Immobili
Veicoli
Keystone
Nuova Zelanda
17.11.21 - 09:530

Resti umani ritrovati in una miniera, risalirebbero a una tragedia del 2010

Le unità investigative hanno individuato almeno due corpi delle 29 persone rimaste vittime di un'esplosione

GREYMOUTH - Un'esplosione in miniera, 29 vite spezzate e delle famiglie che cercano ancora giustizia. Emergono nuovi dettagli e nuovi corpi dalla catastrofe avvenuta nel 2010 in Nuova Zelanda. La polizia ha comunicato di aver trovato in un pozzo almeno due uomini.

A pochi giorni dall’undicesimo anniversario della morte di 29 minatori, arriva un risvolto nelle indagini. I corpi di almeno due uomini sono stati individuati dagli inquirenti. I patologi forensi hanno esaminato gli scatti che sono stati eseguiti in un pozzo della miniera di carbone Pike River e determinato che quelli immortalati sono proprio resti umani e che laggiù potrebbero esserci forse tre persone. I corpi, malgrado il ritrovamento, non possono essere recuperati a causa del luogo in cui si trovano, ovvero nell'area più lontana a dove era situato l'ingresso della miniera nel 2010. Per questo le unità investigative stanno cercando di capire in che modo poter risalire alle identità delle vittime.

Nonostante il fatto sia avvenuto più di dieci anni fa, in data 19 novembre, ancora oggi non è ancora stato trovato un responsabile. A ottobre, riporta Stuff, la polizia aveva comunicato in un aggiornamento che erano state trovate prove che mettevano in fallo la direzione della miniera: mesi prima dell'esplosione era stato scoperto un accumulo di gas e i piani alti ne erano al corrente, ma non avevano interrotto i lavori. L'ipotesi è che le misure di sicurezza sarebbero state ignorate volutamente. La trivellazione dei luoghi continuerà fino alla fine dell'anno nell'ambito di un'inchiesta penale. Il sovrintendente Peter Read ha affermato durante una conferenza stampa che non è escluso che vengano individuati altri corpi.

La vittima più giovane dell’esplosione aveva solo 17 anni. Dei 29, 24 erano neozelandesi, due scozzesi, due australiani e un sudafricano.

Keystone
Guarda le 2 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
UNIONE EUROPEA
1 ora
Omicron si è presa l'Europa
La variante, secondo l'ultimo rapporto dell'Ecdc, ha una prevalenza aggregata del 78% nel continente.
ITALIA
5 ore
In Italia sospesi quasi 2'000 medici non vaccinati
Gli inadempienti sono in totale oltre 33mila. In questa cifra sono però inclusi anche quelli che non possono vaccinarsi
SVIZZERA
6 ore
«Un dialogo ragionevole è necessario perché si calmi la tensione»
I ministri degli esteri di Usa e Russia soddisfatti dopo il meeting a Ginevra sull'Ucraina, ma l'allerta resta alta
LIVE CORONAVIRUS
LIVE
Anche l'Irlanda smantella (quasi tutte) le restrizioni
Il primo ministro Micheal Martin ha annunciato questa sera al Paese un quasi ritorno alla normalità
STATI UNITI
10 ore
L'alta trasmissibilità di Omicron non è causata da una maggiore carica virale
La variante sarebbe più contagiosa perché riesce a sfuggire meglio agli anticorpi, sottolineano due studi
STATI UNITI
13 ore
Quel piano per sostituire 16 grandi elettori di Biden con altrettanti pro Trump
Una manovra disperata portata avanti dal team del presidente e da Rudi Giuliani, scrive la Cnn
STATI UNITI
13 ore
Si rifiuta di tenere la mascherina, l'aereo è costretto a fare dietrofront
Poco meno di due ore in aria per il volo Miami-Londra, tornato sulla pista a causa di una passeggera molto combattiva
UNIONE EUROPEA
15 ore
App di tracciamento dei contatti: costate oltre 100 milioni, ma fallimentari
Solo il 5% dei casi è stato confermato dai vari strumenti in uso nell'Unione europea
BRASILE
1 gior
Sono tanti, sono armati e hanno preso il controllo delle favelas
Le autorità hanno lanciato un programma per «cambiare la vita della popolazione» delle favelas di Rio
GERMANIA
1 gior
Abusi nella Chiesa tedesca, «Ratzinger non agì in 4 casi»
Un rapporto stilato da uno studio legale fa luce sia su chi avrebbe perpetrato gli atti, sia su chi li avrebbe occultati
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile