keystone-sda.ch / STF (Felipe Dana)
+1
SPAGNA
21.02.21 - 08:110

Un'altra notte di scontri a Barcellona

La protesta pacifica per l'arresto di Pablo Hasél è degenerata in saccheggi e atti di vandalismo

BARCELLONA - Ancora disordini e saccheggi in centro a Barcellona, in una quinta notte di proteste dopo l'arresto del rapper Pablo Hasél. Momenti di tensione si registrano anche in altre città della Spagna, come Tarragona, nel nordest, e Pamplona, al nord.

A Barcellona, circa 6000 persone - secondo la polizia municipale - si sono riunite per manifestare il proprio dissenso rispetto alla decisione dei giudici di condannare Hasél per «apologia di terrorismo» e «vilipendio alla monarchia e alle istituzioni dello Stato».

Come già successo nelle quattro precedenti serate, poco dopo le ore 20.00 piccoli gruppi di dimostranti violenti hanno preso progressivamente il posto dei manifestanti pacifici. Si sono ripetute di nuovo scene di saccheggi ad alcuni negozi, in particolare in Passeig de Gracia, uno dei corsi principali del centro città, dove alcune persone hanno anche cercato di abbattere il portone della Borsa di Barcellona e appiccare un piccolo fuoco, presto spento dai pompieri. Anche il Palau de la Música è stato bersaglio dei manifestanti.

La polizia catalana ha messo in atto oggi un forte dispositivo di sicurezza per cercare di evitare che la situazione degeneri. Si sono viste barricate erette dai dimostranti, moto rovesciate e lancio di oggetti contro gli agenti. 31 le persone arrestate a Barcellona, secondo El Pais, due a Tarragona e una a Lleida. 13 persone sono rimaste ferite o contuse e per due si è reso necessario il ricovero in ospedale.

 

 

keystone-sda.ch / STF (Felipe Dana)
Guarda tutte le 5 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
CINA
2 ore
Vaccino ai bimbi dai tre anni e lockdown, la stretta cinese
Diversi focolai sono emersi dal 17 ottobre in diverse parti della Cina, a causa di alcuni turisti
MONDO
3 ore
«La salute deve diventare una priorità»
La lezione appresa dopo la pandemia è che il settore sanitario deve tornare al centro delle attività economiche
ITALIA
5 ore
Quella terza dose sempre più «scenario verosimile»
Con i contagi che rialzano la testa, è fra le misure tenute in considerazione, Brusaferro: «Ci faremo trovare pronti»
AFGHANISTAN
13 ore
A otto anni con l'ombra della fame: «A volte dormo senza aver mangiato»
La testimonianza di una famiglia di Kabul, sentita da Save The Children: «Tutto è diventato costoso».
ARABIA SAUDITA
16 ore
Mohammed bin Salman suggerì di uccidere re Abdullah?
Lo ha dichiarato un ex alto funzionario dell'intelligence saudita alla trasmissione 60 Minutes
REGNO UNITO
18 ore
La talpa ed i "Facebook Papers", il social vede sempre più buio
Dopo il suo esposto negli Stati Uniti, l'ex dipendente ha oggi raggiunto anche i legislatori britannici
GERMANIA
20 ore
Sposò la causa dell'ISIS, condannata a dieci anni di carcere
La donna, oltre a far parte del gruppo estremista, avrebbe assistito senza agire all'omicidio di una bambina
ISRAELE
22 ore
Eitan dovrà tornare in Italia
La decisione di oggi del tribunale di Tel Aviv ha dato ragione alla zia paterna, ma il ricorso è molto probabile
MONDO
22 ore
Plastica: Coca-Cola e Pepsi sono i più grandi inquinatori al mondo
Terzo posto per Unilever, sponsor principale del vertice sul clima COP26, quarto posto per la svizzera Nestlé
SUDAN
1 gior
Premier in manette, scontri, fiamme e feriti. Cosa sta succedendo in Sudan?
Il paese africano si stava dirigendo verso un'elezione democratica, che è messa ora in pericolo dall'esercito
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile