Immobili
Veicoli
KEYSTONE
Matteo Renzi è indagato dalla procura di Roma per finanziamento illecito.
ITALIA
13.07.21 - 18:370

Matteo Renzi indagato per finanziamento illecito

L'inchiesta della procura di Roma riguarda anche il manager Lucio Presta

ROMA - L'ex premier italiano Matteo Renzi è indagato per finanziamento illecito e false fatturazioni insieme al manager dei vip Lucio Presta. Lo rende noto un'anticipazione del quotidiano 'Domani', secondo cui «la procura di Roma ha iscritto il leader di Italia Viva nel registro degli indagati qualche settimana fa, in merito a un'inchiesta sui rapporti economici tra Renzi e l'agente televisivo».

Al centro dell'indagine, secondo il giornale, i bonifici del documentario "Firenze secondo me", che finirono nel 2019 in una relazione dell'antiriciclaggio dell'Unità d'informazione finanziaria (Uif).

L'Espresso segnalò due anni fa come Presta, per il progetto televisivo andato in onda su Discovery, «girò a Renzi quasi mezzo milione di euro, una cifra che appariva fuori mercato. Non solo - sottolinea 'Domani' - se rapportata alle somme pagate da conduttori di fama come Alberto Angela, ma anche messa a confronto con quanto incassato dai Presta da Discovery: se al tempo fonti interne all'emittente rivelarono che il documentario presentato dal politico era stato comprato per poche migliaia di euro, oggi si scopre che l'Arcobaleno Tre (la società di Presta e del figlio Niccolò, anche lui indagato) ha fatto a Discovery una fattura da appena mille euro, che tra l'altro non risulta ancora incassata».

In pratica, afferma il quotidiano, «il documentario, costato quasi un milione di euro tra compenso per Renzi e spese di produzione, a oggi non ha incassato nulla. I soldi ottenuti dall'amico Presta, già organizzatore della Leopolda, servirono invece a Renzi, nell'autunno del 2018, a restituire parte del prestito da 700mila euro che aveva ricevuto dalla famiglia Maestrelli per l'acquisto della villa di Firenze. Un prestito anomalo che finì nelle maglie dell'antiriciclaggio (i soldi furono bonificati dai Maestrelli attraverso il conto corrente dell'anziana madre e da qui finirono su quelli dei Renzi), ma in quel caso la procura di Firenze non ravvisò gli estremi del finanziamento illecito, nonostante nel bilancio 2018 dell'azienda dei Maestrelli da cui partì la provvista il destinatario finale del prestito (un politico) non era stato segnalato come vuole la legge sul finanziamento alla politica».

«Presta, al tempo - scrive sempre il quotidiano - si giustificò dicendo che per lui l'operazione 'Firenze secondo me' era un investimento nel tempo, e che i diritti sul documentario (che fece meno del 2% di share) avevano a suo giudizio un valore economico di rilievo, e insindacabile. Renzi dal canto suo ha sempre spiegato al suo entourage che non è affar suo se Presta vuole pagarlo come una star del cinema al pari di Benigni o Giancarlo Giannini».

La procura di Roma, però, rileva il giornale, «vuole vederci chiaro sulla regolarità dell'operazione. I sospetti maggiori non riguardano tanto il documentario, visto che il prodotto - al di là dei compensi anomali e fuori mercato per il conduttore-autore - è certamente stato realizzato e messo in onda. I dubbi toccano soprattutto - scrive 'Domani' - altri due contratti e relativi bonifici da centinaia di migliaia di euro a favore di Renzi, scoperti dopo una verifica fiscale nella sede dell'Arcobaleno Tre. Denaro versato dalla società del manager all'ex premier per la cessione dei diritti d'immagine e per alcuni progetti televisivi che i due avrebbero dovuto fare insieme».

Nel decreto di perquisizione ai Presta e alla loro Arcobaleno Tre, i pubblici ministeri Alessandro Di Taranto e Gennaro Varone «parlano infatti di 'rapporti contrattuali fittizi, con l'emissione e l'annotazione di fatture relative a operazioni inesistenti, finalizzate anche alla realizzazione di risparmio fiscale, consistente nell'utilizzazione quali costi deducibili inerenti all'attività d'impresa costi occulti del finanziamento della politica'. I programmi ipotizzati non sono infatti mai stati fatti, e soprattutto - conclude il quotidiano - i pagamenti al politico non sono stati iscritti al bilancio».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
REGNO UNITO
10 ore
«A Downing Street si beveva ogni venerdì sera»
Il "Partygate" continua far discutere: mentre Johnson pensa a licenziamenti e divieti, molti chiedono la sua rimozione
STATI UNITI
13 ore
«Questo virus rimarrà con noi, probabilmente per sempre»
Parola di Robert Wachter, una delle voci più ascoltate sulla pandemia negli Usa
STATI UNITI
20 ore
Il ritorno di Trump: «Riprendiamoci l'America»
Durante un comizio in Arizona ha rispolverato tutti i suoi argomenti da campagna elettorale
STATI UNITI
21 ore
Ostaggi salvi, morto il sequestratore
È finito l'incubo nella sinagoga di Colleyville in Texas. Le forze speciali sono entrate in azione
TONGA
1 gior
Eruzione sottomarina, onde alte più di un metro raggiungono il Giappone
Piccole inondazioni si sono verificate anche alle Hawaii, e le spiagge sono state chiuse
LIVE CORONAVIRUS
1 gior
«Bisogna concentrarsi sulla variante Delta, che determina casi più gravi»
«La variante Delta è ancora presente e se andassimo ad un livello di contagio più alto rappresenterebbe un problema»
TONGA
1 gior
Potente eruzione sottomarina, uno tsunami colpisce Tonga
Si segnalano già onde alte oltre un metro che s'infrangono sulle case della capitale, Nuku'alofa
AUSTRALIA
1 gior
Nole è di nuovo in detenzione
Lo fanno sapere i suoi avvocati. Oggi per Djokovic sarà il giorno della verità?
AUSTRALIA
2 gior
Nole espulso: «Maltrattato un intero Paese»
Il campione serbo ha un piede e mezzo fuori dal primo Slam stagionale dopo che l'Australia gli ha ancora tolto il visto.
STATI UNITI
2 gior
Netflix vuole colonizzare l'Asia
Il successo di Squid Game potrebbe fungere da cavallo di Troia: «L'obiettivo è arrivare a mezzo miliardo di utenti».
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile