Reuters
Michael O'Leary, amministratore delegato di Ryanair. Sullo sfondo l'aereo sulla pista di Minsk il giorno del dirottamento.
REGNO UNITO / BIELORUSSIA
15.06.21 - 21:000
Aggiornamento : 16.06.21 - 13:18

«Al pilota non fu lasciata alcuna scelta»

Michael O'Leary, Ceo di Ryanair, ha parlato di fronte a una commissione parlamentare sul dirottamento del 23 maggio.

Al pilota fu detto che «se il velivolo fosse entrato nello spazio aereo lituano o avesse tentato l'atterraggio a Vilnius, una bomba che si trovava a bordo sarebbe stata fatta esplodere». Inutili i suoi tentativi di contattare la compagnia: da Minsk dissero «non risponde nessuno».

LONDRA - Già all'indomani dell'atterraggio forzato a Minsk imposto al volo Ryanair, su cui si trovava il giornalista bielorusso Roman Protasevich, l'amministratore delegato della compagnia aerea, Michael O'Leary, aveva parlato senza perdersi in tanti giri di parole di un «dirottamento sponsorizzato dallo Stato». E il pilota, ha aggiunto oggi, non avrebbe potuto fare nulla per opporsi.

Il volo Ryanair FR4978 era decollato lo scorso 23 maggio da Atene, diretto verso la capitale lituana, Vilnius. Il viaggio - ha spiegato O'Leary a una commissione di parlamentari del Regno Unito - ha subito un improvviso cambio di programma quando il velivolo si trovava a una decina di chilometri dal confine lituano.

«Non risponde nessuno»
All'uomo che si trovava ai comandi, l'ufficio del controllo del traffico aereo di Minsk ha detto di aver ricevuto «una minaccia credibile», sul fatto che «se il velivolo fosse entrato nello spazio aereo lituano o avesse tentato l'atterraggio presso l'aeroporto di Vilnius, una bomba che si trovava a bordo sarebbe stata fatta esplodere». Il pilota però ha tergiversato, chiedendo a più riprese di poter parlare con il controllo operazioni della propria compagnia. Senza fortuna.

Dalla torre si sarebbe infatti sentito dire che nessuno negli uffici di Ryanair in Polonia - dove, ha spiegato O'Leary, vengono solitamente deviati i voli in questa area in caso di necessità - aveva risposto al telefono. Da Minsk la minaccia era stata indicata come un allarme rosso e questo «non ha lasciato alternative» al pilota del volo FR4978, che alle 9.46 di quella domenica mattina ha modificato la rotta per fare scalo nella capitale bielorussa.

L'aereo, decollato alle 7.29 di quella mattina, è arrivato a Vilnius solo alle 18.26 di domenica pomeriggio. Con cinque passeggeri in meno: Protasevich, la compagna e tre presunti agenti dei servizi segreti. Il manager irlandese, riporta la BBC, ha aggiunto che l'intero equipaggio avrebbe subito pressioni affinché confermasse in video di aver volontariamente deviato la rotta fino a Minsk. Loro però si sono rifiutati di farlo.

Per Minsk non vi fu alcun dirottamento
Il governo bielorusso, che aveva immediatamente preso le distanze dalle accuse, mantiene la propria linea. Proprio ieri, il numero uno delle forze aeree di Minsk, Igor Golub, ha affermato che quel giorno non fu intercettato alcun volo. «Non vi fu alcun dirottamento e nessun atterraggio forzato per il volo Ryanair», citando i dati strumentali del traffico aereo. Inutile dire che la posizione di Minsk non ha per nulla convinto le autorità internazionali, che hanno più volte richiamato il presidente Alexander Lukashenko, chiedendo la liberazione di Protasevich.

Durante la plenaria dell'Europarlamento della scorsa settimana, il presidente del Consiglio europeo, Charles Michel, è tornato sulla questione, assicurando che l'Unione europea «non si darà pace fino a quando Roman Protasevich e tutti i prigionieri politici non saranno rilasciati» e rivolgendo dure parole all'indirizzo di Minsk. «Un dirottamento è pirateria. Quando ci sono 171 passeggeri a bordo, diventa un rapimento. E quando ad attuarlo è uno stato, si tratta di pirateria di stato e di sequestro», disse l'ex premier belga. «E per cosa? Per mettere le mani su di un giovane giornalista e la sua compagna, in quanto la loro libertà di parola risulta intollerabile per il signor Lukashenko».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
FOTO
SPAGNA
7 ore
La promessa di Felipe agli abitanti di La Palma
Prosegue l'eruzione del vulcano Cumbre Vieja
ITALIA
10 ore
Trattativa Stato-Mafia, ribaltata la sentenza di primo grado
Assolti gli alti ufficiali dei Carabinieri e anche Marcello Dell'Utri
REGNO UNITO
12 ore
L'immunità renderà il Covid simile a una comune sindrome influenzale?
«Il peggio dovrebbe essere passato», assicurano due esperti
SONDAGGIO
GERMANIA
12 ore
Niente stipendio ai No-vax in quarantena: «È corretto così»
La decisione tedesca è stata molto criticata ma il governo la difende: «Non deve pagare la società». Tu che ne pensi?
ITALIA
14 ore
Il Green pass passa, senza problemi, anche in Senato
Il decreto per l'introduzione dell'obbligo nelle scuole e sui mezzi di trasporto è stato approvato dal Senato
MONDO
17 ore
A caccia di streghe
Non siamo più nel medioevo ma il sospetto e la superstizione uccidono e mutilano ancora, migliaia di persone ogni anno
FOTO
ISRAELE
18 ore
Eitan per ora resterà in Israele
Lo hanno deciso in tribunale questa mattina le due famiglie che si contendono il piccolo, il processo al via a ottobre
REGNO UNITO
20 ore
«È l'ultima chance per l'umanità»
I Paesi devono assumersi la responsabilità «per la distruzione che affliggono, non solo al pianeta ma anche a sé stessi»
MONDO
23 ore
Aria inquinata? Più pericolosa del previsto
L'Organizzazione mondiale della sanità ha ridotto i livelli massimi di sicurezza di varie sostanze
BRASILE
1 gior
Un suo ministro è positivo: Bolsonaro in isolamento
All'Onu stanno cercando di tracciare i contatti di Marcelo Queiroga. Ci sarebbe anche Boris Johnson
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile