Immobili
Veicoli
AFP
Uno scorcio di Beirut durante il blackout durato un giorno.
LIBANO
11.10.21 - 20:020

Tutto il Libano senza elettricità per un giorno intero

6 milioni di persone restate al buio per un problema energetico che persiste, i negozi: «Non ha più senso lavorare»

BEIRUT - Questo fine settimana in Libano è mancata la corrente, praticamente per un giorno di fila.

In queste lunghissime quasi 24 ore l'assenza di energia elettrica è stata totale e ha interessato tutte le strutture, anche quelle d'emergenza che hanno dovuto correre ai ripari. Per i 6 milioni di abitanti è stato praticamente un incubo.

Il motivo, riporta la NBC, era che non c'era più il carburante necessario per far funzionare le centrali energetiche. Per riaccendere le lampadine di tutto il Paese, è stato quindi necessario uno stanziamento extra da parte della Banca centrale di 100 milioni di dollari affinché fosse possibile approvvigionarli. 

Se in Europa e in generale nel mondo occidentale questo tipo di carenze di materie importanti (come benzina, carta o legname) sono una realtà manifestatasi solo dopo la crisi globale legata alla pandemia, per il paese mediorientale si tratta di una cosa endemica e che si trascina da lungo tempo. 

Il Libano, al momento, si trova in una sorta di circolo vizioso: fatto di blackout sporadici, crisi valutaria, mancanza di cibo e medicinali e ospedali perennemente affollati. L'unica cosa a prosperare, a scapito dell'economia reale, è il mercato nero.

Specchio di questa realtà diffusa è proprio Beirut - squassata e messa in ginocchio, strutturalmente ma non solo, dallo scoppio avvenuto ad agosto 2020 - dove manca quasi tutto e i negozi sono o semivuoti o chiusi, con la luce spenta. Sugli scaffali non c'è praticamente nulla, anche perché con l'elettricità che se ne va periodicamente, pensare di conservare prodotti è una follia.

«È una catastrofe», spiega all'emittente un commerciante della capitale, «frighi e congelatori non li accendo nemmeno più, dai grossisti non prendiamo più beni deperibili - tipo yogurt, formaggio o prosciutto - non possiamo rischiare. Se acquistiamo delle derrate troppo grosse poi finiscono per andare a male».

Quella della rete elettrica difettosa non è una novità per i libanesi, che hanno imparato a conviverci utilizzando i generatori a benzina. Ma facendosi raro, e caro, il carburante molti hanno semplicemente mollato.

«Non vengo più al negozio», racconta sempre alla Nbc una donna che gestisce un negozietto d'alimentari in un quartiere residenziale di Beirut, «ormai non posso più permettermi di attivare il generatore, non ha più senso... Ma tanto comunque nessuno ci viene più qui...»

AFP
Guarda le 3 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
BRASILE
1 ora
«Dovrebbero difenderli, non sterminarli»
Sotto accusa i funzionari del Dipartimento governativo degli Affari Indigeni (FUNAI) per un insabbiamento
RUSSIA / UCRAINA
9 ore
Russia-Ucraina: l'ottimismo scarseggia, ma si va avanti
La risposta fornita da Usa e Nato è invece stata gradita da Kiev: «Nessuna obiezione dal lato ucraino»
REGNO UNITO
11 ore
I reati sessuali sono in aumento. «Per il governo non è una priorità»
Nei primi nove mesi del 2021 in Inghilterra e in Galles sono stati denunciati quasi 70mila stupri
STATI UNITI
13 ore
Vietato dalla scuola un romanzo sull'Olocausto
L'autore Art Spiegelman, vincitore del premio Pulitzer, si è detto «sconcertato»
COSTA RICA
16 ore
Assalto no-vax all'ospedale per «salvare un bambino dal vaccino»
Una trentina di persone è riuscita a fare irruzione nel nosocomio, ma non ad arrivare al bambino al quarto piano
MONDO
19 ore
«I casi gravi sono dovuti alla coda della Delta»: lo studio
L'osservazione dell'Istituto di ricerca Altamedica sull'evoluzione della variante: «Dati veramente tranquillizzanti»
TAGIKISTAN
1 gior
Isolati dal mondo, i pamiri temono per la loro incolumità
Vivono in una regione del Tagikistan, e da novembre sono stati tagliati fuori dal mondo
UCRAINA / GERMANIA
1 gior
5000 elmetti all'Ucraina: «E poi che altro ci manderanno? Dei cuscini?»
Il sindaco di Kiev pensa che l'offerta di Berlino non sia altro che «uno scherzo»
GERMANIA
1 gior
Odio, crimine, violenza: ora Telegram rischia grosso
È in arrivo una stretta a livello politico: o i proprietari vanno incontro alle autorità, o rischiano il divieto totale
ITALIA
1 gior
Quirinale, anche la terza fumata è nera
Alla terza votazione, il presidente della Repubblica uscente ha ricevuto 125 voti. Da domani si abbassa il quorum.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile