Immobili
Veicoli
Uragano Ida declassato, ma c'è la prima vittima
Getty
+10
STATI UNITI
30.08.21 - 08:370
Aggiornamento : 12:31

Uragano Ida declassato, ma c'è la prima vittima

Paesi isolati, strade inagibili e un milione di persone senza elettricità: comincia la conta dei danni

NEW ORLEANS - L'Uragano Ida è stato declassato a categoria 2, ma questo non gli ha impedito di mietere la prima vittima in Louisiana. Si tratta di un cittadino di Prairieville, rimasto ucciso dalla caduta di un albero. 

I venti continuano a soffiare attorno ai 170 km/h, ma a preoccupare sono anche le abbondanti piogge, che stanno causando ingenti danni anche agli edifici e sulle strade, tra tetti scoperti, pali della luce e alberi abbattuti. 

Senza elettricità - Più di un milione di persone sono attualmente senza corrente elettrica, compresa l'intera città di New Orleans. Proprio in questi giorni ricorre il sedicesimo anniversario dall'arrivo dell'uragano Katrina.  

Per diverse città è stato emesso anche un allarme inondazione, man mano che Ida avanza. Ma gli argini costruiti proprio dopo Katrina sembrano reggere al momento, anche se in alcune zone l'acqua è straripata. Tuttavia numerosi cittadini sono rimasti isolati, con le strade inagibili anche ai mezzi di soccorso. 

Nel frattempo il presidente Joe Biden ha dichiarato lo stato di "grande disastro federale" per la Louisiana. La mossa permette di ricevere sovvenzioni in poco tempo destinate ad esempio agli alloggi temporanei. 

Danneggiati anche gli ospedali - Anche gli ospedali, già sotto pressione a causa della pandemia in uno degli Stati con il più basso tasso di vaccinazione, non sono sfuggiti all'ira di Ida. Alcuni nosocomi sono stati danneggiati dal mal tempo, e stanno provvedendo a trasferire i propri pazienti. 

Nel frattempo è cominciata la prima conta dei danni, anche se il percorso di Ida è solo all'inizio. L'indebolimento delle ultime ore però sembrerebbe scongiurare un Katrina 2. 

Reuters
Guarda tutte le 14 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
BRASILE
1 sec
«Dovrebbero difenderli, non sterminarli»
Sotto accusa i funzionari del Dipartimento governativo degli Affari Indigeni (FUNAI) per un insabbiamento
RUSSIA / UCRAINA
8 ore
Russia-Ucraina: l'ottimismo scarseggia, ma si va avanti
La risposta fornita da Usa e Nato è invece stata gradita da Kiev: «Nessuna obiezione dal lato ucraino»
REGNO UNITO
10 ore
I reati sessuali sono in aumento. «Per il governo non è una priorità»
Nei primi nove mesi del 2021 in Inghilterra e in Galles sono stati denunciati quasi 70mila stupri
STATI UNITI
12 ore
Vietato dalla scuola un romanzo sull'Olocausto
L'autore Art Spiegelman, vincitore del premio Pulitzer, si è detto «sconcertato»
COSTA RICA
15 ore
Assalto no-vax all'ospedale per «salvare un bambino dal vaccino»
Una trentina di persone è riuscita a fare irruzione nel nosocomio, ma non ad arrivare al bambino al quarto piano
MONDO
18 ore
«I casi gravi sono dovuti alla coda della Delta»: lo studio
L'osservazione dell'Istituto di ricerca Altamedica sull'evoluzione della variante: «Dati veramente tranquillizzanti»
TAGIKISTAN
1 gior
Isolati dal mondo, i pamiri temono per la loro incolumità
Vivono in una regione del Tagikistan, e da novembre sono stati tagliati fuori dal mondo
UCRAINA / GERMANIA
1 gior
5000 elmetti all'Ucraina: «E poi che altro ci manderanno? Dei cuscini?»
Il sindaco di Kiev pensa che l'offerta di Berlino non sia altro che «uno scherzo»
GERMANIA
1 gior
Odio, crimine, violenza: ora Telegram rischia grosso
È in arrivo una stretta a livello politico: o i proprietari vanno incontro alle autorità, o rischiano il divieto totale
ITALIA
1 gior
Quirinale, anche la terza fumata è nera
Alla terza votazione, il presidente della Repubblica uscente ha ricevuto 125 voti. Da domani si abbassa il quorum.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile