keystone-sda.ch
Alcuni agenti di polizia sorvegliano la sponda del Gange, dove sono stati recuperati i corpi.
INDIA
11.05.21 - 16:400

I corpi nel Gange, un'altra triste "foto" dall'India

Stando agli abitanti, sarebbero stati gettati in acqua per via dell'impossibilità di cremarli

Il sospetto è che si trattasse di persone morte a causa del Covid-19. Gli accertamenti ufficiali però non hanno ancora potuto stabilirlo.

NUOVA DELHI - Le immagini delle pire incendiate nelle strade di Nuova Delhi sembravano essere il ritratto più brutale e significativo della gravità dell'emergenza pandemica che l'India sta attraversando in queste settimane. Centinaia di corpi dati alle fiamme ogni giorno, perché il ritmo dei decessi non permette ai crematori di tenere il passo del coronavirus. Ma si va oltre.

Nel nord del Paese asiatico, le acque del fiume Gange hanno restituito oltre una settantina di corpi - ma secondo alcuni media locali potrebbero essere anche di più - nelle scorse ore. Le condizioni in cui sono stati recuperati, hanno rivelato le autorità sanitarie, suggeriscono che le salme si trovassero in acqua da almeno tre o quattro giorni.

Gli accertamenti condotti fino a questo momento non hanno ancora permesso di identificare le esatte cause dei decessi, in particolare «per via dell'avanzato stadio di decomposizione». Il sospetto è che si trattasse di persone morte a causa del Covid-19. E stando alle testimonianze raccolte dagli abitanti da parte dell'agenzia AFP si pensa che i corpi siano stati gettati nel fiume per via dell'impossibilità di cremarli o per il fatto che le condizioni economiche di alcune famiglie non permettono loro di acquistare la legna necessaria per una pira funeraria.

Nell'attesa di una conferma ufficiale da parte delle autorità, l'immagine entra di diritto nel triste "album" degli orrori di questa seconda ondata indiana, che - lo ricordiamo - sta facendo registrare in questi giorni una media di circa 4'000 morti ogni 24 ore. E si tratta di cifre che secondo gli esperti, considerata la diffusione sempre più massiccia del virus anche nelle zone rurali, potrebbero essere molto più alte. Al momento nelle statistiche ufficiali si contano 250mila morti. E stando a un editoriale pubblicato dalla rivista medica The Lancet, entro l'inizio di agosto si potrebbe raggiungere la soglia del milione.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
RUSSIA
39 min
«Quest'elezione equivale ad insultare i cittadini»
Navalny e i suoi alleati, ma non solo, hanno accusato il partito di Putin di aver «falsificato» il voto
UNIONE EUROPEA
1 ora
«Fu la Russia a uccidere Litvinenko»
Lo sostiene la Corte europea per i diritti dell'uomo, ad avvelenare l'ex-KGB con il polonio «agenti dello Stato russo»
Messico
4 ore
Frustati e caricati con i cavalli, i metodi di repressione migratoria
La portavoce della Casa Bianca: «un'inchiesta verrà aperta». Non è chiaro se ci saranno delle conseguenze per gli agenti
MONDO
6 ore
Cibi a rischio col cambiamento climatico
Iniziano a scarseggiare determinati prodotti alimentari a causa delle problematiche legate al clima.
GERMANIA
14 ore
Uccide commesso che non lo aveva servito perché senza mascherina
Una volta arrestato, il 49enne ha ammesso di aver agito per la rabbia causata dal rifiuto
STATI UNITI
17 ore
Trovato un corpo: potrebbe appartenere a Gabby Petito
Da qualche giorno non si hanno più notizie nemmeno del fidanzato Brian Laundrie
RUSSIA
19 ore
«Non è un attacco terroristico». Perm, il movente è l'odio
Le condoglianze del presidente Putin alle famiglie delle vittime. «Una tragedia enorme»
FOTO
SPAGNA
21 ore
«L'eruzione di Palma ha materia e intensità sufficiente per durare settimane»
L'allarme dell'Istituto geologico, intanto il fiume di lava inghiotte case (e scuole) nella sua corsa verso il mare
Afghanistan
1 gior
Sotto i talebani, i bambini nascono al buio e le madri muoiono
Ogni 10'000 nuovi nati, 638 donne perdono la vita. Secondo le Nazioni Unite è un numero destinato a crescere
FOTO E VIDEO
RUSSIA
1 gior
All'università armato fino ai denti, e fa una strage
Un giovane sparatore ha seminato morte e panico nel campus di Perm, negli Urali.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile