keystone-sda.ch (CLAUDIO PERI)
Tre vittime di pedofilia hanno citato in giudizio la gerarchia ecclesiastica australiana ma anche il Papa.
AUSTRALIA
28.11.20 - 08:300

Vittime di un prete pedofilo citano in giudizio la Chiesa australiana ma anche il Papa

Secondo il loro avvocato è un modo per mettere il Vaticano di fronte alle proprie responsabilità

SYDNEY - Papa Francesco, oltre all'arcivescovo di Melbourne Peter Comensoli e la stessa arcidiocesi di Melbourne, sono citati in giudizio davanti alla Corte Suprema dello stato di Victoria da tre uomini aborigeni che da bambini subirono abusi sessuali dal prete pedofilo Michael Glennon.

Questi sostengono che il Vaticano fosse a conoscenza dei reati commessi da Glennon contro i minori, ma non gli abbia tolto il sacerdozio, anche dopo la sua condanna a due anni di carcere nel 1978 per abusi e violenze sessuali commessi su 15 minori. Lo riporta oggi il Sydney Morning Herald, notando che si tratta del primo caso conosciuto in Australia in cui vittime di abusi commessi dal clero chiamino a rispondere il pontefice per il mancato intervento della Chiesa in azioni decisive contro i predatori pedofili. Se il caso avesse successo, sarebbe la prima volta che un tribunale australiano punisce la Chiesa, come giudizio distinto dall'obbligo di risarcire le vittime.

I tre querelanti, che non possono essere identificati, affermano di aver subito, a causa degli abusi, impatti significativi e che hanno ancora delle conseguenze come la tossicodipendenza, il rimanere senza tetto e senza lavoro. E chiedono risarcimenti e danni punitivi. Il loro avvocato, Angela Sdrinis, è in attesa che i rappresentanti della Santa Sede in Australia accettino la notifica del mandato per conto del Pontefice. «Si tratta di fare in modo che il Papa e il Vaticano accettino le proprie responsabilità», ha detto.

«Quale possibile scusa possono avanzare per non aver riportato Glennon allo stato laico?», chiede il legale che aggiunge che l'arcidiocesi di Melbourne aveva ritirato le facoltà di sacerdote dopo la condanna nel 1978, ma solo il Vaticano avrebbe avuto il potere di laicizzarlo.

TOP NEWS Dal Mondo
AUSTRIA
4 min
Addio a Langes-Swarovski, il re dei cristalli
L'imprenditore è stato alla guida dell'azienda per 35 anni
MONDO
7 min
Blockchain più forte del Covid
Non si è fermato lo sviluppo delle tecnologie, neanche in questi tempi di pandemia
MONDO
19 min
Varianti che provano a «nascondersi» dagli anticorpi
Le mutazioni provenienti da Sudafrica e Brasile sotto la lente degli esperti: «Sequenziare il più possibile»
ITALIA
1 ora
Asia Argento accusa il regista Rob Cohen: «Abusò di me facendomi bere la droga dello stupro»
È la più clamorosa delle rivelazioni contenuta nell'autobiografia che uscirà nelle librerie il 26 gennaio
ITALIA
1 ora
Armi da guerra, esplosivi e 45kg di droga in un garage
La polizia ha requisito l'arsenale e arrestato tre uomini
GERMANIA
2 ore
Gruppo Volkswagen sanzionato per oltre 100 milioni di euro
Le sanzioni riguardano il superamento del limite di emissione di Co2
STATI UNITI
2 ore
Effetto Covid, le case non sono mai state così pulite
Con la pandemia negli Stati Uniti è boom per saponi liquidi e detergenti
STATI UNITI
4 ore
Impeachment, qualcuno già lo chiede per Biden
La richiesta è della deputata Marjiorie Taylor Green, seguace delle teorie di QAnon. Lo accusa di abuso di potere
UNIONE EUROPEA
4 ore
Le varianti spaventano, l'Europa stringe sui viaggi
L'Unione europea non intende chiudere i confini: «Una zona epidemiologica unica»
IRAQ
4 ore
Doppio attentato a Baghdad, l'Isis: «È opera nostra»
Bombe in un mercato di vestiti usati. Il bilancio è di 35 morti e 80 feriti.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile