keystone
+12
ARGENTINA
26.11.20 - 21:380

Caos ai funerali di Maradona a Baires

Gli esclusi dalla processione hanno reagito attaccando gli agenti con bastoni, sassi e bottiglie.

A Casa Rosada si sono riuniti i familiari dell'ex calciatore, ma alla sua ex compagna è stato negato l'ingresso.

BUENOS AIRES - Ci sarà un prima ed un dopo Diego Armando Maradona. Se ne è reso conto oggi il fiume di uomini, donne e bambini che a Buenos Aires ha atteso per ore, molti per tutta la notte, di poter entrare nella storica Casa Rosada per rendere l'estremo omaggio a colui che ha sublimato l'Argentina nel mondo.

Una maestosa processione laica, a tratti caotica, iniziata alle 6 del mattino e continuata per tutto il giorno, segnata dalle lacrime e dal dolore ma anche da incidenti e scontri nel pomeriggio, quando la famiglia ha insistito per confermare la chiusura della camera ardente alle 16.30 nonostante le migliaia di persone che da ore aspettavano di avanzare. La polizia ha tagliato la fila all'altezza di Avenida 9 de Julio e Avenida de Mayo, scatenando l'ira di quanti si sono sentiti esclusi e hanno reagito attaccando gli agenti con bastoni, sassi e bottiglie, e rovesciando le barriere metalliche. Le forze dell'ordine hanno risposto con idranti, sfollagente e fucili con proiettili di gomma. Lacrimogeni sono stati lanciati anche vicino alla Casa Rosada, e a quel punto i familiari hanno accettato di tenere aperto fino alle 19. Stesse scene di caos si sono ripetute in serata, quando il feretro è stato precipitosamente spostato dopo che un gruppo di persone ha fatto irruzione nel cortile del palazzo presidenziale e gli agenti hanno dovuto di nuovo usare la forza per evacuare l'edificio.

Lutto nazionale - Nessuno da queste parti ha dubitato che all'eroe spettasse un tributo di Stato, con tre giorni di lutto nazionale decretati dal presidente Alberto Fernández che ha messo a disposizione il palazzo che si affaccia sulla Plaza de Mayo per la camera ardente. L'Argentina tutta e la capitale in particolare hanno passato una nottata insonne di fronte all'enormità del dolore causato dalla morte di Diego. Dopo l'autopsia fatta ieri sera, che ha confermato il decesso per crisi cardiaca, i suoi resti sono stati trasferiti in nottata nell'edificio presidenziale.

Negato l'ingresso all'ultima compagna - Prima dell'alba attorno alle spoglie del Diez si sono raccolti i membri della famiglia: l'ex moglie Claudia Villafane, le figlie Dalma e Giannina, un'altra figlia, Jana, l'ex fidanzata Veronica Ojeda con il figlio Dieguito Fernando, l'amico Guillermo Coppola e vari calciatori del Boca e della nazionale. Radio e tv hanno presidiato l'ingresso alla Casa Rosada sulla calle Balcarce n.50 dove si sono avvicinate personalità note e meno note, e dove alcune persone un tempo vicine a Maradona, come l'ultima compagna Rocio Oliva, si sono viste negare fra le lacrime l'ingresso dal 'no' dei famigliari.

La "sfilata" - Poi il popolo di Diego ha cominciato a fluire all'interno, sfilando davanti al feretro coperto con la bandiera argentina e le magliette dell'Albiceleste, del Boca Juniors, dell'Argentinos Juniors e del Napoli, lanciando baci, levando il pugno chiuso, deponendo fiori, bandiere, magliette e bigliettini con messaggi. Su alcuni degli striscioni lasciati sul posto si leggeva 'Diego, se tu stai bene stiamo bene anche noi', 'So che oggi ti sei finalmente riunito con Dio', oppure 'Pelusa, in Argentina non ci sono squadre di calcio, c'è solo Maradona!'.

A fine mattinata è arrivato il capo dello Stato. Accompagnato dal premier Santiago Cafiero e dalla first lady Fabiola Yanez, ha deposto sul feretro la camiseta dell'Argentinos Juniors, con il n.10 e un 'panuelo' (fazzoletto) usato dalle Madri di Plaza de Mayo. Prima di ritirarsi, ha salutato i familiari di Maradona e l'ex calciatore del River, Enzo Francescoli.

In serata il trasferimento del feretro nel cimitero Jardin di Bella Vista, a 35 chilometri da Buenos Aires, dove Maradona riposerà per sempre accanto ai suoi amati genitori.

keystone-sda.ch (Demian Alday Est?vez)
Guarda tutte le 16 immagini
TOP NEWS Dal Mondo
STATI UNITI
12 ore
Bin Salman autorizzò il blitz per uccidere Khashoggi
È questo in sostanza il contenuto del rapporto dell'intelligence Usa diffuso questa sera
ITALIA
12 ore
La Lombardia da lunedì si tinge d'arancione
Aumenta il tasso di positività. Le province più colpite sono quelle di Milano, Brescia e Monza e Brianza
REGNO UNITO
13 ore
A 15 anni fuggì in Sira per unirsi allo Stato Islamico, ora non può più tornare a casa
La decisione della Corte Suprema britannica condanna una giovane sposa dell'Isis a un destino da apolide
GERMANIA
14 ore
Le famose calzature Birkenstock sono state rilevate da LVMH
L'affare si aggira attorno ai 4 miliardi di euro. L'intenzione è quella di espandersi anche in Asia
ITALIA
16 ore
Monitoraggio: Lombardia e altre quattro regioni ad «alto rischio»
Regioni italiane confinanti con il Ticino verso l'arancione, confermano i dati. Livello di rischio in peggioramento.
ITALIA
19 ore
«La terza ondata ha inizio»: l'Italia si tinge di rosso e arancione
Due regioni si apprestano a entrare in massima allerta. Sei potrebbero diventare arancioni. Una, la Sardegna, bianca.
STATI UNITI
22 ore
Attacchi in Siria: quando Biden e la sua portavoce criticavano Trump
Dopo il raid nella notte, emergono tweet che fanno indignare anche i sostenitori del neopresidente.
SIRIA
1 gior
Il primo attacco missilistico dell'era Biden, è in Siria e ha causato almeno 17 morti
Si tratta di una rappresaglia e ha colpito una base di miliziani sostenuti dall'Iran
FOCUS
1 gior
Andrea, 22 anni. Segni particolari: neonazista
È nemico dei neri. È negazionista. Diffondeva via web documenti in cui incitava l'eliminazione degli ebrei
PAKISTAN
1 gior
In Pakistan si produce troppa energia elettrica (ed è un problema)
Per la maggior parte proviene da centrali a carbone, i costi (non solo ambientali) sono molto alti.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile