Immobili
Veicoli
Depositphotos (AntonMatyukha)
Un ex giurato è stato condannato per aver diffuso il verdetto di un processo, prima che fosse pronunciato dal giudice.
FRANCIA
15.06.21 - 18:490

Condannato per aver rivelato una sentenza su Snapchat

I due uomini che hanno influenzato l'ex giurato sono stati giudicati colpevoli

BOBIGNY - Un ex giurato di un processo è stato condannato a 10 mesi di carcere sospesi per aver diffuso su Snapchat un verdetto di condanna, prima che fosse pronunciato dal giudice. Altri due uomini sono finiti alla sbarra, con l'accusa di aver voluto influenzare la sua decisione.

Il caso è stato dibattuto oggi al tribunale correzionale di Bobigny, alle porte di Parigi. I fatti in questione, spiegano i media francesi, risalgono al febbraio 2019: la corte d'assise del dipartimento della Senna-Saint-Denis condannò due persone e ne prosciolse altri sei, per una vicenda di tortura legata al traffico di droga. Il giudizio «relativamente clemente» sorprese molti dei presenti, mentre si diffuse immediatamente la voce che il verdetto era già circolato su Snapchat prima del rientro in aula della giuria.

Il verdetto è stato sostanzialmente confermato nel processo d'appello, ma la convinzione della «difficoltà di giudicare i criminali nella Senna-Saint-Denis», come affermato dal presidente della Corte d'assise Philippe Jean-Draeher, ha portato al procedimento che si è chiuso oggi. L'ex giurato, un 25enne, ha ammesso di aver divulgato l'esito del procedimento: «Ho inviato un breve messaggio senza pensare alle conseguenze».

A influenzarlo sono stati due esponenti della criminalità organizzata del suo quartiere, che hanno parlato con l'uomo per diverse ore il giorno prima della sentenza. I due si sono difesi, dicendo di aver solamente voluto percepire «la temperatura del processo». Una tesi che non ha convinto il giudice, che li ha condannati a due anni di reclusione e a cinque anni d'interdizione dai pubblici uffici.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
LIVE CORONAVIRUS
LIVE
La vaccinazione in Austria diventa obbligatoria
La misura entrerà in vigore dal prossimo 4 febbraio. È il primo Paese europeo a introdurla
BRASILE
6 ore
Sono tanti, sono armati e hanno preso il controllo delle favelas
Le autorità hanno lanciato un programma per «cambiare la vita della popolazione» delle favelas di Rio
GERMANIA
10 ore
Abusi nella Chiesa tedesca, «Ratzinger non agì in 4 casi»
Un rapporto stilato da uno studio legale fa luce sia su chi avrebbe perpetrato gli atti, sia su chi li avrebbe occultati
ITALIA
12 ore
Italia: da oggi serve il Green pass per entrare da parrucchieri ed estetisti
Da febbraio sarà presumibilmente necessario il certificato per accedere ad uffici, servizi e negozi non essenziali
MONDO
12 ore
I morti per Covid-19 potrebbero essere molti di più di quello che pensiamo
Le vittime della pandemia, secondo un confronto pubblicato su Nature, potrebbero essere arrivate a quota 20 milioni
TONGA
14 ore
Travolto dallo tsunami, racconta un'odissea di 24 ore
L'incredibile storia narrata da un 57enne tongano ad un'emittente radio locale
STATI UNITI
15 ore
«Un'invasione dell'Ucraina? Putin la pagherà a caro prezzo»
L'ipotesi di Joe Biden è che la Russia stia per entrare in Ucraina, ma «sarà una decisione che pagherà a caro prezzo»
FOTO
NUOVA ZELANDA
16 ore
Quel che resta di Tonga, nelle prime foto da terra
I soccorsi sono infine riusciti ad arrivare, altri arriveranno presto, mentre sull'isola l'acqua inizia a scarseggiare
SRI LANKA
18 ore
Il dilemma dello Sri Lanka: ripagare il debito o comprare i beni essenziali?
La mancanza dei turisti stranieri causa Covid (e dei dollari) ha causato una reazione a catena, con effetti devastanti
MONDO
23 ore
La resistenza agli antibiotici uccide più di 1,2 milioni di persone ogni anno
È quanto emerso dal primo studio che ha valutato a livello globale il fenomeno
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile