Depositphotos (AndreyPopov)
Un'inchiesta giornalistica ha portato alla luce l'uso di un malware contro attivisti, giornalisti e politici.
MONDO
18.07.21 - 19:010

Spiati senza saperlo: scoppia il caso Pegasus

Vari governi avrebbero messo sotto sorveglianza giornalisti, politici e attivisti dei diritti civili

LONDRA - Un'indagine giornalistica, partita da una fuga di notizie, ha permesso di svelare come attivisti per i diritti umani, reporter e avvocati siano stati messi sotto sorveglianza da parte di alcuni governi. In che modo? Tramite «l'abuso diffuso e continuo» di un malware di nome Pegasus, venduto dalla società di sorveglianza israeliana NSO Group e che consente di estrarre dagli smartphone - sia iPhone che Android - foto, messaggi ed e-mail, ma anche di registrare chiamate e far partire il microfono all'insaputa del proprietario.

NSO Group assicura che Pegasus è destinato esclusivamente alla lotta della criminalità e del terrorismo, ma i documenti a cui hanno avuto accesso prima Forbidden Stories e Amnesty International, poi un consorzio di oltre una dozzina di media compreso il britannico Guardian, lascia intendere qualcosa di diverso. Comprendono un elenco di 50mila numeri di telefono che sarebbero stati "acquisiti" tramite Pegasus.

Le identità delle persone il cui numero compare nell'elenco saranno pubblicate nei prossimi giorni. Si tratta di funzionari governativi, sindacalisti, accademici, personale di organizzazioni non governative, dirigenti aziendali, religiosi e anche soggetti politici con incarichi di rilievo. Compresi presidenti e primi ministri. Ci sarebbero anche i familiari stretti di un sovrano, messi sotto controllo probabilmente dallo stesso monarca. I giornalisti che compaiono nell'elenco sono oltre 180, appartenenti a quasi tutte le testate più autorevoli del pianeta.

I governi ritenuti clienti di NSO Group sono almeno 10: Azerbaigian, Bahrain, Kazakistan, Messico, Marocco, Ruanda, Arabia Saudita, Ungheria, India ed Emirati Arabi Uniti. Più di 15mila numeri di telefono sono di provenienza messicana, dove è noto che Pegasus è stato acquistato da varie agenzie governative.

NSO Group - che commercializza Pegasus solo ad agenzie d'intelligence, forze di polizia e forze armate in 40 nazioni - ha replicato, bollando come «false affermazioni» le presunte attività illecite dei suoi clienti e descrivendo la cifra di 50mila numeri come «esagerata».

TOP NEWS Dal Mondo
ITALIA
7 ore
Violenza sessuale sul treno e in stazione: due arresti
Si tratta di due giovani, un italiano e un nordafricano
FOTO
FRANCIA
8 ore
«La riconquista è ormai cominciata»
Tensione al primo comizio di Eric Zemmour da candidato all'Eliseo: manifestanti antirazzisti hanno fatto irruzione
FOTO
STATI UNITI
11 ore
1 milione di cauzione per i genitori del ragazzo autore della strage nel liceo di Oxford
I due, che si erano dati alla macchia, sono accusati di omicidio involontario plurimo. I nuovi dettagli dell'inchiesta
STATI UNITI
16 ore
Come l'ombra di Jeffrey Epstein potrebbe salvare Ghislaine Maxwell
Conclusa la prima settimana di processo facciamo un riassunto e tentiamo di capire come potrebbero andare le prossime
INDONESIA
18 ore
Eruzione del Semeru, i morti sono almeno 13
Le operazioni di soccorso proseguono. Estratte dalle macerie 10 persone vive. Quasi una sessantina i feriti
REGNO UNITO
1 gior
Feste nonostante le restrizioni: Boris Johnson segnalato alla polizia
La Metropolitan Police sta valutando le segnalazioni di due parlamentari laburisti
GERMANIA
1 gior
Trovati cinque cadaveri all'interno di un'abitazione
Il fatto è avvenuto a Königs Wusterhausen, a sud di Berlino: si tratta di due adulti e tre bambini
Stati Uniti
1 gior
Incriminati i genitori del killer di Oxford
La scuola li aveva convocati per esprimere alcune preoccupazioni. Irreperibili per alcune ore, sono stati arrestati
Italia
2 gior
Si spengono i riflettori sul piccolo Eitan. Dopo 84 giorni è tornato a casa
La famiglia: «Ora ha bisogno di serenità e tranquillità per affrontare un percorso di recupero delicato»
Regno Unito
2 gior
Avevano torturato un bimbo fino alla morte, condannati
Arthur Labinjo-Hughes aveva solo sei anni. Il padre con la fidanzata gli hanno fatto subire «crudeli abusi»
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile