Immobili
Veicoli
Afp
Italia
19.11.21 - 08:390
Aggiornamento : 09:28

Al confine tra Polonia e Bielorussia c'è un bambino morto di freddo

È la vittima più giovane della crisi dell'Est Europa. Unicef: «L'Ue ha lasciato che i bambini muoiano al freddo»

ROMA - Il freddo, la stanchezza, la fame. Ancora non si sa perché. Ma c'è un bambino siriano che era in viaggio con la sua famiglia per attraversare il confine tra Polonia e Bielorussia che non ce l'ha fatta. Aveva solo un anno.

È la vittima più giovane della crisi umanitaria che sta avvenendo nell'Est Europa, dove migliaia di migranti sono alla ricerca di una vita migliore in Europa. Ne ha dato la notizia sul suo profilo Twitter il Centri polacco per gli aiuti internazionali. «Verso le 2:26 del mattino abbiamo ricevuto una segnalazione secondo cui almeno una persona che si trovava nella foresta aveva bisogno di cure mediche. Quando siamo arrivati sul posto, abbiamo scoperto che c'erano tre persone ferite. Si trovavano nella foresta da un mese e mezzo».

Secondo le informazioni raccolte dal Guardian, un portavoce del Centro ha dichiarato che lo staff si è imbattuto in una coppia siriana che aveva con sé il figlio. Il padre aveva una lacerazione al braccio e la donna era stata accoltellata a una gamba. Il piccolo aveva dolori addominali, era affamato e disidratato. «È morto nella foresta».

Non sono ancora chiare le cause del decesso del bambino, ma la più accreditata resta l'esposizione al freddo. Il bimbo è la tredicesima vittima tra i migranti al confine che si trovano al centro di una crisi tra Bielorussia e Unione europea. Una tensione che si sta cercando di allentare. Ad esempio ieri l'accampamento che si trovava nella zona frontaliera tra Bruzgi e Kuznica è stato sgomberato dalle forze dell'ordine e le persone sono state portate in una struttura.

Unicef condanna l'Europa - «Tutti i paesi europei hanno firmato la convenzione per i diritti dell'infanzia e dell'adolescenza» se la notizia del bambino morto di freddo al confine tra la Polonia e la Bielorussia è confermata ora «non possono solo indignarsi, devono applicare ciò che hanno ratificato, l'Ue ha lasciato morire bambini e bambine in mare ora lasciano morire bambini e bambine di freddo. Non si può più dire 'basta', ora ci aspettiamo un gesto concreto». Il portavoce di Unicef Andrea Iacomini ammette di non poterne più di sentire «le parole d'indignazione delle istituzioni del mondo che quando accadono queste cose riempiono i giornali di frasi circostanza» e ricorda la vicenda di Aylan, il cui corpicino riverso sulla sabbia divenne un simbolo del dramma dei migranti.

Anche in quel caso tanta indignazione ma nulla di concreto. «Non abbiamo più il diritto di dire 'basta' lo devono dire i genitori, i nonni di quei bambini che sono sul confine. Noi europei la parola 'basta' non possiamo permetterci di dirla perché non abbiamo fatto nulla per fare in modo che queste cose non accadessero più. Aylan vi sta guardando. Dovete rispondere al padre di Aylan!».

«Tra un giorno - conclude - andiamo a celebrare la carta in cui tutti gli Stati europei e del mondo si impegnavano a non torcere un capello a nessun bambino o bambina, impegno disatteso lasciando che venissero trucidati i bambini in Siria, Yemen, facendoli morire in mare e di freddo. È inaccettabile».

Afp
Guarda le 2 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
STATI UNITI
1 ora
Vietato dalla scuola un romanzo sull'Olocausto
L'autore Art Spiegelman, vincitore del premio Pulitzer, si è detto «sconcertato»
COSTA RICA
4 ore
Assalto no-vax all'ospedale per «salvare un bambino dal vaccino»
Una trentina di persone è riuscita a fare irruzione nel nosocomio, ma non ad arrivare al bambino al quarto piano
MONDO
7 ore
«I casi gravi sono dovuti alla coda della Delta»: lo studio
L'osservazione dell'Istituto di ricerca Altamedica sull'evoluzione della variante: «Dati veramente tranquillizzanti»
TAGIKISTAN
13 ore
Isolati dal mondo, i pamiri temono per la loro incolumità
Vivono in una regione del Tagikistan, e da novembre sono stati tagliati fuori dal mondo
UCRAINA / GERMANIA
20 ore
5000 elmetti all'Ucraina: «E poi che altro ci manderanno? Dei cuscini?»
Il sindaco di Kiev pensa che l'offerta di Berlino non sia altro che «uno scherzo»
GERMANIA
1 gior
Odio, crimine, violenza: ora Telegram rischia grosso
È in arrivo una stretta a livello politico: o i proprietari vanno incontro alle autorità, o rischiano il divieto totale
ITALIA
1 gior
Quirinale, anche la terza fumata è nera
Alla terza votazione, il presidente della Repubblica uscente ha ricevuto 125 voti. Da domani si abbassa il quorum.
ITALIA
1 gior
Berlusconi sempre in ospedale (e di pessimo umore)
Pochissime le visite, ma segue gli sviluppi dell'elezione del presidente della Repubblica
FRANCIA
1 gior
Quel triangolo viola voluto dal Reich
La storia di Simone Arnold e della sua famiglia, per far luce sulle persecuzioni tedesche dei testimoni di Geova
MEDIO ORIENTE
1 gior
La neutralità della "Svizzera dell'Arabia" è sotto attacco
L'Oman si definisce neutrale, e intende tentare di risolvere qualsivoglia conflitto con colloqui di pace e diplomazia
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile