keystone-sda.ch / STF (Antonio Calanni)
+1
SAN MARINO
26.09.21 - 14:170

E intanto a San Marino si vota per la depenalizzazione dell'aborto

È una delle poche nazioni in Europa dove è ancora illegale, si vota oggi dopo una battaglia politica lunga 18 anni

SAN MARINO - Sono state settimane intense a San Marino, quelle che hanno portato a questa domenica 26 settembre dove si vota per depenalizzare l'aborto.

La micronazione è una delle poche in Europa dove l'interruzione di gravidanza è praticamente sempre ritenuta un reato. Al momento un'interruzione di gravidanza è punibile - anche per il medico che la pratica - con una detenzione dai 3 ai 6 anni. Una norma, questa, in vigore dall'800 e che ha costretto per anni le sanmarinesi a recarsi in Italia, nella vicina Emilia Romagna, per abortire.

Se dovesse passare, il referendum - riuscito dopo 18 anni di attivismo e campagne politiche - reintrodurrai la facoltà di interrompere una gravidanza entro la 12esima settimana, dopo questo termine verrà concesso solo in caso di malformazioni fetali e/o di rischi per la salute della madre. Per l'approvazione non è necessario che venga raggiunto un quorum di presenze, ma semplicemente una maggioranza assoluta dei votanti.

A lottare a lungo per l'introduzione della è l'Unione delle donne Sanmarinesi (Uds) che ha dovuto fronteggiare la strenua opposizione della Democrazia Cristiana, partito maggioritario del Paese.

Vista l'immobilità politica, è stato necessario ricorrere alla carta del referendum raccogliendo le 3'000 firme necessarie: «Al momento siamo sotto grandissima pressione», conferma al Fatto Quotidiano la presidente dell'Uds, «il “no” ha dalla sua parte la DC, la Diocesi, Comunione e Liberazione, Azione Cattolica, tutta la Chiesa e anche il Papa. Se vinciamo è una bella vittoria».

San Marino, lo ricordiamo, ha 33'000 abitanti. Fortemente conservatore, è molto in ritardo rispetto all'Italia per quanto riguarda i diritti civili. Ha approvato il voto alle donne nel 1974 e il divorzio nel 1986.

keystone-sda.ch / STF (Antonio Calanni)
Guarda tutte le 5 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
AFGHANISTAN
4 ore
A otto anni con l'ombra della fame: «A volte dormo senza aver mangiato»
La testimonianza di una famiglia di Kabul, sentita da Save The Children: «Tutto è diventato costoso».
ARABIA SAUDITA
6 ore
Mohammed bin Salman suggerì di uccidere re Abdullah?
Lo ha dichiarato un ex alto funzionario dell'intelligence saudita alla trasmissione 60 Minutes
REGNO UNITO
9 ore
La talpa ed i "Facebook Papers", il social vede sempre più buio
Dopo il suo esposto negli Stati Uniti, l'ex dipendente ha oggi raggiunto anche i legislatori britannici
GERMANIA
11 ore
Sposò la causa dell'ISIS, condannata a dieci anni di carcere
La donna, oltre a far parte del gruppo estremista, avrebbe assistito senza agire all'omicidio di una bambina
ISRAELE
13 ore
Eitan dovrà tornare in Italia
La decisione di oggi del tribunale di Tel Aviv ha dato ragione alla zia paterna, ma il ricorso è molto probabile
MONDO
13 ore
Plastica: Coca-Cola e Pepsi sono i più grandi inquinatori al mondo
Terzo posto per Unilever, sponsor principale del vertice sul clima COP26, quarto posto per la svizzera Nestlé
SUDAN
15 ore
Premier in manette, scontri, fiamme e feriti. Cosa sta succedendo in Sudan?
Il paese africano si stava dirigendo verso un'elezione democratica, che è messa ora in pericolo dall'esercito
STATI UNITI
17 ore
Cosa è successo quel giorno sul set di “Rust”
Tanta maretta nella troupe, un aiuto regista superficiale e molto stress dietro a quelle riprese finite in tragedia
STATI UNITI
21 ore
Ripulire le strade "razziste", il sogno americano di Alex
Si punta il dito perfino contro le vie dedicate a Cristoforo Colombo
ITALIA
1 gior
Dallo sballo allo stupro, Ghb la droga che dilaga
Disinibire ma anche sedare fino quasi al coma, perché questo stupefacente non è mai stato così popolare
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile