keystone
+12
ARGENTINA
26.11.20 - 21:380

Caos ai funerali di Maradona a Baires

Gli esclusi dalla processione hanno reagito attaccando gli agenti con bastoni, sassi e bottiglie.

A Casa Rosada si sono riuniti i familiari dell'ex calciatore, ma alla sua ex compagna è stato negato l'ingresso.

BUENOS AIRES - Ci sarà un prima ed un dopo Diego Armando Maradona. Se ne è reso conto oggi il fiume di uomini, donne e bambini che a Buenos Aires ha atteso per ore, molti per tutta la notte, di poter entrare nella storica Casa Rosada per rendere l'estremo omaggio a colui che ha sublimato l'Argentina nel mondo.

Una maestosa processione laica, a tratti caotica, iniziata alle 6 del mattino e continuata per tutto il giorno, segnata dalle lacrime e dal dolore ma anche da incidenti e scontri nel pomeriggio, quando la famiglia ha insistito per confermare la chiusura della camera ardente alle 16.30 nonostante le migliaia di persone che da ore aspettavano di avanzare. La polizia ha tagliato la fila all'altezza di Avenida 9 de Julio e Avenida de Mayo, scatenando l'ira di quanti si sono sentiti esclusi e hanno reagito attaccando gli agenti con bastoni, sassi e bottiglie, e rovesciando le barriere metalliche. Le forze dell'ordine hanno risposto con idranti, sfollagente e fucili con proiettili di gomma. Lacrimogeni sono stati lanciati anche vicino alla Casa Rosada, e a quel punto i familiari hanno accettato di tenere aperto fino alle 19. Stesse scene di caos si sono ripetute in serata, quando il feretro è stato precipitosamente spostato dopo che un gruppo di persone ha fatto irruzione nel cortile del palazzo presidenziale e gli agenti hanno dovuto di nuovo usare la forza per evacuare l'edificio.

Lutto nazionale - Nessuno da queste parti ha dubitato che all'eroe spettasse un tributo di Stato, con tre giorni di lutto nazionale decretati dal presidente Alberto Fernández che ha messo a disposizione il palazzo che si affaccia sulla Plaza de Mayo per la camera ardente. L'Argentina tutta e la capitale in particolare hanno passato una nottata insonne di fronte all'enormità del dolore causato dalla morte di Diego. Dopo l'autopsia fatta ieri sera, che ha confermato il decesso per crisi cardiaca, i suoi resti sono stati trasferiti in nottata nell'edificio presidenziale.

Negato l'ingresso all'ultima compagna - Prima dell'alba attorno alle spoglie del Diez si sono raccolti i membri della famiglia: l'ex moglie Claudia Villafane, le figlie Dalma e Giannina, un'altra figlia, Jana, l'ex fidanzata Veronica Ojeda con il figlio Dieguito Fernando, l'amico Guillermo Coppola e vari calciatori del Boca e della nazionale. Radio e tv hanno presidiato l'ingresso alla Casa Rosada sulla calle Balcarce n.50 dove si sono avvicinate personalità note e meno note, e dove alcune persone un tempo vicine a Maradona, come l'ultima compagna Rocio Oliva, si sono viste negare fra le lacrime l'ingresso dal 'no' dei famigliari.

La "sfilata" - Poi il popolo di Diego ha cominciato a fluire all'interno, sfilando davanti al feretro coperto con la bandiera argentina e le magliette dell'Albiceleste, del Boca Juniors, dell'Argentinos Juniors e del Napoli, lanciando baci, levando il pugno chiuso, deponendo fiori, bandiere, magliette e bigliettini con messaggi. Su alcuni degli striscioni lasciati sul posto si leggeva 'Diego, se tu stai bene stiamo bene anche noi', 'So che oggi ti sei finalmente riunito con Dio', oppure 'Pelusa, in Argentina non ci sono squadre di calcio, c'è solo Maradona!'.

A fine mattinata è arrivato il capo dello Stato. Accompagnato dal premier Santiago Cafiero e dalla first lady Fabiola Yanez, ha deposto sul feretro la camiseta dell'Argentinos Juniors, con il n.10 e un 'panuelo' (fazzoletto) usato dalle Madri di Plaza de Mayo. Prima di ritirarsi, ha salutato i familiari di Maradona e l'ex calciatore del River, Enzo Francescoli.

In serata il trasferimento del feretro nel cimitero Jardin di Bella Vista, a 35 chilometri da Buenos Aires, dove Maradona riposerà per sempre accanto ai suoi amati genitori.

keystone-sda.ch (Demian Alday Est?vez)
Guarda tutte le 16 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
AFGHANISTAN
2 ore
A otto anni con l'ombra della fame: «A volte dormo senza aver mangiato»
La testimonianza di una famiglia di Kabul, sentita da Save The Children: «Tutto è diventato costoso».
ARABIA SAUDITA
5 ore
Mohammed bin Salman suggerì di uccidere re Abdullah?
Lo ha dichiarato un ex alto funzionario dell'intelligence saudita alla trasmissione 60 Minutes
REGNO UNITO
7 ore
La talpa ed i "Facebook Papers", il social vede sempre più buio
Dopo il suo esposto negli Stati Uniti, l'ex dipendente ha oggi raggiunto anche i legislatori britannici
GERMANIA
9 ore
Sposò la causa dell'ISIS, condannata a dieci anni di carcere
La donna, oltre a far parte del gruppo estremista, avrebbe assistito senza agire all'omicidio di una bambina
ISRAELE
11 ore
Eitan dovrà tornare in Italia
La decisione di oggi del tribunale di Tel Aviv ha dato ragione alla zia paterna, ma il ricorso è molto probabile
MONDO
11 ore
Plastica: Coca-Cola e Pepsi sono i più grandi inquinatori al mondo
Terzo posto per Unilever, sponsor principale del vertice sul clima COP26, quarto posto per la svizzera Nestlé
SUDAN
13 ore
Premier in manette, scontri, fiamme e feriti. Cosa sta succedendo in Sudan?
Il paese africano si stava dirigendo verso un'elezione democratica, che è messa ora in pericolo dall'esercito
STATI UNITI
16 ore
Cosa è successo quel giorno sul set di “Rust”
Tanta maretta nella troupe, un aiuto regista superficiale e molto stress dietro a quelle riprese finite in tragedia
STATI UNITI
20 ore
Ripulire le strade "razziste", il sogno americano di Alex
Si punta il dito perfino contro le vie dedicate a Cristoforo Colombo
ITALIA
1 gior
Dallo sballo allo stupro, Ghb la droga che dilaga
Disinibire ma anche sedare fino quasi al coma, perché questo stupefacente non è mai stato così popolare
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile