Reuters
Una donna di nome Hassina sul luogo della commemorazione, ricorda i suoi familiari morti durante la manifestazione
Francia
17.10.21 - 12:000

Il 17 ottobre 1961 una manifestazione per l'indipendenza dell'Algeria finiva con 200 morti per mano della polizia

Oggi la Francia commemora un massacro che pochi conoscono e sui cui bisogna fare ancora chiarezza

PARIGI - Colpiti con i manganelli, gettati nei fiumi e giustiziati con un colpo in testa. Erano scesi in piazza per chiedere l'indipendenza, ma la mattina dopo si contavano i morti. Il 17 ottobre 1961 avveniva per le strade di Parigi quello chi gli storici hanno definito la repressione statale più violenta della storia contemporanea europea nel contesto di una manifestazione.

Oggi si commemorano in Francia e in Algeria i 60 anni dal Massacro del 17 ottobre. Quel giorno del 1961 tra le 20 e le 40'000 persone erano scese a manifestare in appoggio al Fronte di liberazione nazionale dell'Algeria (Fln) per chiedere l'indipendenza della stessa. Le regole per chi si univa al gruppo era due: niente armi e niente violenza.

Emerse poi, anni dopo, che erano trapelate false informazioni. Nelle questure erano arrivate denunce di poliziotti aggrediti o uccisi dai manifestanti. Iniziò così una violenta repressione da parte dello Stato nei confronti di civili che esercitavano il loro diritto di manifestare.

La stampa subiva a quei tempi il peso della censura. Come spiega Le Monde, la prefettura di Parigi dichiarò che c'erano state tre vittime e così i giornali scrissero. Ma a 30 anni dal massacro, venne pubblicato un libro dalle edizioni Le Seuil dello storico Jean-Luc Einaudi che dichiarava che i morti ammontavano ad almeno 200. Molti storici sono d'accordo e in media i decessi evocati sono tra i 98 e i 200. I documenti ufficiali parlano di al massimo una cinquantina.

Così, nel 2001 il sindaco socialista di Parigi Bertrand Delanoë inaugurò una placca commemorativa «alla memoria dei numerosi algerini uccisi nella sanguinolenta repressione della manifestazione pacifica del 17 ottobre 1961». Nessun esponente dello Stato partecipò a quella giornata. Solo nel 2012, l'ex presidente François Hollande riconobbe nel racconto degli storici la verità in un comunicato stampa.

L'attuale presidente della Repubblica francese si è recato ieri sul luogo commemorativo, dove sono stati depositati dei fiori. In un comunicato diffuso dall'Eliseo si legge che «la repressione fu brutale, violenta e sanguinosa. Quasi 12'000 algerini furono arrestati. Ci furono feriti e decine di morti, i cui corpi vennero gettati nella Senna. Sono numerose le famiglie che non ritrovarono mai le salme dei propri cari. Il presidente francese rende omaggio alle vittime di quella notte».

Un contesto storico difficile - Tra il 1954 e il 1962 si è combattuta la guerra d'Algeria. Gli indipendentisti algerini erano guidati dal Fronte Nazionale di Liberazione. Ma dal '58 il fronte di combattimento venne spostato anche in Francia, dove l'Fln scatenò una serie di attentati.

Reuters
Guarda le 4 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
Stati Uniti
9 ore
Sparatoria in un liceo: tre morti e sei feriti
La polizia ha fermato il killer, si tratterebbe di un ragazzo di 15 anni
FOTO
STATI UNITI
12 ore
«Sul quell'aereo ho trasportato diverse volte anche Bill Clinton»
Secondo giorno di processo per la vice di Epstein, alla sbarra il pilota della coppia: «Lei era chiaramente il numero 2»
AUSTRALIA
14 ore
In Parlamento, un dipendente su tre vittima di abusi sessuali
Il premier Scott Morrison ha commentato il rapporto: «Statistiche spaventose»
NORVEGIA
18 ore
A 10 anni dalla strage, Breivik continua a perseguitare i sopravvissuti
Anche le famiglie delle vittime continuano a ricevere lettere di minacce e di propaganda
ITALIA
20 ore
Long Covid, uno su due si sente sempre stanco
Uno studio evidenzia i sintomi più comuni per chi ha contratto il Covid: dolori, depressione e fatica a respirare
FOCUS
Cina
20 ore
Denuncia e poi scompare, il misterioso caso di Peng Shuai
La tennista, svanita dopo un'accusa di stupro alle alte sfere, è poi riapparsa. Ma i dubbi su quanto successo restano
STATI UNITI
22 ore
Omicron e vaccini: «calo sostanziale» dell'efficacia oppure no?
Il Ceo di Moderna Bancel prevede che la risposta sarà inferiore rispetto alla Delta. Più ottimismo, invece, da BioNTech
FOTO E VIDEO
Turchia
1 gior
Tempesta su Istanbul fa almeno quattro vittime e 38 feriti
Il maltempo oggi ha devastato la città, scoperchiando tetti e cappottando camion. Una tregua è prevista per mercoledì
ISRAELE / ITALIA
1 gior
Respinto il ricorso del nonno: il piccolo Eitan rientra in Italia
La conferma della Corte Suprema israeliana: il piccolo sopravvissuto alla tragedia del Mottarone sarà presto in Italia
SUDAFRICA
1 gior
«Omicron? Sintomi più lievi, ma anziani e casi a rischio stiano attenti»
Le parole della dottoressa sudafricana che ha scoperto la nuova variante: «Preoccupati? No. Sul chi vive? Sì»
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile