiente». Una posizione che la stessa federazione, interpellata dall'agenzia Reuters, ha ribadito in queste ore.

Il "giallo" del caso Peng Shuai resta quindi vivo. Quel che è certo è che la Women Tennis Association, come ben chiarito dalla schiettezza delle parole di Simon, si trova al momento ai ferri corti con Pechino. «Come ho detto sin dal principio, sono molto preoccupato per la salute e la sicurezza di Peng e per il fatto che le accuse di molestie sessuali sia state censurate e nascoste sotto il tappeto. E sono stato chiaro anche su quanto dovrebbe accadere e sul fatto che le nostre relazioni con la Cina sono a un bivio».

Reuters
Guarda le 3 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
UCRAINA
1 ora
«Questa guerra è di natura genocida»
È la conclusione di 30 esperti internazionali di diritto, nel primo rapporto indipendente dall'inizio del conflitto
STATI UNITI
3 ore
Sopravvissuta al killer, a 11 anni: «Ho finto di essere morta»
«È stato terrificante», racconta il piccolo Jayden. «Qualcuno ha acceso della musica triste», ricorda Miah
FOTO
UCRAINA
4 ore
Ricostruire l'aereo più grande del mondo per «onorare la memoria degli eroi»
Per il presidente Zelensky è «una questione di ambizione», ma l'investimento economico sarà ingente
FRANCIA
7 ore
Eliminate più di 3'000 tonnellate di prodotti Kinder
Il Direttore di Ferrero Francia: «È una crisi straziante»
CANADA
10 ore
Si aggira con un fucile vicino a una scuola, ucciso dagli agenti
Ampio dispiegamento di polizia quest'oggi a Toronto: un uomo armato ha creato il panico
STATI UNITI
10 ore
Il marito dell'insegnante eroica è morto «dal troppo dolore»
Un attacco cardiaco ha stroncato il marito di Irma García, a soli due giorni dalla sparatoria
MONDO
11 ore
Se il riscaldamento globale ti raggela la camera da letto
L'aumento delle temperature potrebbe avere un'influenza sulla riproduzione della specie umana. L'allarme degli esperti
ITALIA
20 ore
Errori umani e una fune vecchia
L'inchiesta tecnica sulla tragedia del Mottarone ha portato i primi risultati, a un anno dall'evento
UCRAINA
22 ore
A Mariupol i bambini vengono "de-ucrainizzati"
La denuncia di Kiev: nella città conquistata dai russi è partita la propaganda di massa, anche nelle scuole
UCRAINA
23 ore
I destini paralleli delle fabbriche-bunker in Ucraina
Prima la Azovstal a Mariupol, ora la Azot di Severodonetsk
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile