Keystone
Germania
21.10.21 - 20:000

Guerra in Yemen: due soldati tedeschi volevano formare una squadra di mercenari per intervenire nel conflitto, arrestati

Cercavano di assoldare 150 soldati e avevano tentato di contattare l'Arabia Saudita per avere un sostegno economico

MONACO DI BAVIERA - Una squadra di mercenari per intervenire nel combattimento in Yemen. Questo il piano di due soldati tedeschi che stavano cercando di mettere insieme una banda di 150 persone. Il loro obiettivo era prendere parte al conflitto civile in corso e cercare di portare le due parti verso un trattato di pace.

Ieri mattina le forze speciali di polizia tedesca sono intervenute nel distretto reisgau-Hochschwarzwald e a Monaco di Baviera. Obiettivi dell'intervento due soldati tedeschi. Sono accusati di aver tentato di fondare un'organizzazione terroristica. I due, entrambi cittadini tedeschi, con un passato nella Bundeswehr, le forze armate della Repubblica di Germania, avevano iniziato a mettere insieme i pezzi del loro puzzle all'inizio del 2021.

Come spiega un comunicato del Procuratore Generale Federale presso la Corte di Giustizia federale, i due puntavano ad assoldare tra i 100 e i 150 membri, preferibilmente con una carriera nella Bundeswehr o nella polizia, per formare un gruppo di mercenari. Li avrebbero pagati 40'000 euro al mese.

Al momento del loro arresto, si erano già messi in contatto con sette possibili candidati. Inoltre, cercavano risorse economiche in Arabia Saudita, ma le agenzie governative non hanno dato mai risposta alle loro richieste. Inoltre, se di base la formazione del gruppo aveva come obiettivo l'intervento nel conflitto in Yemen, i due avevano in progetto anche di diventare una compagnia militare privata da assoldare su chiamata.

Nella nota si legge inoltre che «i due imputati erano consapevoli che l'unità sotto il loro comando avrebbe inevitabilmente dovuto compiere atti omicidi durante l'operazione. Si aspettavano anche che dei civili venissero uccisi e feriti in relazione ai combattimenti». Si perché l'obiettivo dei due era arrivare in Yemen e partecipare al conflitto attualmente in corso tra i ribelli Houthi e il Governo, e arrivare a stabilire fra i due un concordato di pace.

La situazione in Yemen - È in corso da sei anni una guerra civile tra il governo dello Yemen e il gruppo armato di ribelli Houthi, un movimento musulmano sciita. Secondo le organizzazioni umanitarie Unicef e Save the children, tra marzo 2015 e novembre 2020 le vittime tra i civili sono state 16'557.

I dati riferiscono di una situazione umanitaria prossima al collasso, con più di due milioni di bambini sotto i cinque anni che fanno fronte a una malnutrizione acuta. Le persone che hanno bisogno di assistenza sanitaria sono almeno 20mila e si stima che la metà di queste si trovi in un bisogno urgente di aiuto.

L'origine del conflitto risale a dieci anni fa, quando, durante la primavera araba del 2011, una rivolta, spiega Save the children, «ha costretto il presidente di lunga data, Ali Abdullah Saleh, a cedere il potere al suo vice, Abdrabbuh Mansour Hadi». Se ci aspettava che la situazione politica del Paese ritrovasse un equilibrio, negli anni la situazione è sempre più precipitata fino a che nel 2015 si è aggiunta al combattimento l'Arabia Saudita. Lì, le prima migliaia di civili hanno iniziato a perdere la vita sotto attacchi aerei.

Keystone
Guarda le 2 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
FOCUS
5 min
Che fine ha fatto l'AIDS?
Esiste da 40 anni. Un vaccino ancora non c'è. Perché? Intervista a Enos Bernasconi, viceprimario Malattie infettive ORL
Stati Uniti
9 ore
Sparatoria in un liceo: tre morti e sei feriti
La polizia ha fermato il killer, si tratterebbe di un ragazzo di 15 anni
FOTO
STATI UNITI
13 ore
«Sul quell'aereo ho trasportato diverse volte anche Bill Clinton»
Secondo giorno di processo per la vice di Epstein, alla sbarra il pilota della coppia: «Lei era chiaramente il numero 2»
AUSTRALIA
15 ore
In Parlamento, un dipendente su tre vittima di abusi sessuali
Il premier Scott Morrison ha commentato il rapporto: «Statistiche spaventose»
NORVEGIA
18 ore
A 10 anni dalla strage, Breivik continua a perseguitare i sopravvissuti
Anche le famiglie delle vittime continuano a ricevere lettere di minacce e di propaganda
ITALIA
20 ore
Long Covid, uno su due si sente sempre stanco
Uno studio evidenzia i sintomi più comuni per chi ha contratto il Covid: dolori, depressione e fatica a respirare
FOCUS
Cina
20 ore
Denuncia e poi scompare, il misterioso caso di Peng Shuai
La tennista, svanita dopo un'accusa di stupro alle alte sfere, è poi riapparsa. Ma i dubbi su quanto successo restano
STATI UNITI
23 ore
Omicron e vaccini: «calo sostanziale» dell'efficacia oppure no?
Il Ceo di Moderna Bancel prevede che la risposta sarà inferiore rispetto alla Delta. Più ottimismo, invece, da BioNTech
FOTO E VIDEO
Turchia
1 gior
Tempesta su Istanbul fa almeno quattro vittime e 38 feriti
Il maltempo oggi ha devastato la città, scoperchiando tetti e cappottando camion. Una tregua è prevista per mercoledì
ISRAELE / ITALIA
1 gior
Respinto il ricorso del nonno: il piccolo Eitan rientra in Italia
La conferma della Corte Suprema israeliana: il piccolo sopravvissuto alla tragedia del Mottarone sarà presto in Italia
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile